08-12-2020

Giuseppe Tortato Architetti Interior di Montagna, uno chalet sulle Alpi

Giuseppe Tortato,

Ville,

Legno,

Nella splendida cornice delle Alpi Orobie della Valtellina, ad Aprica, l'attico di uno chalet di nuova costruzione diventa il rifugio perfetto per una famiglia che desiderava sottrarsi al caos della città di Milano, ma non voleva rinunciare al comfort e alla possibilità di ospitare degli amici. Il progetto di interior di questo attico di montagna è firmato dall'architetto Giuseppe Tortato che rivisitando completamente la pianta originaria e inserendo un soppalco, è riuscito a sfruttare al meglio la cubatura a disposizione e dar vita a un ambiente elegante e ricercato.



Giuseppe Tortato Architetti Interior di Montagna, uno chalet sulle Alpi

L'architetto Giuseppe Tortato affiancato dal suo team di studio, ha recentemente firmato il progetto d'interior di un attico ad Aprica in provincia di Sondrio, nella splendida cornice delle Alpi Orobie della Valtellina. L'attico si trova in uno chalet di nuova costruzione e diventa il rifugio perfetto per una famiglia che desiderava sottrarsi al caos della città di Milano, ma non voleva rinunciare al comfort e alla possibilità di ospitare degli amici. Nel progetto di interior l'architetto Giuseppe Tortato rivisita completamente la pianta originaria e inserisce un soppalco per sfruttare al meglio la cubatura a disposizione e dar vita a un ambiente elegante e ricercato.
La nostra idea – ha spiegato l’architetto Gìuseppe Tortato – è stata quella di realizzare un soppalco di circa 20 metri quadri sopra ai bagni, caratterizzato da un vetro che dividesse lo spazio in due parti: la prima utilizzabile dai figli e la seconda aperta sulla zona living. Una specie di casa sull’albero a cui accedere grazie a una scala a pioli.”
Un'operazione che inevitabilmente ricorda le parole lasciate da Adolf Loos a proposito del Raumplan: «Prima di Kant, l’umanità non poteva ancora pensare nello spazio e gli architetti erano costretti a fare il gabinetto alto quanto il salone. Soltanto dividendo tutto in due potevano ottenere locali più bassi. E come un giorno l’uomo riuscirà a giocare a scacchi su un cubo, così anche gli altri architetti risolveranno il problema della pianta nello spazio». (Adolf Loos, "Josef Veillich", 1929 in Parole nel vuoto, Milano, Adelphi, 1972).

La soluzione adottata dall'architetto Giuseppe Tortato è la messa in pratica della lezione di Loos sul Raumplan. Sfruttando la pendenza del tetto e la minore altezza permessa dai regolamenti edilizi per i bagni, l'architetto ricava un nuovo e doppio ambiente a servizio della casa dividendo lo spazio in altezza.Un'operazione semplice e rivoluzionaria che consente di massimizzare lo spazio a disposizione, regalando alla camera da letto e al living uno spazio aggiuntivo da usare per un secondo letto oppure come spazio di lettura e relax. La creazione di questo soppalco amplia la superficie a disposizione rispetto alla pianta originaria, l'attico ha quindi spazi più ampi, vivibili e confortevoli anche per gli eventuali ospiti. La superficie complessiva della casa diventa di circa 80 mq, suddivisi in un ampio living con cucina e soggiorno, due camere da letto e due bagni.
La ricerca sui temi dell’esperienza sensoriale e della sostenibilità, che l'architetto adotta nel suo approccio alla progettazione, si traduce in questo progetto d'interior nella scelta di legno, pietra e lamiera brunita, usati per il rivestimento e gli arredi. Materiali semplici che l'architetto sceglie per la loro forte personalità e a cui corrispondono colori decisi con texture aspre e ruvide che richiamano le spigolosità e le difficoltà della montagna. Il risultato è uno chalet dallo stile ricercato, che è allo stesso tempo elegante e confortevole, ma anche semplice e intimo come ci si aspetta da un rifugio di montagna.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Giuseppe Tortato Architetti

Credits

Architect: Arch. Giuseppe Tortato
Project manager: Designer Cristina Sipala
Date: 2018
Location: Aprica (So), Italia
Area: 80 mq
Furniture and coverings: Arredamenti Armanasco (Lovero-SO)
Materials: wood
Lighting: Catellani & Smith


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature