13-07-2020

Completata la nuova stazione di Assen firmata da Powerhouse Company e De Zwarte Hond

Powerhouse Company, De Zwarte Hond,

Egbert de Boer, Sebastian van Damme,

Assen,

Stazioni,

Un nuovo iconico tetto triangolare in legno definisce la nuova stazione di Assen e diventa la porta d'ingresso alla città dei Paesi Bassi. Il progetto recentemente completato è firmato dagli studi d'architettura Powerhouse Company e De Zwarte Hond che hanno deciso di inserire un forte gesto urbano che sembra galleggiare sugli edifici sottostanti e collegare due quartieri della città.



Completata la nuova stazione di Assen firmata da Powerhouse Company e De Zwarte Hond

Il progetto della nuova stazione di Assen firmato dagli studi d'architettura Powerhouse Company e De Zwarte Hond e recentemente concluso, è caratterizzato da un forte segno urbano: il suo tetto triangolare in legno. In origine la stazione di Assen, era solo una stazione di transito lungo la linea ferroviaria Meppel-Groninga anche conosciuta come Staatslijn C, la città restava quindi invisibile agli occhi dei tanti viaggiatori. L'amministrazione cittadina, committente del progetto, ha quindi chiesto ai due studi incaricati di progettare una stazione che potesse diventare una "porta sulla città", che si presentasse come un'architettura trasparente annullando anche, a livello del quartiere, la barriera fisica costituita dai binari.

Powerhouse Company e De Zwarte Hond hanno progettato una stazione che si presenta “connettiva, trasparente e sostenibile”, invitante da ogni punto di vista, ma con una forte identità. Quel suo tetto triangolare è infatti un segno urbano che si impone con eleganza e sembra galleggiare sugli edifici sottostanti, ma che allo stesso tempo crea un collegamento tra il quartiere orientale e quello occidentale della città. Il tetto è una struttura interamente in legno che si sviluppa per una superficie di 3000 mq, ha una geometria semplice con una leggera pendenza in corrispondenza dell'ingresso al garage sotterraneo delle biciclette e una curva a livello dei binari. Il materiale utilizzato, il legno, rappresenta una eccezionalità, quello della stazione di Assen è infatti l'unico tetto di una stazione dei Paesi Bassi costruito interamente in questo materiale. Una scelta che gli architetti spiegano con la necessità di creare un'atmosfera invitante per i viaggiatori, ma anche per legarsi al carattere verde e di città sostenibile che Assen si è data e di cui la stazione è un elemento importante con la sua funzione di hub multimodale. L'illuminazione naturale della stazione è assicurata dalle finestre distribuite nella parte centrale del tetto che creano piacevoli giochi luminosi sulle banchine e nella hall. Sotto il grande tetto in legno, le funzioni commerciali e di servizio ai viaggiatori della stazione sono organizzate in edifici isolati con facciate in mattoni faccia a vista e angoli arrotondati. La stazione appare ai viaggiatori come una grande piazza pubblica, una porta d'ingresso da cui inizia il percorso verso la città. La soluzione elaborata dagli studi d'architettura Powerhouse Company e De Zwarte Hond, con il grande tetto sostenuto da colonne in metallo, è flessibile e permette di adattare gli spazi sottostanti alle future esigenze delle aree commerciali o in base alle necessità connesse al numero di passeggeri in transito.

(Agnese Bifulco)

Image courtesy of Powerhouse Company, photo by: Egbert de Boer, Sebastian van Damme

Project details
 Location: Assen, The Netherlands
Period: 2014-2020
Size: 3.015 m2  

Project credits
 Client: Assen municipality, ProRail, NS
Architects: Powerhouse Company and De Zwarte Hond
Partners in charge: Stefan Prins, Jeroen de Willigen
Team: Nanne de Ru, Erik Roerdink, Dik Houben, Maarten Diederix, Eric van Keulen, Erwin van Strien, Ben van der Meer, Max Tala Nossin, Tjeerd Jellema, Yoon Kyun (Peter) Lee, Marc Beeftink, Chris ten Have, Julius Kirchert, Paul Rikken, Katarzina Klepacz, Jeffrey Ouwens, Martijn Korendijk, Freddy Siekmans, Martine Drijftholt, Kris Schaasberg, Richard Vrijland
Main structural engineer: Gilbert van der Lee, Breed Integrated Design
Structural engineer wood construction: Miebach Ingenieurbüro
Mobility advisor: InVra plus
Installation advisor: Adviesbureau VanderWeele
Fire safety advisor: Munnik Brandadvies
Main contractor: Hegeman Bouwgroep
Wood structure: Heko Spanten
Steel structure: Broeze
Synthetic roof: Licotec
Photography: Egbert de Boer (01), Sebastian van Damme (02-20)
Videography: Marcel IJzerman


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature