21-01-2019

100 anni di Bauhaus

Walter Gropius,

Tillmann Franzen,

Berlino, Germania, Weimar, Germania, Dessau, Germania,

Scuola,

La Germania celebra i primi 100 anni dalla nascita del Bauhaus, la famosa scuola e movimento fondati a Weimar dall'architetto Walter Gropius. Dal 16 al 24 gennaio un festival in pieno stile Bauhaus ha dato il via all'ampio programma di eventi per il centenario.



100 anni di Bauhaus

Il 2019 sarà un anno di importanti celebrazioni per l'architettura. L'anno è infatti iniziato con gli eventi dedicati ai sessantanni di un edificio icona dell'architettura mondiale, il Guggenheim Museum di New York progettato da Frank Lloyd Wright e prosegue con l'anniversario del Bauhaus, una scuola e un movimento culturale che ha profondamente caratterizzato il XX secolo. 100 anni fa, nell'aprile del 1919 l'architetto Walter Gropius pubblicò il Manifesto e programma del Bauhaus statale di Weimar, primo atto ufficiale della celebre scuola e del movimento che innovarono profondamente l'architettura, il design, le arti applicate e l'arte del 900. La scuola fondata a Weimar da Gropius riuniva insieme un istituto superiore di belle arti e una scuola di arte applicata con una nuova sezione dedicata all'architettura. Si trattava di una nuova scuola destinata a formare gli architetti del futuro, professionisti con competenze tecniche, artistiche e artigianali che avrebbero potuto rispondere alle necessità dei nuovi cittadini. Dal 1925 la scuola si spostò a Dessau, nel famoso edificio progettato dallo stesso Gropius e vero manifesto del movimento razionalista di quegli anni. Gropius fu sostituito alla direzione della scuola di Dessau da Hannes Meyer, a cui successe Mies van der Rohe fino alla chiusura definitiva del Bauhaus da parte dei nazisti. Paradossalmente proprio la chiusura della scuola da parte dei nazisti e la conseguente dispersione degli insegnanti all'estero permise la massima diffusione delle idee e delle esperienze maturate nel Bauhaus, basti pensare agli stessi Mies van der Rohe e Gropius che continuarono nella loro attività di insegnamento rispettivamente all'ITT di Chicago e all'Harvard University.

Il 16 gennaio è stato inaugurato il festival di apertura che proseguirà fino al 24 gennaio all'Akademie der Künste di Berlino. Il festival segna l'inizio delle celebrazioni che a livello nazionale, proseguiranno in tutta la Germania, per ricordare il centenario dalla fondazione del Bauhaus. Il festival ha un ampio e variegato programma con mostre, concerti, installazioni, teatro, danza, cinema, workshop e altre perfomance artistiche, per far rivivere lo spirito del Bauhaus nella tradizione dei suoi grandi maestri Oskar Schlemmer, Wassily Kandinsky, László Moholy-Nagy, Paul Klee e altri.
La direttrice artistica del festival, Bettina Wagner-Bergelt, si è ispirata proprio alla Bauhaus Week del 1923 e alle feste del Bauhaus per ricreare quell'atmosfera di sperimentazione e ricerca, apprendimento e insegnamento che le caratterizzava ma con l'intento di offrire una rilettura contemporanea di quegli eventi, un vero Bauhaus del 21° secolo. Contemporanea è ad esempio l'installazione di realtà virtuale "Das Totale Tanz Theater" realizzata dall'Interactive Media Foundation e dal coreografo Richard Siegal e Artificial Rome che trasporta i visitatori in un palcoscenico virtuale ed esplora attraverso la danza il rapporto tra uomo e macchina, tema centrale del festival d'apertura. Numerosi gli eventi dedicati all'architettura e al design che si susseguiranno in diverse città della Germania, per scoprire anche i siti principali del Bauhaus a Weimar e Dessau riconosciuti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO dal 1996. Tra gli eventi Bauhaus Imaginista, è il progetto internazionale che si propone di indagare l'influenza del Bauhaus sul mondo contemporaneo e concentrandosi in particolare sui rapporti che ebbe con scuole e movimenti non europei. Il progetto costituito da quattro mostre è partito nel 2018 dal Giappone ha attraversato Cina, Russia e Brasile e si concluderà a Berlino in marzo.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Bauhaus 100, photo by Tillmann Franzen

www.bauhaus100.com
www.bauhausfestival.de
www.bauhaus-imaginista.org


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×