17-10-2019

SOM Skidmore Owings & Merrill riqualifica il complesso Allianz di Gio Ponti

Skidmore, Owings & Merrill LLP,

Paolo Rosselli, Paolo Monti,

Milano,

Headquarters,

A Milano è stato recentemente presentato il progetto dello studio SOM Skidmore Owings & Merrill che darà una nuova vita al complesso Allianz progettato dagli architetti Gio Ponti, Piero Portaluppi e Antonio Fornaroli negli anni '50 / '60 del XX secolo. Una mostra ha raccontato passato, presente e futuro di questa parte della città e della chiesa di Santa Sofia a cui è strettamente legato anche il complesso di Corso Italia 23.



SOM Skidmore Owings & Merrill riqualifica il complesso Allianz di Gio Ponti

Il progetto dello studio SOM Skidmore Owings & Merrill è stato selezionato al termine di un concorso internazionale di progettazione tra otto famosi studi d'architettura invitati a trasformare la storica sede milanese del Gruppo Allianz. Presentata attraverso la mostra “Lavori in corso”, la proposta di SOM darà una nuova vita allo storico complesso, progettato dagli architetti Gio Ponti, Piero Portaluppi e Antonio Fornaroli tra la fine degli anni '50 e i primi anni ‘60 del XX secolo. Il nuovo progetto rispetta la memoria storica del luogo e della costruzione e allo stesso tempo soddisfa le esigenze presenti e future dei nuovi utenti. La storica sede del Gruppo Allianz diventerà un campus di uffici vivace e vibrante che aspira a raggiungere la certificazione WELL Gold (Well Gold Building Standard). Un progetto improntato, quindi, non solo a criteri di sostenibilità e flessibilità, ma che usa la progettazione per migliorare la salute e il benessere dei suoi utenti, adottando anche strategie di Workplace e smart building. Il tutto sempre in un dialogo costante e continuo con il progetto originale degli architetti italiani.

Gli architetti di SOM interpretano e ripristinano alcuni elementi del progetto originale, persi o trascurati nel corso degli anni, ad esempio una migliore connettività con la città. Inoltre c'è una grande attenzione a soddisfare le esigenze degli utenti offrendo loro un ambiente lavorativo flessibile e adattabile. Il nuovo Corso Italia 23, avrà una corte interna con un piacevole giardino che diventerà il cuore del campus e permetterà l'interazione tra gli edifici che lo compongono. La maggiore permeabilità visiva tra spazi interni ed esterni, un attento e dinamico progetto del landscape, una serie di servizi come il Fitness Center, il Business Center, l’area Retail e la Food Hall, offriranno agli utenti un'esperienza più appagante.
Per adeguare il campus alla richiesta di spazi lavorativi contemporanei, gli architetti hanno aggiunto nuove lobby destinandole a diversi usi. Altre importanti strategie sono state adottate negli spazi di lavoro per favorire: collaborazione tra gli utenti, creatività e concentrazione. Ogni piano di uffici è dotato di uno spazio hub centrale che crea una connessione verticale per tutto l'edificio e offre spazi comuni a disposizione dei dipendenti per incontri informali.
La nuova identità degli edifici di Corso Italia 23 sarà apertamente dichiarata attraverso il ridisegno delle facciate, ma sempre nel rispetto di alcuni capisaldi come la relazione con la città, le prestazioni ambientali e la storia dell'edificio. In copertura sono stati aggiunti nuovi elementi, come terrazze a uso degli uffici executive, oltre a spazi verdi a disposizione di tutti gli utenti del campus. Terrazze e giardini pensili sono importanti luoghi di ispirazione e offrono una pausa nella frenetica giornata lavorativa, rivestono quindi un ruolo fondamentale in un campus che aspira a garantire ai suoi utenti salute e benessere sul luogo di lavoro.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Allianz Real Estate & SOM, photo by Paolo Rosselli (2, 10-18), Paolo Monti (19-21), renders by SOM

Client: Allianz Real Estate
Architectural Project And General Coordination: Skidmore, Owings & Merrill (Europe) LLP

CONSULTANTS
Local Architect, Architect of Record, Cost Consultant Fire and Life Safety: Proger
Structural Design: BMS
MEP, Sustainability and Smart Building Design: Manens-Tifs
Lighting Design: Filippo Cannata
Transport and Vertical Transportation: Systematica
Heritage Consultant: TA Architettura
Project Management: Jacobs Italia

Surface Areas
Total Area : 45,000 sqm
Office Area : 24,125 sqm
External Area: 2,180 sqm
Roof Area: 1,510 sqm


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×