08-01-2021

SOM Daniel Patrick Moynihan Train Hall New York

Skidmore, Owings & Merrill LLP,

Lucas Blair Simpson,

New York, USA,

Stazioni,

Il 1° gennaio 2021 ha aperto al pubblico la Daniel Patrick Moynihan Train Hall, la nuova sala treni della Penn Station di New York progettata dallo studio d'architettura Skidmore, Owings & Merrill (SOM) nello storico edificio dell’ufficio postale di James A. Farley. Un progetto civico monumentale e importante che modifica il modo in cui milioni di persone interagiscono ogni giorno in una delle più grandi città del mondo, regalando nuove esperienze di viaggio e restituendo grandiosità a un complesso storico.



SOM Daniel Patrick Moynihan Train Hall New York

A New York il nuovo anno è iniziato in un modo molto speciale, con l'inaugurazione della rinnovata Daniel Patrick Moynihan Train Hall. La nuova sala treni è stata progettata dallo studio d'architettura Skidmore, Owings & Merrill (SOM) e intitolata al senatore degli Stati Uniti che per primo aveva dato il via al progetto negli anni novanta del XX secolo. Il progetto ha permesso di ampliare del 50% lo spazio totale della sala e di restituire grandiosità a un edificio secolare, quello dell’ufficio postale di James A. Farley.
Il complesso storico si trova tra l'Eighth e la Ninth Avenues e la West 31st e la 33rd Streets, e diventerà un importante snodo di transito ferroviario, in più offrirà una nuova esperienza alle migliaia di pendolari che ogni giorno, attraversando la stazione, interagiscono in una delle più grandi città del mondo. La prima è più importante novità è la luce, che dopo oltre 50 anni torna nei corridoi della Penn Station, dando all'intervento anche un valore simbolico perché come sottolineato da Colin Koop, partner di SOM, questo è un momento importante nella storia della città.
La Pennsylvania Station originale era stata progettata dallo studio McKim, Mead & White nel 1910. L'edificio era considerato un capolavoro dello stile Beaux-Arts e permetteva, per la prima volta, l'arrivo diretto alla città di New York per i viaggiatori provenienti da sud.
Dopo la seconda guerra mondiale, con la diminuzione del traffico passeggeri, la stazione aveva perso progressivamente la sua importanza. Demolizioni e ristrutturazione di alcuni corpi di fabbrica ne avevano trasformato gli spazi fino ad arrivare alla moderna Penn Station che dell'edificio originario conservava ormai solo i binari e corridoi sotterranei. Negli ultimi 50 anni con il progressivo aumento del traffico passeggeri, che è passato da 200.000 fino a oltre 600.000 unità giornaliere, è maturata la necessità di un rinnovamento della stazione. Un'operazione che ha trovato terreno favorevole anche nel progressivo sotto utilizzo di un altro edificio, progettato sempre da McKim, Mead & White, ma nel 1913. Si tratta del Farley Building che è apparso come il luogo perfetto per realizzare la nuova stazione ferroviaria sia per la sua posizione, al di sopra dei binari della Penn Station, sia per alcuni elementi architettonici, come la grande scalinata e il colonnato, che richiamavano il progetto di studio della storica stazione.
La nuova sala dei treni è diventata il cuore di tutta la trasformazione. È stata realizzata nell'ex sala di smistamento della posta, uno spazio di 31.000 metri quadrati ora coperto da uno scenografico lucernario che richiama quello dell'originale Penn Station del 1910. Per realizzare e sostenere la nuova copertura, composta da quattro volte a catenaria realizzate con oltre 500 pannelli in vetro e acciaio, gli architetti di SOM hanno posto a vista le tre capriate in acciaio dell'edificio. La struttura è diventata un elemento fondamentale del nuovo progetto e ha messo in evidenza il design neoclassico dello spazio originario. A evocare l'atmosfera della stazione storica è anche un altro elemento: il nuovo orologio progettato da Pennoyer Architects che posto sulla capriata centrale al centro dello spazio, richiama gli storici orologi analogici.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Skidmore, Owings & Merrill
Photos: Lucas Blair Simpson © SOM
Drone Photos: Lucas Blair Simpson | Aaron Fedor © SOM

Architects: Skidmore, Owings & Merrill (SOM)
Market: Transportation
Service: Architecture, Urban Design + Planning, Adaptive Reuse
Project Area: 486,000 ft2 (45.000 m2)
Location: New York, New York
Anticipated Completion: 2020


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature