01-05-2020

Università green a Pisa di Heliopolis 21

Heliopolis 21,

Heliopolis 21, Alessandro Gonnelli, Ilaria Fruzzetti,

Pisa, Italia,

Università, Centro Ricerche, Dipartimenti,

Cemento,

Un edificio a impatto zero per il polo universitario SR39 di Pisa, realizzato da Heliopolis 21



Università green a Pisa di Heliopolis 21 Il polo universitario SR39 di Pisa è un edificio green, in quanto ha impatto zero sull’ambiente e offre un’alta gestibilità energetica.
A Pisa in via Risorgimento, angolo via Nicola Pisano, si trova un provocatorio edificio in cemento armato faccia a vista frutto di un insieme di soluzioni di alto pregio dal punto di vista energetico e della scelta dei materiali, grazie ai quali ricompone il lotto in cui è costruito, diventando architettonicamente molto riconoscibile.
La facciata esterna, che è la pelle strutturale fondante dell’edificio, collabora con gli esili pilastri interni, così voluti per evitare presenze ingombranti dentro l’edificio. Le fitte travi che si vedono sul tetto, infatti, collaborano efficacemente alla rigidità strutturale e sono un elemento interessante nel linguaggio minimal scelto dagli architetti per la costruzione dei tre corpi. La superficie esterna, trattata con sabbiatura, lavatura e un trattamento antigraffito, è del tutto innovativa, così come i 3 pozzi e le 36 sonde geotermiche che assicurano non solo il riscaldamento invernale a impatto zero, ma anche il raffrescamento estivo. Tutto questo avviene grazie a solette radianti, le quali permettono di nascondere i microelementi diffusori che di solito, con altri tipi di impianti, sono presenti nelle aule. In questo modo tutta la gestione degli impianti viene sposta in un luogo centralizzato dell’edificio, migliorandone il controllo globale.
Il polo universitario, che accoglie i laboratori di biologia e le aule di umanistica, è stato concepito per essere allo stesso tempo un luogo di accoglienza nel quartiere. Non a caso il giardino al suo interno è dedicato alle vittime della shoah, in quanto le leggi razziali nel 1939 vennero firmate nella residenza reale di San Rossore, una frazione della città di Pisa. Ed è grazie al ricordo di questi avvenimenti storici che il polo prende il nome di SR39, mentre il giardino interno sarà presto finito per essere un luogo in cui saranno custodite ed esposte opere dedicate a una tematica così delicata, ma da non dimenticare.



Fabrizio Orsini



Committente: Università di Pisa;
Progettazione architettonica: Heliopolis 21 AA;
Con: Diener & Diener Architekten, ARX srl;
Impianti: Obermeyer Planen + Beraten GmbH;
Progetto strutturale: A&I Progetti srl; Ing. Niccolò De Robertis.
Responsabile dei Lavori: Ing. Fabio Bianchi
Direzione Lavori: Arch. Carla Caldani - Università di Pisa

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature