22-10-2021

La Home of Chocolate di Christ & Gantenbein in mattoni smaltati e cemento armato

Christ & Gantenbein,

Walter Mair,

Kilchberg - Svizzera,

Aziende, Fabbriche,

Cemento, Mattoni,

In Svizzera la Home of Chocolate dell’azienda Lindt è stata realizzata dallo studio Christ & Gantenbein con un brillante intervento in mattoni smaltati e cemento armato.



La Home of Chocolate di Christ & Gantenbein in mattoni smaltati e cemento armato A Kilchberg, in Svizzera, lo studio Christ & Gantenbein ha realizzato, utilizzando dei mattoni tradizionali e smaltati, la Home of Chocolate of Lindt, un edificio che al suo interno presenta una grandiosa anima in cemento armato.
Costruita per una delle più famose aziende produttrici di cioccolato del mondo si va ad aggiungere a un quartiere già folto di costruzioni, sorte fin dal 1845. Data l’ubicazione, e vista la presenza di costruzioni dai diversi linguaggi architettonici, gli architetti con il preciso scopo di innovare hanno creato un involucro composto da due tipologie di mattoni, ovvero i classici laterizi rossi in contrapposizione con altri, disposti sulla facciata d’ingresso, rivestiti di un interessante smalto bianco, sul quale spiccano in acciaio dorato il nome e logo dell’azienda.
Però, in maniera sorprendente, l’interno dell’edificio è molto diverso, in quanto il grande atrio, lungo 64 metri e largo 13, prende luce dall’alto, mentre tutto l’impianto strutturale e murario è in cemento. Infatti, la cortina esterna è strutturalmente composta da dei tradizionali pilastri e da muratura continua negli angoli. Una scelta progettuale che serve a irrigidire il lungo telaio perimetrale, che che poi si articola per sorreggere la struttura interna e la copertura. Quest’ultima è stata infatti realizzata con grandi travi scatolari sormontate da quattro shed scalettati obliqui, i quali all’interno si aprono in altrettanti grandi lacunari tondi, pensati per essere in linea con il linguaggio formale scelto per l’atrio. Qui però la struttura si trasforma, in quanto le due file di sette piloni in cemento armato assumono un ruolo funzionale oltre che strutturale, cambiando di conseguenza anche il loro relativo dimensionamento. Nel dettaglio, su di un lato vi sono tre piloni pieni, i quali dalla loro forma a fungo reggono il grande ballatoio, mentre gli altri quattro sono stati concepiti cavi, per avere solo una funzione collaborativa. Sul lato opposto invece i piloni pieni, che questa volta sono due, diventano molto più grossi, in quanto reggono altrettante, ma ariose scale a chiocciola, mentre altri due contengono gli ascensori. I rimanenti tre invece, sempre circolari e cavi, contribuiscono attivamente all’insieme strutturale come i loro omologhi sul lato opposto.
Il risultato è di grande effetto, anche grazie a un ampio uso di marmo.


Fabrizio Orsini



LOCATION: Kilchberg, Switzerland
CLIENT: Lindt Chocolate Competence Foundation
YEAR 2014 - 2020
PROGRAM: Culture, Laboratory, Museum, Office, Retail
SIZE: GFA 21‘540 m2
Lenght: 93 m. Width: 45 m. Height: 21 m
TEAM
FOUNDING PARTNERS: Emanuel Christ, Christoph Gantenbein
PARTNER: Mona Farag
PROJECT LEADERS: Anna Flückiger, Astrid Kühn, Tabea Lachenmann
CHRIST & GANTENBEIN ARCHITECTS
Javier Bressel, Ana Sofia Costa Guerra, Eileen Davis, Szabolcs Egyed, Florian Kaiser, Kyrill Keller, Daan Koch, Andrew Mackintosh, Stephanie Müller, Catia Polido, Robert Schiemann, Anne Katharina Schulze, Guido Tesio, Leandro Villalba, Jean Wagner, Leonie Welling, Christina Wendler


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature