19-11-2021

Sail House di David Hertz Architects – Studio of Environmental Architecture

David Hertz Architects,

Bequia, Saint Vincent and the Grenadines,

Ville,

Lo studio David Hertz Architects, specializzato nella progettazione di strutture sostenibili, ha ultimato la realizzazione di Sail House, una grande e lussuosa architettura residenziale dalle forme particolari, ispirate dalla tradizione nautica di Sain Vincent e le Grenadines nei Caraibi. La casa è da un punto di vista energetico e idrico autosufficiente e ha vinto gli A+ Awards di quest'anno nella categoria Private House XL.



Sail House di David Hertz Architects – Studio of Environmental Architecture

David Hertz Architects, ovvero Studio of Environmental Architecture, ha realizzato una residenza di lusso nello stato caraibico di Saint Vincent and the Grenadines, facendo grande attenzione a limitare la sua impronta ecologica, rendendola così di fatto autosufficiente.
Sail House è il nome di questa grande architettura ispirata alla tradizione marinaresca locale. La copertura di Sail House è infatti realizzata con un tessuto tecnico normalmente utilizzato per le vele delle imbarcazioni che, oltre a limitare il costo e il peso della struttura, è in grado di ottimizzare ed espandere le sue superfici ombreggiate, nonché di efficientare la raccolta delle acque piovane e migliorare, al contempo, la ventilazione passiva grazie alla tecnica del camino termico.

David Hertz Architects – Studio of Environmental Architecture, che ha la propria sede a Los Angeles, California, ha realizzato Sail House per una coppia che, oltre a un nucleo abitativo centrale, ha voluto prevedere anche diverse unità più piccole, separate rispetto al corpo centrale, per dare ospitalità, e uno spazio dedicato, a SPA e piscina.
Sail House esternamente assomiglia a un'imbarcazione e non solo per la copertura in stile nautico. Anche il modo in cui si intersecano i tre livelli della casa, creando pontili, passerelle e parapetti, aggiunge un ulteriore tocco marinaresco all'architettura. Racconta David Hertz, fondatore dell'omonimo studio:"La principale fonte di ispirazione della Sail House è una barca in legno con alberi e vele, il sartiame e la ferramenta in acciaio inossidabile, ai quali si trovano riferimenti nell'abitazione."

Dal momento che la costruzione nelle isole caraibiche può essere difficile a causa delle risorse limitate e della geografia inospitale, Sail House è stata prefabbricata negli Stati Uniti, con il supporto dell'azienda TomaHouse, e solo in seguito spedita via nave dentro quindici container. Anche nell'organizzare la spedizione David Hertz ha voluto quindi ottimizzare al massimo la densità del carico per evitare sprechi.
La struttura prefabbricata è stata così installata sopra a un piccolo volume in cemento che funge sia come fondamenta, ancorando la residenza al terreno, sia come cisterna per la raccolta delle acque piovane. Da questo parallelepipedo, di dimensione ridotta, si slanciano verso l'esterno diverse travi in acciaio che, come i pennoni in una nave, danno stabilità alla struttura e alla copertura, minimizzando l'impatto sul terreno e sulla giungla circostante.

Sempre David Hertz racconta infatti in una nota stampa che "La sostenibilità era uno dei principali obiettivi del progetto della Sail House. Il sistema strutturale in alluminio, non corrosivo e resistente alle termiti, è ricoperto da tavole di legno ferro di recupero, riciclate da un pontile abbandonato del Borneo, così come lo sono i pavimenti a doghe, i ponti e le persiane verticali che controllano il sole basso e i venti prevalenti"

Gran parte delle finiture, sia interne che esterne, sono realizzate con palma intrecciata e frammenti di gusci di cocco reperiti in loco, mentre altre superfici decorate sono lavorate con tecniche tradizionali da artigiani giavanesi e balinesi. Gli interni di Sail House, pur garantendo lusso e comfort, sono arredati con uno stile minimale, che privilegia pochi arredi di grande qualità, tendenzialmente di colore chiaro e in contrasto con i materiali di rivestimento.

Le componenti sostenibili incluse da David Hertz nel progetto di Sail House sono diverse e tutte fondamentali. La casa è autosufficiente da un punto di vista energetico e idrico, grazie al recupero delle acque piovane e al fotovoltaico; utilizza legno di recupero e sfrutta il clima locale per annullare l'esigenza di riscaldamento/raffrescamento. A dimostrare tutto ciò David Hertz, fondatore dello Studio of Environmental Architecture, sostiene: "la resilienza può essere sia bella sia tattica".

Francesco Cibati

Project: David Hertz Architects, Studio of Environmental Architecture www.studioea.com
Year: 2020
Location: Bequia, Saint Vincent and the Grenadines

House Fabrication: TomaHouse
Principal Consulting on Design: David Hertz FAIA
Project Architect: Eric Lindeman
Project Designers: Stephan Schilli
Awards: Architizer A+ Awards, Jury winner on Residential, Private House (XL >6,000 sq ft)

Images courtesy of the Architect


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature