10-05-2019

Riapre Pavillon Le Corbusier a Zurigo con mostra Mon univers

Le Corbusier,

Zurigo,

Exhibition Center, Musei,

Mostra,

Recentemente ristrutturato il padiglione Le Corbusier di Zurigo, ultima opera del grande maestro dell'architettura moderna, aprirà le porte al pubblico l'11 maggio. A partire da quella data il padiglione sarà gestito come museo pubblico e inaugurerà questo ruolo con la mostra "Mon univers", dedicata alla passione personale di Le Corbusier per il collezionismo. Un'occasione per conoscere più da vicino il grande architetto scoprendo un altro aspetto del suo universo creativo.



Riapre Pavillon Le Corbusier a Zurigo con mostra Mon univers

Zurigo ha un nuovo punto di forza nella sua offerta culturale e turistica: il Pavillon Le Corbusier, ultima opera del grande maestro dell'architettura moderna, che dall'11 maggio torna a nuova vita. Ai colori brillanti e vivaci che aveva in occasione della prima inaugurazione del 1967. Un'opera completata postuma e l'unica progettata dall'architetto franco-svizzero con struttura metallica e vetro, nata grazie all'iniziativa e alla grande dedizione di una donna: la mecenate e gallerista Heidi Weber.

Il padiglione è stato sempre usato come spazio espositivo per presentare le opere e le idee di Le Corbusier. Architetto e urbanista, ma anche disegnatore, pittore, scultore e designer di mobili, Le Corbusier ha lasciato un'opera molto varia esercitando una grande influenza internazionale, senza contare che, in questo caso, il primo elemento di interesse per i visitatori è lo stesso padiglione.
Il padiglione rappresentava la “sede espositiva ideale”, un edificio progettato da Le Corbusier per le sue stesse opere. Un luogo dove arte, architettura e vita potessero fondersi in una nuova simbiosi, espressione di quella “sintesi delle arti” teorizzata dall'architetto e suo testamento ideale. L'edificio incarna infatti molti suoi principi progettuali. La forma a nave per esempio è basata sul sistema di proporzioni Modulor, elaborato da Le Corbusier. Per proseguire con la prefabbricazione, la rampa di accesso, il giardino pensile, tutti elementi teorizzati dall'architetto e che ricorrono in questa come in altre opere, così come la "promenade architecturale". Un percorso progettato con cura attraverso l'edificio per permettere al visitatore di sperimentare in modo ottimale l'architettura e il suo spazio.

Numerosi schizzi e progetti realizzati a partire da metà degli anni Cinquanta, dimostrano la lunga fase di sviluppo progettuale del padiglione. La realizzazione e poi il completamento dell'opera si devono alla pazienza e perseveranza di Heidi Weber. Fu lei ad ottenere dalla città di Zurigo il diritto d'uso per cinquant'anni del suolo, il prato Blatterwiese, e sempre lei si adoperò per superare le molte difficoltà, prima fra tutte la morte dello stesso Le Corbusier. I lavori di realizzazione, iniziati nel 1964, furono infatti interrotti dalla morte del celebre architetto nell'agosto del 1965. La costruzione dell'edificio riprese con un nuovo team di progetto e fu definitivamente completato nel 1967.
Dal 2014 la struttura è rientrata nelle disponibilità della città di Zurigo. L'attento e minuzioso progetto di restauro che lo ha restituito alla vivacità cromatica iniziale è stato realizzato dagli architetti Silvio Schmed e Arthur Rüegg da ottobre 2017 a febbraio 2019. In linea con lo spirito con cui era stato progettato, dall'11 maggio 2019 il padiglione ha riaperto come museo pubblico, gestito dal Museum für Gestaltung Zürich per conto della città di Zurigo.
La mostra d'apertura “Mon univers” si sviluppa su tutti e quattro i piani dell'edificio ed è dedicata a una passione di Le Corbusier: il collezionismo. Gli oggetti esposti, provenienti dalla Fondazione Le Corbusier e da importanti collezioni private, creano un dialogo tematico con il padiglione e sono presentati unitamente a filmati di Le Corbusier e alla mostra permanente delle fotografie realizzate dal celebre René Burri tra il 1955 e il 1965, nel suo ruolo di cronista visivo di Le Corbusier.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Museum für Gestaltung Zürich museum-gestaltung.ch/

Address: Pavillon Le Corbusier, Höschgasse 8, 8008 Zurich
Director: Simon Marius Zehnder, Museum für Gestaltung Zürich
Proprietor: City of Zurich
Exhibition: Mon univers, 11 May – 17 November 2019
Mon univers Advisory Board: Arthur Rüegg, architect Christian Brändle,
Director of the Museum für Gestaltung Zürich
Scenography: Silvio Schmed, architect


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×