25-03-2011

Mario Cucinella. Ex Ducati. Rimini. 2006

Mario Cucinella Architects MCA,

Rimini,

Uffici,

Vetro, Cemento,

Recupero/Restauro,

Nella zona sud di Rimini, il complesso Ex Ducati (il cui nome riprende quello della concessionaria che un tempo occupava il lotto) è un interessante esempio di come anche la costruzione di una nuova struttura possa ospitare una superficie verde, facendone parte integrante della propria facciata.



Mario Cucinella. Ex Ducati. Rimini. 2006 L'intervento ha riguardato la sistemazione di un lotto e la costruzione di un nuovo edificio con pianta a "L" a destinazione commerciale e per uffici. Le facciate, che si sviluppano su un quarto di cerchio, incontrano ad un certo punto una profonda frattura, che risalta rispetto alla massa compatta.
A caratterizzare l'esterno è inoltre il particolare rivestimento che, da una parte è una sorta di "pelle" vegetale, dall'altra presenta una finitura lignea. Nel primo caso, l'involucro è realizzato con una griglia a maglia larga, di 60 x 60 cm in acciaio inox, fissata alla struttura dei ballatoi di accesso agli uffici e ricoperta di essenze rampicanti. Il risultato è un giardino verticale, che rievoca l'immagine degli edifici ricoperti di edera. Sul retro, le due facciate rivolte all'interno del lotto formano un angolo di 90° e creano una zona protetta adibita a giardino e piazza coperta. Qui lo spazio acquista un aspetto più intimo e protetto, reso piacevole anche dal giardino interno.
Tutt'intorno corrono le vetrine al piano terra, mentre dal primo al terzo piano le facciate sono completamente vetrate con infissi scorrevoli. Oltre al piano terra, che ospita attività commerciali, ce ne sono altri tre destinati ad uffici, più un sottotetto, un interrato e un parcheggio in superficie di 100 mq. Diviso in due ali simmetriche, il piano terra (293 mq) ospita al centro la hall con la scala in vetro e acciaio e l'ascensore.
Lo sviluppo in facciata, di 50m, è dedicato alle vetrine così come i 40m sul giardino interno. Gli altri piani hanno una organizzazione piuttosto simile tra loro: uno schema composto da due ali simmetriche, ognuna delle quali suddivisa in uffici di diverso taglio. Questa flessibilità è garantita dalla predisposizione di appositi cavedii impiantistici che percorrono l'edificio in tutta l'altezza. Tutti gli uffici hanno accesso a balconi di 1,5 m di profondità.
In corrispondenza del sottotetto, una vetrata continua, protetta da un sistema di tende interne, fa anche da coronamento all'edificio stesso. Dal punto di vista costruttivo, le dimensioni ridotte dell'edificio e la regolarità geometrica hanno consentito l'utilizzo di una struttura verticale tradizionale in cemento armato. Anche le strutture orizzontali sono di tipo tradizionale, viste le luci contenute coperte dai solai.

Laura Della Badia

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×