1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Luca Molinari

Luca Molinari


Biografia

Critico e storico dell’architettura, Luca Molinari (1966) si laurea presso la Facoltà di Architettura di Milano nel 1992, dopo periodi di lavoro e studio presso la Facoltà di Architettura TU Delft in Olanda e l’ETSAB di Barcellona. 
È professore Associato di Storia dell’Architettura Contemporanea presso la Facoltà di Architettura Vanvitelli di Napoli.
Molto attivo in ambito divulgativo, tiene workshop e conferenze presso numerose sedi accademiche, anche fuori Italia. La sua attività di teorico e critico è costante in ambito editoriale: dal 1995 è responsabile editoriale per il settore Architettura e Design presso la casa editrice Skira.
Collabora con numerose riviste italiane e straniere tra le quali citiamo Domus, Area, Lotus, Abitare, Ottagono, Il progetto, Archis, The Plan, A+U
Notevole anche l’attività in ambito web: nel 2007 fonda e dirige la rivista annuale The Skira Yearbook of world architecture 2007-2008, coadiuvata dal portale bilingue di architettura e design, www.ymag.it
Nel 2009 con l’architetto Anna Barbara fonda viapiranesi srl, studio multidisciplinare di servizi e strategic plan. Collabora con numerosi enti pubblici e privati, tra cui si segnala l’attività di responsabile scientifico per l’architettura e l’urbanistica della Triennale di Milano (2001-2004). Al Palazzo Reale di Napoli cura invece gli Annali dell’architettura (2006-2007). 
Grande impatto mediatico ha avuto la riproposizione della celebre e pioneristica mostra sul Made in Italy Environments and Counter environments. Italy: The New Domestic Landscape (tenutasi al MoMA nel 1972), che Molinari ha curato assieme a Peter T. Lang e Mark Wasiuta.
Nella sua cospicua attività editoriale ha analizzato la forma progettuale urbana e lo sviluppo dell’architettura in diversi volumi ed alcune ristampe. Per Skira ha curato le monografie su Calatrava (1998), Fuksas (2005, tradotta in più lingue), Tadao Ando (2009).
 
Luca Molinari opere e progetti famosi
 
- Cura della mostra evento “Environments and Counter environments. Italy: The New Domestic Landscape MoMA 1972”, 2010-2011
- Allestimento e cura della mostra Check-in-architecture, Torino; Venezia (Italia), 2008
- Allestimento e cura della mostra Annali dell’architettura, Palazzo Reale, Napoli (Italia) 2006-2007
- Allestimento e cura della mostra Antinapoli, Napoli (Italia) 2005
- Allestimento e cura della mostra Piero Portaluppi, Triennale di Milano (Italia), 2004
- Cura della 1^ Edizione della Medaglia d’oro per l’architettura italiana, Triennale di Milano (Italia), 2004-05
- Direzione scientifica “Progetto Portaluppi” per conto della Fondazione Portaluppi, Milano (Italia), 2000-2003
- Allestimento e cura della mostra Effetti Collaterali, Triennale di Milano (Italia), 1998-99
- Allestimento e cura della mostra Santiago Calatrava. Work in Progress, Triennale di Milano (Italia) 1998-99
- Allestimento e cura della mostra Le forme del cibo, Milano (Italia), 1996
- Allestimento e cura della mostra Stalker, Opos, Milano (Italia), 1996

Blog ufficiale

www.ilpost.it/lucamolinari/


Intervista



Intervista a Luca Molinari su FMGxtreme_Lab, laboratorio FMG ricostruito presso lo SpazioFMG per l'Architettura in occasione del Fuorisalone 2009.

"Quest'anno lo Spazio FMG | per l’Architettura , in occasione del Salone del Mobile, ha voluto fare qualcosa di un po' particolare, negli anni passati abbiamo puntato su due grandi autori del design contemporaneo, il primo anno abbiamo inaugurato lo spazio FMG con Michele De Lucchi, il secondo, l'anno scorso, abbiamo chiamato Aldo Cibic a progettare questa tartaruga al di fuori dello spazio. L'idea che abbiamo avuto invece per questo periodo, che è un periodo importante, è stata quella di portare in questo spazio la simulazione del laboratorio, del laboratorio FMG .
Perché questo? Perché credo che in questo momento sia molto più interessante puntare sulle modalità di progettazione, su come le cose vengono fatte e sulla possibilità di giocare in maniera più attiva e più aperta con tutti gli architetti, piuttosto che concentrarsi su un singolo autore. Una delle idee di fondo è stata proprio quella di portare il laboratorio come era a Fiorano (sede dell'azienda, ndr), smontarlo e portarlo qua. E' un luogo abbastanza strano rispetto a quello che si vede in giro per il Salone in questo periodo, quasi anomalo, luogo di lavoro... Veramente, le terre, i materiali, la libreria, arrivano dal laboratorio.
Stava per essere comunque smontato per essere spostato in un altro posto, ne abbiamo approfittato e abbiamo rubato tutto per pochi giorni. Ma perché? Perché io credo che sia molto interessante far capire la complessità che c'è dietro la produzione di questi materiali, che sono naturali e innovativi nello stesso tempo. Abbiamo pensato fosse giusto portare qui "i ferri del mestiere", ferri con i quali queste lastre vengono disegnate, progettate, e contemporaneamente lanciare una sfida agli architetti. Questi tre giorni a venire abbiamo invitato una serie di architetti italiani molto bravi, da Carlo Pellegrini, 5+1, da Park a Marzorati, giovani come Francesco Librizzi, Gambardella, li abbiamo invitati a venire qua e giocare con questo programma per computer, che poi verrà caricato prossimamente sul sito di FMG. A giocare quindi con questo programma di simulazione per disegnare e progettare lastre. L'idea ormai è quella di tornare a una dimensione quasi sartoriale della produzione dei pezzi. L'architetto con questi materiali, queste tecnologie, questo programma, può arrivare a pensare e progettare una lastra totalmente naturale, in concordanza con il suo lavoro, le sue aspettative, le sue ricerche in corso. Quindi arriviamo alla dimensione in cui la grande industria incontra il progettista su un progetto individuale, per un opera che è unica, che è di quell'autore.

Correlati: Luca Molinari

Architetti più visti


Correlati

21-02-2019

Addio ad Alessandro Mendini

Il 18 febbraio 2019 ci ha lasciati l'architetto e designer Alessandro Mendini. Vincitore di tre...

More...

22-02-2019

Mostra Acciaio Sale e Tabacchi La storia industriale della zona "Alfa" di Tortona

La mostra fotografica e documentaria rende omaggio all'area industriale di Tortona, detta zona...

More...

20-02-2019

Junya Ishigami Serpentine Pavilion 2019

Il Serpentine Pavilion 2019, il padiglione temporaneo che accoglie la programmazione estiva della...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×