18-11-2021

ecoLogicStudio presentate Air Bubble e BioFactory a COP26 Glasgow

EcoLogicStudio,

André Cepeda,

Glasgow,

Installazione, Padiglioni,

COP26,

Air Bubble, una macchina ecologica per la purificazione dell'aria, e il sistema architettonico BioFactory, progettati da ecoLogicStudio, sono stati presentati allo Scottish Event Campus (SEC) di Glasgow in occasione della COP26, la 26esima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si è tenuta recentemente nella città scozzese.



ecoLogicStudio presentate Air Bubble e BioFactory a COP26 Glasgow

EcoLogicStudio, lo studio di architettura guidato da Claudia Pasquero e Marco Poletto, ha presentato, allo Scottish Event Campus (SEC) di Glasgow, due progetti innovativi: Air Bubble, una macchina ecologica per la purificazione dell'aria, e il sistema architettonico BioFactory messo a punto come progetto pilota per la sede centrale di Nestlé a Lisbona.
I due progetti di ricerca integrano la tecnologia PhotoSynthetica, sperimentata dallo studio, e sono stati illustrati in occasione della COP26, la 26esima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, perché sviluppati in accordo ad alcuni degli obiettivi primari della conferenza stessa come: il raggiungimento delle emissioni zero, la protezione e il ripristino degli ecosistemi, la costruzione di infrastrutture resilienti.

Air Bubble, è una eco-macchina che purifica l'aria ed è stata installata di fronte al Glasgow Science Centre all'interno della Green Zone della COP26. Si tratta di un progetto di biotecnologia che apre la strada ad architetture di nuova concezione dalle alte prestazioni ecologiche. Il progetto parte dall'omonimo parco giochi biotecnologico che ecoLogicStudio ha progettato a Varsavia, città scelta per il suo alto tasso di inquinamento. Il progetto di Varsavia era stata realizzato, come quello presentato alla COP26, in collaborazione con Otrivin®, azienda specializzata nel contrastare le affezioni delle vie respiratorie con particolare riguardo ai bambini.
Air Bubble è un'eco-macchina costituita al 99% da aria, acqua e da colture di Clorella, un'alga verde che attraverso il processo di fotosintesi purifica l'aria. Una grande struttura dalla forma organica, che ricorda una medusa, ha accolto i visitatori invitandoli a sperimentare direttamente la capacità di pulizia dell'aria grazie alle colture di micro-alghe in sospensione. Una rete di sensori monitorava in tempo reale la membrana esterna ed era in grado di attivare una serie di luci per supportare la fotosintesi e aumentare la purificazione dell'aria. In questo modo, più persone interagivano con la struttura, più litri di aria venivano puliti.

Nel sistema architettonico BioFactory i fotobioreattori ad alghe sono stati integrati all'interno dei rivestimenti a membrana, una soluzione adottabile per edifici commerciali e magazzini industriali. Il progetto pilota di questo sistema è stato realizzato per la sede centrale di Nestlé a Lisbona, le micro-alghe contenute nei fotobioreattori si nutrono delle emissioni di CO2 della fabbrica stessa ed entrano a far parte di un processo circolare e virtuoso che ha come priorità la salute e il benessere dei dipendenti. Il contatto diretto con culture viventi dinamiche ha infatti un effetto positivo sul benessere psicologico dei dipendenti e stimola il loro approccio creativo al lavoro.

In occasione di COP26, ecoLogicStudio ha esposto anche il suo primo progetto di design industriale: un giardino di alghe domestico denominato BioBombola.
Biobombola è esposto, fino al 20 febbraio 2022, al Design Museum di Londra nell'ambito della mostra "Waste Age: What design can do?". Un'esposizione curata da Gemma Curtin e Justin McGuirk, che si interroga su come il design può ridefinire gli oggetti di uso quotidiano nel rispetto dei principi della sostenibilità.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of ecoLogicStudio

CREDITS - AIR BUBBLE AIR-PURIFYING ECO-MACHINE
Project name: Air Bubble air-purifying eco-machine
Architect: ecoLogicStudio (Claudia Pasquero, Marco Poletto)
Project team: Claudia Pasquero, Marco Poletto with Greta Ballschuh, Sheng Cao, Korbinian Enzinger, Claudia Handler, Riccardo Mangili, Alessandra Poletto, Eirini Tsomokou
Academic partners: Synthetic Landscape Lab IOUD Innsbruck University, Urban Morphogenesis Lab BPRO The Bartlett UCL
Client: Otrivin®
Structural engineer: YIP London
Biological medium: Algomed
Pneumatic structure: Pneumocell
Sensory system: Puckett Research, Almondo
Photography: ©NAARO (01, 03-08)

CREDITS - BIOFACTORY
Project name: BioFactory
Architect: ecoLogicStudio (Claudia Pasquero, Marco Poletto)
Project team: Claudia Pasquero, Marco Poletto with Korbinian Erzinger, Claudia Handler, Alessandra Poletto, Emiliano Rando, Eirini Tsomukou
Academic partners: Synthetic Landscape Lab IOUD Innsbruck University, Urban Morphogenesis Lab BPRO The Bartlett UCL
Client: Nestlé Portugal
Structural engineer: YIP London
Biological medium: Algomed
Steel structure: GV Filtri
Sensory system: ecoLogicStudio
Visuals: ecoLogicStudio
Photography: ©André Cepeda (02, 09-15)


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature