06-03-2019

Broken Nature: Design Takes on Human Survival XXII Triennale di Milano

Stefano Boeri Architetti,

Gianluca Di Ioia,

Milano,

Mostre,

Mostra,

Il tema della XXII Triennale, come suggerisce il titolo, è un’indagine approfondita sui legami che uniscono gli uomini all’ambiente naturale, oggi profondamente compromessi e in alcuni casi completamente distrutti, e sul ruolo del design quale ricostituente di questi legami. Australia, Austria e Russia sono le tre partecipazioni internazionali premiate per le idee proposte; “la Nazione delle Piante” è una partecipazione speciale: un'esposizione immersiva basata sulle teorie del neurobiologo Stefano Mancuso.



Broken Nature: Design Takes on Human Survival XXII Triennale di Milano

Il 28 febbraio alla presenza di Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana, è stata inaugurata la XXII Triennale di Milano e sono stati proclamati i tre padiglioni nazionali vincitori dei Bee Awards: Australia, Austria e Russia. Il tema di questa edizione 2019, come suggerisce il titolo: “Broken Nature: Design Takes on Human Survival”, è un’indagine approfondita sui legami che uniscono gli uomini all’ambiente naturale, oggi profondamente compromessi e in alcuni casi completamente distrutti. Se quindi è inevitabile chiedersi “Come possiamo restituire alla sfera naturale quanto in questi secoli, e in particolare negli ultimi decenni, le è stato sottratto?” come sottolineato dal presidente della Triennale, l'architetto Stefano Boeri. Dall'altra la mostra tematica “Broken Nature invita a comprendere in maniera più profonda i sistemi multispecie, complessi e interconnessi, in cui viviamo; incoraggia ad adottare una prospettiva di lungo termine; e suggerisce ai visitatori una serie di misure concrete che possono ispirare abitudini e attitudini per ricostituire i nostri legami con la natura. Broken Nature celebra il potere rivoluzionario dell'immaginazione e dell’inventiva” come spiegato dalla curatrice Paola Antonelli, Senior Curator del Dipartimento di Architettura e Design e direttrice del Dipartimento Ricerca e Sviluppo del MoMA di New York. Attraverso i quattro lavori realizzati appositamente per la mostra tematica e attraverso i progetti di architettura e design selezionati per la mosta si esplora il concetto di design ricostituente mettendo in luce oggetti e strategie, su diverse scale, che reinterpretano il rapporto tra gli esseri umani e il contesto in cui vivono, includendo sia gli ecosistemi sociali che quelli naturali.

Le opere commissionate per la mostra tematica propongono approcci creativi che mirano a correggere il percorso autodistruttivo intrapreso dagli uomini e a ripensare la relazione con l'ambiente e con tutte le specie animali che abitano il pianeta. Le opere sono state realizzate dai designer internazionali: Formafantasma (Andrea Trimarchi e Simone Farresin), Neri Oxman e al suo gruppo di ricerca Mediated Matter Group del MIT Media Lab, il collettivo Sigil Collective (Khaled Malas, Salim Al-Kadi, Alfred Tarazi e Jana Traboulsi) con base a Beirut e a New York, e infine Accurat, società di ricerca e innovazione nel campo del data-driven design, con sedi a Milano e New York (progetto condotto da Giorgia Lupi e Gabriele Rossi).
Insieme alle quattro opere è esposta una selezione di circa 100 progetti provenienti da diverse parti del mondo e realizzati negli ultimi trenta anni. Sono opere di design, architettura e arte “ricostituente”, tra cui ad esempio il progetto residenziale Quinta Monroy dello studio Elemental dell'architetto Alejandro Aravena, selezionate perché rappresentative del ruolo del design come catalizzatore dei cambiamenti sociali e comportamentali, nonché per l'interazione con il contesto naturale di riferimento.

Completano l'offerta della XXII Triennale di Milano: ventidue Partecipazioni Internazionali promosse dai relativi Governi, l'installazione The Great Animal Orchestra, realizzata da Bernie Krause e United Visual Artists su iniziativa della Fondation Cartier pour l’art contemporain, e La Nazione delle Piante, un'esposizione immersiva curata da Stefano Mancuso, scienziato di prestigio mondiale e direttore del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV).

(Agnese Bifulco)

Title: XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano
Broken Nature: Design Takes on Human Survival
Date: 1 march - 1 september 2019
Location: Triennale, Milano – Italia

Images courtesy of Triennale di Milano
photo by Gianluca Di Ioia

www.triennale.org
www.brokennature.org
@broken__nature
#brokennature


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×