26-06-2020

WALL Architectural Bureau per Rasario: non showroom ma "spazio urbano multifunzionale"

Architectural Bureau WALL,

Ilya Ivanov,

Mosca, Russia,

Showroom,

WALL Architectural Bureau ha realizzato per Rasario, un lussuoso brand di moda russo, il nuovo showroom a Mosca in Piazza Smolenskaya. L'intenzione degli architetti è stata quella di creare uno spazio urbano multifunzionale, più simile a un museo contemporaneo che a un negozio di moda. L'obiettivo è stato raggiunto grazie alle forme statuarie, studiate in ogni dettaglio, e all'uso di una palette ridottissima di cromie: grigio e nero.



WALL Architectural Bureau per Rasario: non showroom ma

Rasario è un famoso brand di moda Russo che veste celebrità internazionali. Nelle case di moda blasonate l'immagine è tutto e niente deve essere lasciato al caso: è necessario veicolare spettacolarità e raffinatezza. Per questo Rasario ha chiamato i professionisti conterranei WALL Architectural Bureau a disegnare e progettare il nuovo spazio espositivo di Mosca. Gli architetti spiegano chiaramente che non si tratta solo di uno showroom, bensì di uno spazio urbano multifunzionale, un ibrido che mantiene la raffinatezza del brand, ma che al tempo stesso consente un adeguamento alla veloce e immaginifica fluidità del contemporaneo.

«La nostra decisione è stata quella di creare una boutique che fosse simile a uno spazio museale. Volevamo evitare qualsiasi riferimento ai classici interni dello showroom, leggendo l'interior come uno spazio urbano multifunzionale», racconta Ruben Arakelyan, a capo dello studio d'architettura.

È in un edificio anni Cinquanta affacciato su Piazza Smolenskaya che sorge il centro nevralgico delle vendite, produzioni e comunicazioni di Rasario. Nell'ufficio, che conta 900 metri quadrati calpestabili di superficie, si trovano infatti non solo due piani di showroom e sale prova, ma pure uffici e zone produttive.
Più il brand è raffinato ed esclusivo, più questo fatto deve essere messo in risalto. È normale, dunque, che la sede centrale di Rasario emani lusso da ogni centimetro quadrato. Non a caso, le scelte stilistiche sono state da subito dirette verso un’immagine ai limiti della metafisica, con forme geometriche e spazi d'ampio respiro. L'intenzione di WALL Architectural Bureau nel seguire questi spunti era precisamente unire la magniloquenza del classico e la fluida sobrietà del contemporaneo.

L'elemento distintivo è l'arco. Questo, nella sua versione a sesto ribassato, è già presente sulla facciata d'ingresso. Entrando, poi, si accede a una grande hall, in cui due file sovrapposte di archi a tutto sesto si stagliano per tutta la lunghezza e l'altezza dello showroom. In questo modo la dinamica creata dagli archi, a cui è sapientemente affiancato un sistema di specchi, permette di espandere lo spazio visivo oltre i confini fisici, dando l'impressione a ogni visitatore di trovarsi in un corridoio davvero infinito.

Al centro dello spazio si trova una imponente e scultorea scalina elicoidale in cemento che si pone quale fulcro dell'intero progetto, mentre una serie di nicchie regolari si aprono sulle due ali a destra e sinistra al piano terra. Ciascuna ospita un solo vestito, che può in pochissimo tempo essere spostato per lasciare spazio ad allestimenti per eventi di altro tipo: artistici e culturali, feste, shooting fotografici e tutto quanto lo show della moda richieda.

L'intero progetto è creato con una palette ristrettissima di cromie: due tonalità di grigio, una leggermente più chiara per i pavimenti, gettati in cemento e levigati, e una poco più scura per pareti e controsoffitti, rivestiti nel più raffinato stucco veneziano. Solo alcune strutture e pezzi d’arredo, iper-minimali, sono stati realizzati in acciaio verniciato di nero. L'unico altro materiale, che non ha colore, è il vetro. Questo è utilizzato come parapetto al secondo piano per la sicurezza, e ovviamente nella facciata esterna, allo scopo di lasciare libero accesso allo sguardo curioso dei passanti e dei turisti.

L'ultimo, curatissimo dettaglio che WALL ha voluto per Rasario è un medaglione rotondo in ghisa che reca in rilievo il nome del brand, disegnato appositamente e incastonato a intervalli regolari nel pavimento della hall d'ingresso di questa boutique-museo. L'idea dietro una tale scelta stilistica è quella di riportare i clienti alla dimensione urbana dell'esterno. Un concetto ben spiegato, ancora una volta, dalle parole di Ruben Arakelyan: «tutte le soluzioni proporzionali, le mappe percettive, le suggestioni visive, i dettagli, vogliono creare l'impressione di una seconda piazza, o una seconda strada, dove i visitatori diventano parte dell'azione teatrale [del brand, NdA] nello spazio artistico».

Francesco Cibati

Location: Moscow, Russia
Architects: Architectural Bureau WALL http://www.wal-l.net/
Area: 900.0 m²
Year: 2020
Photographs: Ilya Ivanov
Manufacturers: Centrsvet, Craftwall, MDM-LIGHT, Pratta
Head: Arakelyan Ruben
Lead Architect: Kristina Arakelyan
Design Team: Churilova Yana, Kornishin Peter
Layouts: Vladimir Kozitsky, Fyodor Mikhailov
Engineering Solutions: TES Global


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature