11-12-2020

Il Nancy and Rich Kinder Museum con facciata in vetro e acrilico multistrato

Steven Holl,

Steven Holl,

Huston Texas,

Architettura e Cultura, Musei,

Vetro, Cemento,

Un museo dalla facciata in vetro e acrilico multistrato che cattura la luce per diffonderla all’interno



Il Nancy and Rich Kinder Museum con facciata in vetro e acrilico multistrato A Huston Steven Holl ha realizzato un museo dalla facciata in semitubi di vetro laminato con fogli di acrilico che cattura la luce per diffonderla all’interno.
I 40 anni di ricerca sulle facciate in vetro opaco di Steven Holl, sono confluite in questo progetto semplice e innovativo, sia nel linguaggio architettonico che nella tecnologia. Il Nancy and Rich Kinder Museum, che si trova a Huston in Texas, ha una forma molto semplice, così come la sua tecnologia costruttiva di base. Questa consiste in pannelli prefabbricati di cemento armato sui quali si agganciano dei profili di acciaio che, a loro volta, reggono la struttura architettonica di facciata. Nel suo insieme la vera novità del progetto e della ricerca degli architetti.
Infatti, poiché all’interno del museo la luce non poteva arrivare in maniera diretta ma diffusa, la schermatura doveva essere tale da rendere l’irraggiamento solare capace di entrare in punta di piedi. Così i progettisti hanno concepito dei semitubi di vetro opaco, a loro volta laminati su uno strato di materiale acrilico, la cui unione impedisce, pur consentendo alla luce di filtrare, l’irraggiamento diretto del sole del 70%. Tecnicamente ogni elemento nasce cilindrico e viene segato a metà per poi essere unito al foglio di acrilico. Successivamente può quindi essere agganciato alla struttura metallica posta sul muro come un normalissimo componente di una facciata ventilata. Un’operazione che ha visto la posa di ben 1.103 semitubi. Inoltre, va ribadito che ogni singolo elemento potrebbe raggiungere la lunghezza di 19,5 piedi (59,43mt circa), in virtù della rigidità data dalla sezione curva. Una caratteristica che ha consentito l’installazione di 459 elementi differenti fra loro. In tal modo la facciata, nel suo insieme, è diventata pure un elemento fotocatalizzatore, quindi in grado di amplificare l’effetto luminoso e introdurlo delicatamente all’interno degli ambienti del museo.



Fabrizio Orsini



Nancy and Rich Kinder Museum Building
Museum of Fine Arts Houston
Houston, TX, United States


Architect: Steven Holl Architects
Steven Holl (design architect, principal)
Chris McVoy (partner in charge)
Olaf Schmidt (senior associate, overall project architect)
Filipe Taboada (associate, project architect for Kinder Building)


Project team: Rychiee Espinosa, Yiqing Zhao, Lourenzo Amaro de Oliveira, Garrick Ambrose, Xi Chen, Carolina Cohen Freue, JongSeo Lee, Vahe Markosian, Elise Riley, Christopher Rotman, Yun Shi, Alfonso Simelio, Dimitra Tsachrelia, Yasmin Vobis.


Associate architects: Kendall/Heaton Associates
Structural engineers: Guy Nordenson & Associates Cardno


building area: 237,213 sf (72.302mq)
site area: part of 14.3-acre master plan

Photo: Steven Holl

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature