13-10-2020

Piuarch recupero della Cascina Sella Nuova di Milano

Piuarch (Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario),

Milano,

Cultural Center, Housing,

Il progetto firmato da piuarch e dallo studio arch. Silvia Passerini ha vinto il bando pubblico del Comune di Milano per il recuperto di Cascina Sella Nuova. Questa antica struttura rurale del 1400, che si trova alle porte della città e versa in forte stato di degrado, sarà restituita a nuovi stili di vita sostenibili e green, con abitazioni, spazi condivisi, orti sperimentali e urbani.



Piuarch recupero della Cascina Sella Nuova di Milano

Le cascine di Milano sono dei fabbricati rurali composti da una struttura a corte a uso residenziale e agricolo. Si tratta per la maggior parte di edifici storici e tutelati, costruiti fuori dal territorio comunale, ma che con la crescita della metropoli sono rientrate in piena area urbana. In alcuni casi, sono ancora condotte come aziende agricole, in altri hanno perso completamente la loro funzione originaria e sono state convertite in biblioteche, centri di accoglienza o residenze, oppure vessano in stato di abbandono. Questo era il caso di Cascina Sella Nuova che si appresta a rinascere grazie a un bando pubblico vinto da Natural-Mente, il programma che coinvolge circa 30 diversi soggetti con capofila l'associazione Thara Rothas e che porterà in cascina nuovi stili di vita sostenibili e di grande impatto sociale. Il progetto architettonico di recupero e rigenerazione della cascina è stato realizzato dallo studio piuarch, fondato dagli architetti Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario, e dallo studio arch. Silvia Passerini. Attraverso il restauro degli edifici preesistenti si punta a rigenerare tutta l'area e a farne un punto di riferimento e di interazione per tutto il quartiere. Nel particolare il recupero del complesso edilizio della Cascina Sella Nuova e dei suoi spazi verdi darà vita alla realizzazione di alloggi in cohousing intergenerazionale e alloggi assistiti per diversamente abili, servizi per l'infanzia e per la formazione, un museo digitale, orti sperimentali e urbani, spazi per la formazione agricola e un laboratorio di panificazione, saranno inoltre disponibili spazi per la vendita e la degustazione di prodotti di qualità privilegiando una filiera di prossimità.
Il progetto non prevede nuove costruzioni, ma il recupero del patrimonio architettonico esistente e rintracciabile attraverso le strutture ancora presenti, ai ruderi e ai documenti disponibili. Attraverso un percorso di incontro e dialogo con i soggetti coinvolti si è messo a punto un ambizioso progetto sistematico e sostenibile ispirato alle parole chiave: Lavorare Abitare e Naturalmente Socializzare. Uno slogan che dal punto di vista architettonico è stato tradotto nella riqualificazione o ricostruzione degli elementi tipici della cascina originale, come le due corti tuttora esistenti, l'antico corpo di fabbrica risalente al XV secolo, il giardino all'italiana e la grande area verde che circonda tutte le strutture e che diventerà il tessuto connettivo per mediare e tessere nuove relazioni con la città che nel tempo è cresciuta intorno alla cascina.
L'obiettivo non è il mero recupero delle strutture, ma rivitalizzare o meglio rigenerare queste porzioni di territorio che si trovano a confine tra il tessuto urbano e quello che resta del suo passato agricolo, per definire una nuova centralità e un nuovo punto di riferimento per tutto il quartiere in termine di coesione sociale, servizi, sostenibilità. Un concetto che ha trovato nel tetto la sua traduzione architettonica. Il tetto è infatti l'elemento che ripara, ma allo stesso tempo connette i corpi di fabbrica e li include in un progetto unitario. La nuova copertura diventerà quindi un elemento architettonico caratterizzante tutto il progetto, una nuova “facciata” orizzontale con cui la cascina si offrirà agli sguardi dei grandi palazzi che la circondano e creerà relazioni con il contesto.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Piuarch

Project: Piuarch with arch. Silvia Passerini
Piuarch: Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini and Monica Tricario.
Location: Milano, Italia


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature