17-07-2019

Innsbruck mostra e installazione Architecture Speaks: The Language of MVRDV

MVRDV,

Günter Richard Wett,

Innsbruck, Austria,

Mostre,

Mostra,

L'installazione site specific, costituita da quattro torri in colori sgargianti, non è solo una cornice ma un elemento fondamentale della mostra Architecture Speaks: The Language of MVRDV, recentemente inaugurata al Tyrolean Architecture Center (aut) di Innsbruck. Le quattro torri sono infatti rappresentative dei quattro concetti chiave che costituiscono il filtro con cui leggere i progetti di MVRDV.



Innsbruck mostra e installazione Architecture Speaks: The Language of MVRDV

Il Tyrolean Architecture Center (aut) di Innsbruck, che ha sede nell'Adambräu Building, un ex birrificio, ospita fino al 28 settembre la mostra: Architecture Speaks: The Language of MVRDV (L'Architettura Parla: Il Linguaggio di MVRDV). La mostra si fonda su un intervento spaziale composto da quattro torri realizzate all'interno dell'Adambräu Building e progettate dallo stesso studio MVRDV. Le torri sono rappresentative di quattro concetti che costituiscono la chiave di lettura dei progetti dello studio olandese d'architettura. Attraverso le quattro installazioni i visitatori possono vivere un'esperienza coinvolgente e immersiva, attraverso la quale cogliere più facilmente i fondamenti del processo intellettuale che governa i progetti di MVRDV.
“Stack”, “pixel”, “village” e “activator” sono i nomi delle torri e di conseguenza i concetti che esse rappresentano. Nathalie de Vries, architetto, socia fondatrice dello studio e curatrice della mostra ha spiegato che la mostra è stata colta come un'occasione per aggiungere qualcosa in più a dei concetti fondamentali per lo studio, e non solo per far conoscere a un vasto pubblico i progetti realizzati. L'architetto ha chiarito che i quattro concetti individuati rappresentativi di quattro metodologie operative, sono stati ridotti alla loro essenza "per scoprire come ognuna di queste idee contribuisca a un'architettura coraggiosa, inaspettata e socialmente responsabile”. Continuando, Nathalie de Vries ha spiegato che i quattro concetti selezionati per la mostra rappresentano ciascuno “un modo di pensare e di lavorare che riteniamo necessario per dare forma al nostro futuro".

Entrando nel dettaglio dei quattro concetti: a ogni parola corrisponde una modalità operativa e anche un “medium” di comunicazione. “Stack” indica la stratificazione, la densità, l'organizzazione di funzioni e spazi in verticale. “Il futuro è collettivo” dicono gli architetti di MVRDV e il medium è il “tatto”. La torre rappresentativa è un volume arrotondato composto da due piani e rivestito da tende gialle. Il piano inferiore permette ai visitatori di interagire con dei modelli in foam blu per creare il proprio progetto. Il livello superiore contiene progetti di MVRDV rappresentativi del tema come il Silodam, il complesso residenziale di Amsterdam esempio di elevata densità abitativa, progettato da MVRDV nel 1995.

"Pixel" è la torre composta da scatole di cartone rosa assemblate in vario modo per creare uno spazio interno in cui sostare. Alcune scatole hanno immagini o dichiarazioni concise relative ai progetti di MVRDV. L'assemblaggio dei moduli introduce il concetto della “diversità” e il medium è la scrittura. Il progetto esemplificato di questo concetto è l'Headquarters della DNB Bank di Oslo realizzato nel 2012.

"Village" indica una disposizione spaziale che favorisce e incoraggia la comunità, il progetto rappresentativo è infatti il Nieuw Leyden, 670 residenze progettate da MVDV nel 2013. "Il futuro è social" è l'affermazione che sottende a questa torre blu. Un volume vuoto all'interno con una scala che consente connessioni fisiche e visive tra i diversi piani, dove i visitatori possono ascoltare un audio che descrive il concept.

Activator, è la torre con struttura in acciaio riciclabile che contiene spazi destinati alle persone e alla natura. Una scelta che sottolinea l'importanza della sostenibilità e la necessità che il progetto possa attivare e stimolare processi sociali, esempi sono la Book Mountain Library a Spijkenisse o The Couch Tennis Club ad Amsterdam.

(Agnese Bifulco)

Title: Architecture Speaks: The Language of MVRDV
Curated by Nathalie de Vries
Location: Tyrolean Architecture Center (aut), Innsbruck, Austria
Date: 5 July – 28 September 2019
Images courtesy of MVRDV, exhibition photos by Günter Richard Wett


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×