10-06-2021

Mostra Città Sospese - Siti Italiani UNESCO nei giorni del lockdown

Napoli, Roma, Firenze,

Mostre,

Nei mesi della primavera 2020 mentre milioni di persone erano nelle proprie case per rispettare le restrizioni imposte dal contenimento della pandemia, i fotografi del Ministero della Cultura italiana hanno viaggiato tra 11 città italiane patrimonio dell'UNESCO, per realizzare una preziosa testimonianza visiva del particolare momento storico vissuto dalle città d'arte italiane prive di turisti e cittadini.



Mostra Città Sospese - Siti Italiani UNESCO nei giorni del lockdown

Il 20 maggio è stata inaugurata a Roma, presso Palazzo Poli, sede dell'Istituto Centrale per la Grafica, la mostra: “Città sospese. Siti italiani UNESCO nei giorni del lockdown”. Un racconto per immagini realizzate da quattro fotografi del Ministero della Cultura italiana: Alessandro Coco, Francesca Lo Forte, Alfredo Corrao e Giuseppe Zicarelli. A loro è stata affidato il compito di realizzare una preziosa testimonianza visiva del particolare momento storico vissuto nella primavera 2020, quando le città d'arte italiane sono rimaste prive di turisti e cittadini, al fine di rispettare le restrizioni e le limitazioni agli spostamenti imposte dal contenimento della pandemia da Covid-19.
La mostra curata da Maria Francesca Bonetti e ideata da Margherita Guccione, Carlo Birrozzi e Paolo Iannelli, è basata su una campagna fotografica svolta in una serie di città italiane, i cui centri storici sono iscritti nell’elenco del Patrimonio Mondiale UNESCO. Un viaggio attraverso l'Italia dal Nord al Sud, tra i centri storici di grandi e piccole città. Le protagoniste della mostra e dell'indagine fotografica sono in ordine alfabetico: Alberobello, Ferrara, Firenze, Matera, Napoli, Pisa, Roma, San Gimignano, Siena, Urbino e Venezia. Una scelta operata sia perché si tratta di siti UNESCO con una forte identità riconosciuta in tutto il mondo, sia per il fatto che quelle piazze, strade e monumenti sono sempre state raccontate e sono nell’immaginario collettivo nazionale e internazionale ricordate con una fitta presenza umana. Una scelta che permette di percepire, grazie al contrasto, ancora più forte la condizione di vuoto, straniante e surreale determinata da quel particolare momento storico. Quelle città da sempre ambasciatrici della cultura italiana nel mondo, sono diventate anche specchio della condizione universale di isolamento in cui in quei mesi del 2020 ha vissuto l'intero genere umano.
La campagna fotografica è stata, infatti, realizzata tra il 25 aprile e il 2 maggio 2020, i fotografi sono stati supportati anche dai Caschi Blu della Cultura (Task Force U4H) e dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale (TPC). Sono state complessivamente realizzate 2.560 fotografie, comprese anche riprese aeree per i centri dove le condizioni meteorologiche lo hanno permesso.
In particolare, la città di Roma è stata fotografata da Alessandro Coco, le immagini di Napoli sono state realizzate da Francesca Lo Forte, Alfredo Corrao ha fotografato i centri storici di Matera e Alberobello, mentre Giuseppe Zicarelli ha documentato le altre città (Firenze, Venezia, Urbino, Ferrara, San Gimignano, Pisa e Siena).
La mostra presenta al pubblico solo una selezione della ricca documentazione fotografica realizzata, esposta in un allestimento scenografico progettato appositamente per la Sala Dante di Palazzo Poli. L'essenzialità delle strutture di supporto alle foto esalta la condizione di "sospensione" dal tempo e dalla contingenza tanto familiare in quel particolare momento storico. Completa il percorso espositivo la proiezione del video "Quell’idea di bellezza", prodotto da 3D Produzioni partendo dallo stesso archivio di immagini realizzato per la mostra.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of 2020FermoImmagine
www.2020fermoimmagine.beniculturali.it

Mostra: Città sospese. Siti italiani UNESCO nei giorni del lockdown
Fotografie di: Alessandro Coco (13), Francesca Lo Forte (11), Alfredo Corrao (01, 03-08), Giuseppe Zicarelli (09, 10, 12, 14-17)
Curatore: Maria Francesca Bonetti
Coordinamento Generale: Matteo Piccioni
Comitato Di Indirizzo: Margherita Guccione, Carlo Birrozzi, Paolo Iannelli
Allestimento: Anna Rutiloni, Benedetto Turcano
Sede: Palazzo Poli, Fontana di Trevi, via Poli 54, Roma
Date: 21 maggio – 16 luglio 2021
Orari: martedì – venerdì, ore 10.00 – 17.00. Ultimo ingresso ore 16.00
Ingresso gratuito
Modalità di ingresso: gli ingressi saranno contingentati per un massimo di 15 persone
contemporaneamente
Per ulteriori informazioni:  www.grafica.beniculturali.it


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature