1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Mathias Klotz

Mathias Klotz


Biografia

Architetto cileno, Mathias Klotz (Viña del Mar, 1965) è tra i principali esponenti del filone modernista.
Dopo la laurea all’Università Cattolica del Cile nel 1990, si dedica alla progettazione e realizzazione di numerose abitazioni, principalmente in Cile (casa Klotz, Muller, Ugarte) e in particolare a Santiago. La sua prima opera fuori dall'America Latina è infatti la Valtocado House a Mijas in Spagna del 2012.

"Il suo lavoro è saldamente radicato nell'architettura moderna e nel corso della sua carriera ha sviluppato un linguaggio distintivo". L'intensa attività costruttiva di Klotz si caratterizza infatti per il magistrale utilizzo di materiali elementari, l’eleganza formale unita all’astrattismo, la collocazione in aree rurali e negli spazi aperti che contraddistinguono il paesaggio cileno.

Casa Klotz (1991) è una piccola abitazione-rifugio costruita sull'Oceano Pacifico. Un parallelepipedo bianco che l'architetto considera come un punto di riferimento per l'essenzialità che la contraddistingue. L'edificio svela caratteristiche peculiari come gli spigoli decisi e l'effetto-galleggiamento dato dalla leggera sopraelevazione, ma al tempo stesso si integra perfettamente nella spiaggia, quasi disabitata, su cui sorge. Un effetto che si acuisce dall'interno verso l'esterno.

La Roca House (2008) è un rifugio situato a San Josè, villaggio di pescatori a nord di Punta Del Este sull'Oceano Atlantico. Situata su una doppia pendenza che termina su rocce e rovine di un edificio preesistente, La Roca è costituita da due volumi della stessa altezza, definiti attraverso una sequenza di spazi quasi a pianta quadrata, "in cui corrono entrando dal più pubblico al più privato, attraversando terrazze, patii, esterni, spazi intermedi e interni e giungendo infine alla camera da letto principale". Perfettamente integrata nel paesaggio circostante, grazie a una serie di accorgimenti anche di tipo visivo, come ad esempio la sensazione dei volumi che emergono dalle rocce, La Roca vede anche la presenza di numerose soluzioni per migliorare le prestazioni energetiche dell'edificio: riciclo dell'acqua per i giardini, i tetti dei volumi come giardini di piante grasse che lavorano per migliorare la qualità termica, la galleria che cattura il calore d'inverno e la camera da letto che funge da "camino" in estate, evitando così la necessità dell'aria condizionata.

Tra le molte abitazioni, si distinguono inoltre Casa Ponce a Buenos Aires (2002) con i suoi volumi sopraelevati e la percezione di assenza di peso; la Casa per undici donne (2007), realizzata in cemento nudo con pavimenti in travertino, posta lungo un ripido pendio che offre una splendida vista sulla spiaggia di Cachagua nell'Oceano Pacifico da ogni stanza; la Casa Techos a Nord del lago Nahuel Huapi in Argentina (2008) in cemento, legno e rame; il progetto Hunter Douglas Chile (2007-2012), combinazione di una nuova costruzione con un riutilizzo adattativo delle strutture esistenti e la riorganizzazione dell'edificio, con un piano di sviluppo futuro di un impianto industriale.

Pur continuando a progettare abitazioni, nel corso degli anni Klotz ha realizzato anche hotel, edifici industriali e commerciali, oltre a elementi di arredo urbano e allestimenti di mostre.
In questa sua produzione va segnalato il piccolo hotel Terrantai a San Pedro (1996), in cui Klotz riprende progettualmente la storia locale fino alle rovine preincaiche.
L'opera è caratterizzata da spazi comuni collegati da cunicoli, un corridoio lastricato a cielo aperto, le due corti con copertura in legno e arbusti. Il Terrantai viene considerato un "manifesto per l'integrazione della cultura moderna con quella locale (...) un'occasione di incontro di proposte e tradizioni, dove gli elementi architettonici suggeriscono ragioni proprie d'interesse, nella trasmissione di un messaggio complementare alle esigenze turistiche del complesso" (A. Scotto, ABITARE n. 382, 1999).
Alla progettazione Klotz unisce l’attività di insegnamento, non solo in Cile (Università Centrale e Cattolica), ma anche in Italia, Argentina, Messico, Spagna, come guest e visiting professor.

Nel 2003 è stato nominato Preside della Facoltà di Architettura, Arte e Design presso l'Università Diego Portales.
Grazie alla chiarezza di forme e volumi delle sue opere, unita a un rigoroso inserimento nel paesaggio, Klotz è una delle figure più seguite e studiate tra le nuove generazioni di architetti, con una fama che travalica anche il Sudamerica. Si ricordi The Poetics of Boxes, esposizione dei suoi progetti all’Aedes Gallery di Berlino (2013).

Tra i suoi più importanti riconoscimenti figura il Premio Borromini de Arquitectura nel 2001, ottenuto per il progetto "Scuola di Altamira" nella periferia di Santiago del Cile (1997).
Nella motivazione della giuria si evidenzia “la grande energia e suggestione spaziale, realizzata con una straordinaria semplicità di mezzi. Il paesaggio naturale, la conformazione del terreno, la città circostante, gli spazi e le attività degli studenti, le condizioni produttive ed economiche sono assunte nel progetto come elementi portanti e sono interpretati con efficacia e poesia (…) un esempio di architettura di altissima qualità pensato per la città reale e per bisogno reali, con eleganza e senza arroganza”.
Altri importanti riconoscimenti sono il Green Good Design Award nel 2010 con la Central Library per l'Universidad Diego Portales, che ha anche vinto un Holcim Award nel 2011.

Nel 2014 ha vinto il premio Rogelio Salmona per l'architettura latinoamericana per il Barrio Universitario di Santiago (BUS) insieme a Ricardo Abuauad e nel 2015 ha vinto un premio per il contributo istituzionale all'architettura conferito dall'Asociación de Oficinas de Arquitectura de Chile.
 
Mathias Klotz opere e progetti famosi
 
- House 1-1 Las Musas, Josè Ignacio, Punta Del Este (Uruguay), 2018
- Residenza estiva "Francisca House", Isla Coldita (Cile), 2015
- Gleim 52, Berlino (Germania), 2014
- Gemelas House, Santiago (Cile), 2014
- Complesso residenziale "Seis Buildings", Santiago (Cile), 2012
- Perez Maggi House, Santiago (Cile), 2013
- Hunter Douglas, Santiago (Cile), 2012
- Palacio Astoreca Hotel, Valparaiso (Cile), 2012
- Essbio Rancagua Water Tower, Rancagua (Cile), 2012
- Valtocado House, Mijas (Spagna), 2012
- Club House, Arena de Garzòn (Uruguay), 2012
- Biblioteca Nicanor Parra, Santiago (Cile), 2012
- Schnitzer House, Cantagua (Cile), 2011
- Casa Bitran, Cantagua (Cile), 2009
- Casa Techos, Nord del lago Nahuel Huapi (Argentina), 2008
- Raùl House, Laguna de Aculeo (Cile), 2007
- Residenza estiva "Eleven Women", Cantagua (Cile), 2007
- La Roca House, Josè Ignacio, Punta Del Este (Uruguay), 2008
- Facoltà di Economia, Universidad Diego Portales - UDP, Santiago (Cile), 2004
- Facoltà di Scienze della Salute - UDP, Santiago (Cile), 2004
- Abitazione unifamiliare “Casa Ponce”, Buenos Aires (Argentina), 2002
- Colegio Altamira (Altamira School), Santiago (Cile), 2000
- Cantina “Las Niñas”, Santa Cruz (Cile), 2000
- Residenza estiva “Casa Reutter”, Cantagua (Cile), 1998
- Casa Ugarte, Maitencillo Sur (Cile), 1998
- Sede commerciale e uffici Pizarras Ibericas, Santiago del Cile (Cile), 1997
- Hotel Terrantai, S. Pedro de Atacama (Cile), 1996
- Casa Muller, Isla Grande di Chiloe (Cile), 1994
- Casa Klotz, Tongoy (Cile), 1991
 
Sito ufficiale
 
www.mathiasklotz.com

Correlati: Mathias Klotz

Architetti più visti


Correlati

16-09-2019

I vincitori dell'Aga Khan Award for Architecture 2019

Il progetto di rivitalizzazione di Muharraq in Bahrain, l'Arcadia Education Project dell'architetto...

More...

13-09-2019

Inaugurato il Bauhaus Museum di Dessau progettato da Addenda Architects

In occasione delle celebrazioni del centenario della nascita de Bauhaus l'8 settembre è...

More...

12-09-2019

Annunciati i vincitori dei WAFX 2019 dieci progetti per il futuro

Il World Architecture Festival (WAF) 2019 si avvicina, la kermesse internazionale dedicata al mondo...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×