02-03-2022

Killa Design Museum of the Future Dubai

Killa Design,

Dubai,

Musei,

Il 22 febbraio a Dubai è stato inaugurato il nuovo Museum of the Future progettato dallo studio Killa Design per la Dubai Future Foundation. Un edificio iconico che si impone nel contesto della metropoli araba, così come il museo aspira a diventare un nuovo punto di riferimento scientifico nel panorama mondiale. Una costruzione che è essa stessa futuro, progettata interamente in BIM, e che accoglierà un'esposizione permanente dove sarà raccontato e promosso il futuro in tutti i suoi aspetti e settori.



Killa Design Museum of the Future Dubai

Un "museo" è una raccolta di opere d'arte o di oggetti aventi un carattere storico-scientifico rispondenti ad alcuni criteri di organicità, ma è inevitabile accostarlo al passato, al custode di “ciò che è stato”. Il “Museum of the Future” (MOTF), recentemente inaugurato a Dubai, sarà invece il luogo del “ciò che sarà”.

Progettato dallo studio d'architettura Killa Design, con Buro Happold, l'edificio accoglierà un'esposizione permanente dove sarà raccontato e promosso il futuro in tutti i suoi aspetti e settori. I visitatori potranno quindi scoprire come vivere e lavorare tra 50 anni grazie alle ultime tecnologie in termini di realtà virtuale e aumentata, analisi dei dati, intelligenza artificiale e interazione uomo-macchina. Il museo nasce infatti per diventare un hub unico nel suo genere, in grado di attrarre visionari, talenti e grandi menti in grado di plasmare il mondo che verrà e creare soluzioni innovative per le sfide che attendono l'umanità.

Realizzato lungo la principale arteria autostradale di Dubai, in prossimità della linea di metropolitana senza conducente, il MOTF è un edificio iconico alto 77 metri dal suolo. Internamente la struttura è libera da sostegni verticali e si sviluppa per sette piani. La sua forma ricorda quella di un occhio umano, che simboleggia la conoscenza e la visione del futuro, ma sono molte le connotazioni simboliche che hanno ispirato e governano il progetto. I pannelli in acciaio inossidabile che ricoprono la facciata, per esempio, sono 1.024. Il numero rappresenta il kilobyte, l'unità di misura dell'informazione o della quantità di dati, che è infatti composto da 1.024 byte. Le finestre incise nei pannelli riproducono caratteri arabi e sono citazioni di tre aforismi dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, trasformate in un'opera calligrafica dall'artista Mattar bin Lahej.
Per la complessa geometria del museo e delle scritte incise, è stato necessario realizzare i pannelli singolarmente, tutti diversi tra loro, attraverso la modellazione parametrica. L'intero edificio è una struttura complessa e ambiziosa costruita sia dall'uomo che dalla macchina fondendo scienza e tecnologia, per ispirare i visitatori a immaginare il futuro e le possibilità che riserva all'umanità.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Museum of the Future https://museumofthefuture.ae/en

Project Name: Museum of the Future
Location: Dubai, UAE
Client: Dubai Future Foundation
Architect: Killa Design https://www.killadesign.com/

Services provided by Buro Happold: Acoustics, Bridge engineering and civil structures, Building Services Engineering (MEP), Facade engineering, Fire engineering, Ground engineering, Infrastructure, Lighting design, People movement, Structural engineering, Sustainability, Transport and mobility, Waste management
www.burohappold.com

Hashtag: #TheMostBeautifulBuildingOnEarth