21-06-2011

Enzo Mari e il compasso d'oro

Enzo Mari,

Roma,

Ponti,

Design,

Il designer italiano Enzo Mari ha ricevuto ben 4 Compassi d'oro ADI, il primo nel 1967 per le sue ricerche individuali su progetti e allestimenti, e non su un prodotto specifico.



Enzo Mari e il compasso d'oro Gli oggetti della Collezione Storica del Compasso d'oro ADI, esposti a Roma al Palazzo delle Esposizioni fino al 25 settembre 2011, sono un'occasione per ripercorrere gli ultimi cinquanta anni del "made in italy" attraverso le creazioni di importanti maestri, come Enzo Mari, vincitore di ben 4 edizioni del premio nato nel dopoguerra da un'idea dell'architetto Gio Ponti.
Era il 1967 quando, in occasione della IX edizione del premio, Enzo Mari riceve il suo primo compasso d'oro per le "Ricerche individuali di design". Studi e ricerche maturati e messi in pratica in prodotti, grafiche ed allestimenti di quegli anni. “Sono felice che a me venga assegnato per le ricerche individuali, anziché per un oggetto.” ha scritto lo stesso Mari ricordando quel premio, nel  libro “25 modi per piantare un chiodo” pubblicato recentemente con Mondadori.
Il designer ha collezionato successivamente tre compassi d'oro legati a prodotti: nel 1979 con la sedia Delfina progettata per Robots, nel 1987 con Tonietta, sedia realizzata per Zanotta e infine nel 2001 con il "Tavolo legato" realizzato per Driade.

www.adi-design.org
www.driade.it
www.robots.it
www.zanotta.it

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature