14-01-2021

CRA-Carlo Ratti Associati nuovo campus scientifico dell'Università Statale di Milano

Carlo Ratti,

Milano,

Università,

Il nuovo campus per le facoltà scientifiche dell'Università degli Studi di Milano sarà realizzato all'interno di MIND- Milano Innovation District nell'ex-area di Expo 2015. Il concept architettonico è stato realizzato dallo studio CRA-Carlo Ratti Associati per il gruppo immobiliare australiano Lendlease a cui il consiglio di amministrazione dell'università ha affidato l'intero processo di realizzazione e gestione del campus.



CRA-Carlo Ratti Associati nuovo campus scientifico dell'Università Statale di Milano

L'11 dicembre il Consiglio di Amministrazione dell'Università Statale di Milano ha affidato al gruppo immobiliare australiano Lendlease l'intero processo di progettazione, realizzazione e gestione del nuovo campus per le facoltà scientifiche dell'Università degli Studi di Milano. Un programma che coinvolge un team composto da imprese e professionisti, tra cui lo studio internazionale di architettura e innovazione CRA-Carlo Ratti Associati, che in collaborazione con l'architetto Italo Rota ha curato il concept architettonico del nuovo campus.
Il nuovo polo universitario, la cui apertura è prevista per il 2025, sarà realizzato nel cuore di MIND - Milano Innovation District, il nuovo quartiere che sta sorgendo nell'ex-area di Expo 2015 su masterplan progettato sempre da CRA-Carlo Ratti Associati. Proprio un luogo simbolico per l'Expo 2015, l'incrocio di quello che era il cardo e il decumano, è stato scelto per collocare il Learning Center, una biblioteca aperta al pubblico che diventerà la porta di ingresso al nuovo Campus per gli abitanti dell'area metropolitana milanese.
La superficie complessiva del nuovo polo universitario sarà superiore ai 190.000 metri quadrati e servirà una comunità di circa 23.000 persone tra ricercatori e studenti dell'Università degli Studi di Milano.
Interrogarsi su come un'istituzione storica dell'istruzione superiore possa trasformarsi per l'era digitale, è stato uno dei punti esplorati dal progetto che ha reinterpretato la tradizionale disposizione a corte di molte università italiane ed europee. In più, diversi elementi del progetto rappresentano un omaggio alla tradizione architettonica milanese e in particolare alla Ca' Granda, un edificio in mattoni progettato nel XV secolo dall'architetto rinascimentale Filarete, oggi usato come sede centrale dell'Università degli Studi di Milano. Il “Campus 2.0”, come è stato chiamato il progetto dello studio CRA-Carlo Ratti Associati e dell'architetto Italo Rota, si sviluppa intorno a una rete di cortili verdi con cinque edifici in mattoni, collegati da percorsi pedonali ininterrotti e disposti a diverse altezze che costituiscono il Common Ground.
Gli edifici in mattoni sono un omaggio diretto alla Ca' Granda, ma realizzati con tecnologie digitali. Nelle facciate degli edifici la posizione di ogni mattone sarà infatti determinata attraverso il design parametrico e la composizione della facciata avverrà con l'utilizzo di un braccio robotizzato. Ogni mattone sarà interpretato come un pixel fisico e quindi usato per comporre arazzi tridimensionali in grande scala con contenuti testuali e visivi. Il Common Ground è un elemento caratterizzante del progetto, si tratta di uno spazio pubblico che si snoda attraverso il Campus, un percorso all'aperto di circa 1200 metri costituito da un insieme ininterrotto di passerelle e attraversamenti che collegano gli edifici e i cortili, protetto da tettoie e portici e praticabile per tutto l'anno. Il percorso coinvolge anche le architetture connettendole attraverso un unico percorso pedonale interno di circa 800 metri. Compito del Common Ground sarà rafforzare il legame tra il campus e il quartiere circostante, stimolando quindi l'interazione tra tutti gli attori del distretto dell'innovazione: mondo accademico, aziende, centri di ricerca e sviluppo.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of CRA-Carlo Ratti Associati, renderings by CRA Graphic Team

Client: the real estate group Lendlease,
Architectural Project: Starching S.r.l.
Gardening Project: Manens-Tifs S.p.A.
Structural Project: Redesco Progetti S.r.l
Space Planning: Emilio Pizzi Team Architects S.r.l.
Geological Report: Dr. Geol. Pietro Simone

Architectural concept: CRA-Carlo Ratti Associati
Creative Consultancy: Italo Rota
CRA Team: Carlo Ratti, Andrea Cassi (Project Manager), Saverio Panata, Matteo Zerbi, Chiara Morandini, Anna Morani, Nicola Scaramuzza, Mario Daudo, Jacopo Reale, Oliver Kazmir, Alessandro Tassinari, Samuel Colle Dominguez, Federico Riches, Andrea Giordano

Renderings by CRA Graphic Team: Gary di Silvio, Pasquale Milieri, Gianluca Zimbardi
Location: MIND-Milan Innovation District, Milano ITALIA


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature