11-06-2021

Da vecchia fabbrica a centro giovanile, REDe Architects e Moguang Studio

REDe Architects, Moguang Studio,

Xia Zhi,

Beizhuang Town, Miyun District, Beijing, China,

Tempo Libero,

Paesaggio, Recupero,

I due studi cinesi REDe Architects e Moguang Studio, nella cintura suburbana di Beijing, hanno firmato il recupero e la trasformazione di una fabbrica di abbigliamento. Questa ora ha una nuova destinazione d’uso quale centro di attività giovanili, pur avendo mantenuto la disposizione originale tipica degli edifici industriali.



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. Da vecchia fabbrica a centro giovanile, REDe Architects e Moguang Studio

Da vecchia fabbrica a centro giovanile, REDe Architects e Moguang Studio Recuperare e trasformare edifici industriali inutilizzati è una risposta sostenibile e intelligente per adattate le preesistenze a nuove esigenze d’uso. Tutto ciò è successo anche in Cina, precisamente alla periferia di Beijing nella città di Beizhuang. Qui i due studi di progettazione REDe Architects e Moguang Studio hanno ricevuto l’incarico di intervenire su di un’area di 5000 metri quadrati occupata da una fabbrica di abbigliamento in disuso.
La questione progettuale di partenza è stata come riattivare un sito industriale privo di un ricco patrimonio e di caratteristiche spaziali distintive. Così, in risposta a diverse limitazioni ed esigenze funzionali, sono state adottate, per i singoli edifici del complesso, diverse strategie di ristrutturazione: dodici in tutto. Quindi, anziché stabilire uno stile unificato, gli architetti hanno posto l'accento sulla relazione tra singoli edifici, l'intero complesso architettonico e i suoi dintorni, a loro volta caratterizzati da altri siti industriali e montagne.
Diviso in due parti, il luogo su cui sorge la ex fabbrica, vede nell’area settentrionale un grande edificio a campata unica a un piano, mentre in quello meridionale piccoli edifici dalle capriate in legno e muri portanti in mattoni rossi. Allora, considerando le caratteristiche strutturali dei tessuti architettonici originali, le aule, le sale conferenze e i ristoranti sono stati allocati nella zona nord, mentre gli alloggi in quella a sud. 
In pratica il centro di attività giovanile ora si trova al posto dell’edificio principale della fabbrica, in quanto rimosso e sostituito da una nuova costruzione. Mentre, grazie all’eliminazione del tetto originale, la struttura a est, più vicina al paesaggio, è stata alzata di un piano e ora ospita il ristorante. 
Per quanto riguarda l’ostello, questo è stato disposto nel complesso edilizio a sud, la cui funzione originale era quella di dormitorio e mensa, e ora, con una disposizione nord-sud, si presenta attraverso un muro portante di mattoni e un tetto a capriate di legno. In più, la mensa abbandonata della fabbrica è stata trasformata nella sala d'accoglienza. Inoltre, sulla base della struttura e della disposizione originale dell'edificio, i progettisti di REDe Architects e Moguang Studio hanno aggiunto l’impiantistica necessaria, migliorando le prestazioni termiche degli edifici convertiti in camere per gli ospiti. 
Molto interessante è l’approccio agli spazi esterni, ripensati come parco giochi. Qui la pavimentazione esistente nel cortile nord era in mattoni di cemento duro. A questa sono stati però aggiunti un pendio circolare e una piattaforma a griglia d'acciaio, quasi a collegare visivamente, sui lati ovest ed est, il prato, l'area cortilizia e la terrazza sul tetto del ristorante. Insomma, una struttura che permette ai bambini di correre e giocare a diverse altezze. La piattaforma, invece, fornisce ombra alle attività che si svolgono sul prato, rafforzando l’effetto scenografico dell’intero progetto, come è ben visibile nelle fotografie qui presentate. Date le texture delle facciate, composte da mattoni rossi riciclati e in cemento, sono proprio i materiali della pavimentazione principale a completare la pista da corsa in gomma su cui i bambini possono correre e saltare liberamente.
Questo complesso recuperato e trasformato è ora un hub di attività per i giovani che porta una ventata di nuova energia al luogo in cui sorge come alla comunità che la abita.

Christiane Bürklein

Project: REDe Architects, Moguang Studio
Principal Architects: Jin Lei / REDe Architects; Li Jiaying, Feng Xin / Moguang Studio
Project Architects: Li Jiaying, Feng Xin (Architecture, Interiors and Expanding Design)
Landscape Design: Li Jiaying, Xu Wenkai
Hostel Interior Decoration: Song Wentao, Huang Xinwei
Location: Beizhuang Town, Miyun District, Beijing, China
Year: 2020
Photographers: Xia Zhi, Zhu Yumeng, Li Jiaying

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature