22-01-2020

BIG-Bjarke Ingels Group svela Woven City la smart city progettata per Toyota

BIG – Bjarke Ingels Group,

Tokyo (Giappone),

Parco urbano,

BIG ha recentemente presentato la Woven City Toyota, primo incubatore urbano del mondo. Il progetto del celebre studio d'architettura, fondato da Bjarke Ingels, è un vero laboratorio urbano, una città "intrecciata" dove sperimentare nuovi sistemi di mobilità, autonomia, connettività, intelligenza artificiale.



BIG-Bjarke Ingels Group svela Woven City la smart city progettata per Toyota

Una città del futuro e ipertecnologica, dove sperimentare tutte le più recenti scoperte inerenti alla mobilità, potrebbe diventare presto realtà! Al Consumer Electronics Show (CES) 2020, che si è svolto dal 7 al 10 gennaio a Las Vegas, è stato presentato il primo incubatore urbano del mondo: la Woven City Toyota, progettata da BIG per la multinazionale giapponese. Il celebre studio d'architettura, fondato da Bjarke Ingels, ha firmato quello che diventerà un vero e proprio laboratorio di sperimentazione urbana. Una smart city, o come è stata definita una Woven City, città "intrecciata", dove i nuovi sistemi di mobilità, intelligenza artificiale, connettività, robotica, alimentati da una rete infrastrutturale a idrogeno, saranno sperimentati in un ambiente reale. Persone, veicoli, edifici saranno tutti collegati e in comunicazione attraverso nuovi sistemi digitali e sensori. Woven City Toyota sarà infatti un prototipo di città del futuro, ma anche e a tutti gli effetti una vera e propria città reale. Sarà infatti presente una popolazione residente di circa 2000 persone, nella fase iniziale, oltre ai ricercatori, ingegneri e scienziati impegnati nel testare e sperimentare liberamente le nuove tecnologie intelligenti per la casa e per la città.

Il sito prescelto per realizzare Woven City è in Giappone nella città di Susono, prefettura di Shizuoka, a poca distanza dal monte Fuji, in una ex fabbrica di 70 ettari. In questa area BIG ha progettato il masterplan di una città che sarà sviluppata per fasi a partire dal 2021. La città sarà un ecosistema libero da emissioni di carbonio, alimentato da energie rinnovabili come energia solare e geotermica, e userà una tecnologia a celle combustibili a idrogeno. Le infrastrutture saranno completamente nascoste alla vista degli abitanti, grazie a una rete sotterranea.
Il nome "Woven" deriva dalla rete flessibile di strade che si intreccia e definisce l'impianto urbano, è inoltre un omaggio alla storia di Toyota, nata come azienda produttrice di telai per la tessitura industriale. La progettazione stradale della città è costruita sulla base di tre esigenze diverse: quelle del traffico veicolare (con veicoli senza conducente e più veloci), del traffico legato alla micromobilità (biciclette, monopattini e altri dispositivi) e infine del traffico pedonale. I tre tipi di strada si intrecceranno nei blocchi di città 3x3 che costiuiranno il tessuto urbano. Nei primi due tipi di strade Toyota è direttamente coinvolta per la progettazione di veicoli come la Toyota e-Palette, un veicolo senza conducente, e l'I-Walk un dispositivo per la mobilità integrata in aree pedonali. Infine gli architetti hanno progettato un terzo tipo di strada esclusivamente per i pedoni. Si tratta di un parco lineare, dove irromperà la natura e dove sarà piacevole passeggiare. Scopo di questi percorsi sarà infatti quello di creare corridoi ecologici di collegamento con il vicino Monte Fuji e con la Susono Valley, radicando la città nel suo contesto territoriale.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of BIG Bjarke Ingels Group, credit by Squint Opera (1), BIG Bjarke Ingels Group (2-19)

Toyota Woven City Facts
Name: Toyota Woven City https://www.woven-city.global/
Type: Commission
Size: 175 acres / 708,200 m2
Location: Susono City, Shizuoka, Japan
Client: Toyota Motor Corporation + Kaleidoscope Creative
Collaborators: Squint Opera, Mobility in Chain, Atelier Ten

BIG – Bjarke Ingels Group
Partners-in-Charge: Bjarke Ingels, Leon Rost
Project Manager: Yu Inamoto
Project Leader: Giulia Frittoli
Team: Agla Egilsdottir, Alvaro Velosa, Brian Zhang, John Hein, Joseph Baisch, Mai Lee, Margherita Gistri, Nicolas Lapierre, Peter Sepassi, Raven Xu, Samantha Okolita, Shane Dalke, Thomas McMurtrie, Yi Lun Yang, Nasiq Kahn, Jeffrey Shumaker


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature