31-12-2020

AREP stazione e nuovo polo multimodale di Rennes

AREP,

Antoine Séguin,

Rennes, Francia,

Stazioni,

Una grande nuvola luminosa che sembra poggiata su un paesaggio costruito, è la nuova stazione e polo multimodale di Rennes, porta di ingresso alla regione francese della Bretagna. Il progetto è dello studio d'architettura AREP, sviluppato con gli strutturisti di MAP3 e con SNCF Gares & Connexions. La nuova architettura è punto di incontro tra le diverse linee del trasporto urbano ed extraurbano con i percorsi pedonali e ciclabili, e collega la zona nord e sud della città di Rennes.



AREP stazione e nuovo polo multimodale di Rennes

La città di Rennes, Francia, ha una nuova stazione e polo multimodale progettata dallo studio AREP con gli strutturisti di MAP3 e con SNCF Gares & Connexions. Il progetto è stato realizzato in previsione dell'apertura della nuova linea ad alta velocità Bretagna-Paesi della Loira e della metropolitana linea B. La nuova architettura è infatti il punto di incontro tra le diverse linee del trasporto urbano ed extraurbano con i percorsi pedonali e ciclabili, e collega la zona nord e sud della città di Rennes.
La prima stazione ferroviaria della città era stata costruita alla fine del XIX secolo nella zona meridionale del centro cittadino. Nel tempo aveva subito diverse modifiche e in particolare negli anni 80/90 del XX secolo era stata trasformata in una stazione ponte, ormai inadeguata alle necessità del trasporto pubblico cittadino. La struttura precedente si sviluppava al di sopra della linea ferroviaria, con un edificio per uffici a nord nel piazzale della stazione, direttamente collegato al centro città, e un secondo edificio completo di parcheggi, a sud, a più di 10 metri al di sopra del livello dei binari. Il nuovo progetto realizzato da AREP si inserisce, quindi, in un quadro più ampio, a scala del quartiere. Si tratta di una vasta operazione di trasformazione che comprende tutta l'area ai lati del tracciato ferroviario di proprietà sia della SNCF, l'azienda pubblica francese di gestione della rete ferroviaria nazionale, sia di privati ed è inserita nella ZAC (zone d'aménagement concerté).
In questo quadro, la stazione è un elemento fondamentale, anche da un punto di vista simbolico diventa la porta di accesso a tutta la Bretagna. Gli architetti si sono ispirati proprio al paesaggio bretone, alle colline coperte dalla brughiera e dalla nebbia, per costruire uno spazio coperto con una facciata non monumentale e sovrastato da una copertura eterea e trasparente. La costruzione di un paesaggio, al posto di un singolo edificio, si è resa necessaria per collegare le aree a nord e a sud della linea ferrata. Risultato raggiunto con il progetto di una collina artificiale che dal piazzale storico a nord della stazione, sale dolcemente fino al livello della linea ferroviaria, 7 metri più in alto. La collina è un elemento pedonale e paesaggistico realizzato grazie a una complessa struttura in cemento armato che diventa parte della copertura della sala centrale. Il paesaggio costruito diventa un elemento centrale del tessuto urbano, dalla collina si accede alla hall centrale di interscambio, protetta dalla grande copertura. Questa grande hall è un ambiente luminoso a tutta altezza punteggiato da una foresta di pilastri in legno e in cemento. È un vuoto che si inserisce tra il paesaggio costruito all'esterno e la stazione preesistente conservata sotto la copertura in ETFE. La hall ha un ruolo fondamentale non solo perché permette l'interscambio dei flussi dei viaggiatori, ma anche perché consente alla luce naturale di diffondersi a tutti i livelli e permette una buona ventilazione degli spazi, è il luogo di passaggio dai livelli sotterranei delle linee metropolitana alla stazione ferroviaria e alla città.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of AREP, photo by Antoine Séguin

Client: SNCF Gares & Connexions
Project management: SNCF Gares & Connexions – AREP, Architects: J.M. Duthilleul, E. Tricaud, F. Bonnefille / MaP3
Delivery: end 2007 for the first phase of works and end 2020 for the whole transport hub
Awards: Gare de l'année - Grand Prix des Régions 2020

Photos: Antoine Séguin


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature