15-08-2019

AREP + Groupe3 Architectes Casa-Port Railway Station Casablanca Marocco

Groupe3 Architectes , AREP,

Etienne Tricaud, Didier Boy de La Tour,

Casablanca, Morocco,

Stazioni,

Aga Khan Award for Architecture,

La stazione Casa Port progettata dagli studi AREP e Groupe3 Architectes a Casablanca fa parte del generale ammodernamento della rete infrastrutturale del Marocco voluta dal re Mohammed VI, che ha i suoi punti di forza nella linea Alta Velocità Al-Boraq "cavallo alato" che collegherà Casablanca-Tangeri e nel grande polo portuale Tangeri-Med. Progetti che contribuiscono ad accrescere il ruolo del paese africano come ponte verso l'Europa.



AREP + Groupe3 Architectes Casa-Port Railway Station Casablanca Marocco

Lo sviluppo della rete infrastrutturale con le stazioni dell'alta velocità della linea Casablanca - Tangeri e il grande polo portuale Tangeri-Med sono il fiore all'occhiello del progetto di modernizzazione del Marocco voluto dal re Mohammed VI, che il 30 luglio 2019 ha festeggiato vent'anni di regno. I progetti in corso di realizzazione e sviluppo contribuiscono ad accrescere il ruolo del paese africano come ponte verso l'Europa.
Il "cavallo alato" Al-Boraq è il nome della linea ferroviaria Alta Velocità marocchina che collegherà Casablanca e Tangeri in poco più di due ore, più che dimezzando gli attuali tempi di percorrenza. L'importante sviluppo della rete ferroviaria è stato funzionale anche a un generale rinnovamento delle stazioni delle quattro città principali: Rabat, Casablanca, Kenitra e Tangeri. A Casablanca l'ammodernamento della rete ferroviaria regionale, connessa alla tav attraverso un sistema di navette, ha riguardato stazioni come Casa Port, un progetto degli studi AREP e Groupe3 Architectes che ha dotato la città di un hub di trasporto dinamico che ne anticipa le esigenze future.

Casa Port, è stata realizzata in un importante nodo urbano della città. La stazione sorge di fronte al porto, come suggerisce il nome stesso, nel punto di incontro tra la medina, il quartiere art decò e il centro città. Il progetto della stazione e degli spazi pubblici adiacenti si inserisce in un programma più generale di ristrutturazione del lungomare e dei quartieri vicini al porto di Casablanca.
Sotto un grande e unificante tetto piano sorretto da esili colonne, sono distribuite tutte le funzioni di una moderna stazione. Un'ampia sala d'aspetto per i passeggeri, il centro commerciale, il parcheggio sotterraneo su due piani, unitamente agli spazi di attesa e circolazione ferroviaria, gli uffici sono in un edificio adiacente che completa il progetto.
L'atrio di ingresso è l'elemento principale della stazione, appare come una grande sala ipostila che si apre sulla vicina piazza a sud-ovest. Le sue dimensioni e quelle dei percorsi per accedere alle banchine ferroviarie, sono adatte alla gestione del grande traffico dei pendolari che affollano la stazione nelle ore di punta. L'atrio ospita tutti i servizi legati ai viaggi (biglietterie, display, sale d'attesa, informazioni) unitamente a una sala preghiera in posizione defilata rispetto all'intenso traffico pedonale e ai percorsi verticali che con il grande vuoto centrale lo connettono con il centro commerciale sottostante e con il parcheggio sotterraneo.

La copertura in legno e acciaio del tetto si protende con ampi sporti verso la piazza offrendo zone d'ombra anche all'esterno. Le sottili colonne portanti che lo sorreggono si suddividono nella parte alta in otto bracci, come un capitello stilizzato di cui restano solo le linee di forza. In corrispondenza del fusto di ciascuna colonna, la copertura non ha quindi funzioni strutturali ed è sostituita da un lucernario che permette alla luce solare di penetrare nella stazione. Le facciate vetrate a tutta altezza garantiscono continuità tra lo spazio pubblico interno della stazione ed esterno della piazza. All'immagine di leggerezza e innovazione, ma sempre legata alla tradizione, contribuisce anche la facciata ovest che come una grande Mashrabiyya filtra la forte luce solare del pomeriggio e rende omaggio alla modernità di Casablanca.

(Agnese Bifulco)

Architects AREP, Groupe3 Architectes
Location Casablanca, Morocco
Category Train Station
AREP: Etienne Tricaud, Philippe Druesne, Christophe Iliou
Groupe3 Architectes: Omar Tijani, Skander Amine, architects , Vincent Missemer, project director
Structures MAP3 -Emmanuel Livadiotti, Erick Cuervo
Engineering consulting firm for structuring works UTECA / INGECOBAT
Landscape Architect Atelier Bertrand Houin
Area 2500.0 m2

Images courtesy of Aga Khan Foundation: © AKAA / AREP
Photographs Didier Boy de La Tour, Etienne Tricaud
Video: Gare de Casa-Port à Casablanca from AREP


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×