07-04-2021

Studiotamat un locale di tendenza per Roma Tre de tutto

studiotamat,

Seven H. Zhang,

Roma,

Restoration, Bar,

"Tre de tutto" è un nuovo locale di tendenza progettato da STUDIOTAMAT degli architetti Tommaso Amato, Matteo Soddu e Valentina Paiola nel quartiere Garbatella di Roma. Gli architetti sono intervenuti nei locali di uno storico panificio del quartiere, in una piazza immortalata nelle sequenze del film "Caro Diario" di Nanni Moretti. Con pochi significativi e studiati elementi, gli architetti hanno dato vita a un locale trendy che non nega, ma anzi celebra il legame con la tradizione romana e con il quartiere in cui vive.



Studiotamat un locale di tendenza per Roma Tre de tutto

"Quanto è bella Garbatella" recita la scritta al neon che invita a entrare nel nuovo locale "Tre de tutto" che STUDIOTAMAT, lo studio fondato dagli architetti Tommaso Amato, Matteo Soddu e Valentina Paiola, ha progettato nel quartiere Garbatella di Roma per i proprietari Mirko Tommasi e Daniele Notte. Il progetto di interior ha riguardato i locali di uno storico panificio del quartiere, trasformato in un nuovo locale di tendenza, dove proporre piatti della tradizione romana rivisitati, in un mix ben dosato tra spirito popolare e dettagli raffinati.
Attraverso tre ampie vetrate arcuate a tutta altezza e disegnate su misura, "Tre de tutto" si affaccia su una piazza ricca di decorazioni e modanature tipiche del Barocchetto Romano, realizzate in materiali umili per abbellire un edificio degli anni venti. Luoghi che, come l'arco adiacente al locale, sono stati immortalati nelle sequenze del film "Caro Diario" di Nanni Moretti, evocativi di una romanità “pop” che viene celebrata dal nuovo locale fin nel nome “ Tre de tutto”.
Come raccontato dall'architetto Matteo Soddu il contesto a cui appartiene il nuovo locale ha avuto un ruolo fondamentale nel progetto: “Come in tavola i proprietari Mirko Tommasi e Daniele Notte propongono i classici della cucina romana rivisitati, prendendo ispirazione da uno dei quartieri più veraci di Roma, allo stesso modo il nostro obiettivo fin dal principio è stato non snaturare lo spazio preesistente, ma valorizzarlo e al contempo cucirlo addosso ai committenti. Così abbiamo lasciato le pareti grezze, con le stratificazioni di intonaco originali, dialogare con il design contemporaneo degli elementi architettonici che caratterizzano il locale, dal bancone dalle linee asciutte che domina nel bar, alla scala squisitamente pop del ristorante”.
Il locale è organizzato su due livelli: un pianoterra a pianta triangolare, dove gli spazi sono suddivisi dal grande pilastro cruciforme centrale, e un piano inferiore per le due sale ristorante, la cucina, i servizi e i magazzini. I due livelli sono collegati da una scalinata-tunnel color salmone con oblò. Il pianoterra è riservato alle colazioni e agli aperitivi, mentre al ristorante si può accedere da un ingresso indipendente costituito da una scala in ferro a rampa unica di un colore giallo accesso. La palette dinamica di colori, decisa con la Colour Consultant Sabina Guidotti, e alcuni studiati elementi di design, sono gli "ingredienti" usati dagli architetti per caratterizzare e rendere accoglienti gli spazi. Al pianoterra, per esempio, l'ambiente è dominato dalla presenza del macro bancone rivestito da solo due lastre di grandi dimensioni della collezione Liquid Purple Liquid Cosmo di Diesel Living with Iris Ceramica.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of STUDIOTAMAT, photo by ©Seven H. Zhang

CREDITS

Project Name Tre de tutto
Location: Via Giustino de Jacobis 19 (Rome, Italy)
Architect: STUDIOTAMAT (Tommaso Amato, Matteo Soddu and Valentina Paiola) www.studiotamat.com
Client: Tre de tutto (Mirko Tommasi, Daniele Notte) www.tredetuttogarbatella.it
Date: January 2021
GFA: 120 Sqm

Suppliers:
Counter cladding: Liquid Cosmo by Diesel for IrisCeramica
Wallpaper: Grid by Philippe Tablet and Paolo Giacomazzi for Texturae
Majolica: Cinca Nova Arquitectura
Colour Consultant Sabina Guidotti

Materials Floor: concrete, finished in transparent resin
Walls: wallpaper, majolica
Fixtures, shelves, yellow staircase: in iron, made by local blacksmiths
Tables: recycled, in iron with wooden top decorated by Sabina Guidotti
Chairs: recycled, in iron
Counter: cladded in ceramic plates with transparent painted iron top
Photography ©Seven H. Zhang


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature