19-08-2020

SBG architetti ROBOHUB l'Atelier di robotica della scuola Curiel di Rozzano

SBG architetti,

Daniele Pavesi,

Rozzano (MI) - Italia,

Scuola,

Lo studio SBG architetti ha progettato l'atelier di robotica della Scuola Curiel di Rozzano. Una buona pratica di didattica che si accompagna a una buona pratica di architettura. Un interior design che si può considerare un progetto pilota replicabile in altre strutture scolastiche con analoghe caratteristiche edilizie ed esigenze formative.



SBG architetti ROBOHUB l'Atelier di robotica della scuola Curiel di Rozzano

A Rozzano, in un contesto sociale complesso e difficile, la scuola secondaria di primo grado “Curiel” rappresenta un importante avamposto di cultura, innovazione e opportunità di riscatto per i suoi studenti e per la comunità. Con grande lungimiranza e spirito di iniziativa, la direzione dell'istituto ha deciso di creare un'atelier di robotica ROBOHUB e l'amministrazione cittadina ha affidato il progetto allo studio SBG architetti. Un'idea che è ben presto diventata un esempio di “buona pratica” di didattica e che nel corso dell'ultimo anno è stata presentata anche in contesti internazionali. Per esempio negli incontri organizzati da Apple, nella sua sede londinese di Regent Street, in occasione della 32ma edizione del Bett Show, la più grande manifestazione internazionale dedicata alle tecnologie didattiche. L'atelier offrendo corsi extra scolastici a chiunque voglia ottenerne il patentino di robotica, ha permesso alla scuola di diventare un importante attrattore per tutta la comunità, non solo per gli studenti.

Una buona pratica di didattica che si accompagna a una buona pratica di architettura, questo è in sintesi l'interior design dell'atelier di robotica firmato dallo studio SBG architetti. Un progetto replicabile in contesti analoghi, che dimostra come si possa rinnovare e dare nuova vita a degli ambienti inutilizzati della scuola. Si tratta, infatti, di un edificio tipico della corrente brutalista degli anni '70, una situazione comune a molti edifici scolastici italiani, con due importanti vincoli da rispettare: un budget contenuto e la necessità di eseguire i lavori senza interrompere il corretto svolgimento delle lezioni. I locali prescelti sono all'ultimo piano: un piccolo teatrino, un'aula usata come biblioteca e un deposito. Un totale di 300 mq di superficie completamenti rivoluzionati per dare vita a uno spazio che fosse immagine di una didattica innovativa, fondata su concetti di flessibilità, dinamismo e fluidità. Gli architetti hanno trovato ispirazione nel mondo dei componenti informatici ed elettronici, l'immagine del “Robohub” è la grafica del circuito stampato di una motherboard, ma anche colori, linee luminose e la stessa conformazione degli ambienti traggono forti suggestioni da quel mondo.
Il progetto di riqualificazione ha riguardato: serramenti, pavimenti, finiture e impianti. Si è agito demolendo i tramezzi che dividevano gli ambienti longitudinali e creando un unico grande open space che si estende da una terrazza esterna all'altra. I nuovi divisori sono lastre di cartongesso unite a isolante termoacustico e contropareti termoisolanti sui muri perimetrali per i passaggi impiantistici. Il nuovo auditorium, completamente rinnovato negli arredi, ha ora un palcoscenico leggermente più grande, con luci LED adatte a scenografie teatrali e uno schermo. L’acustica dell’auditorium e degli altri spazi è controllata tramite pannelli fonoassorbenti di fibra di legno. All'occorrenza una parete divisoria manovrabile tra l’auditorium e le aule, separa gli ambienti con elevate capacità di isolamento acustico.
Per quanto riguarda l'illuminazione, tutti gli spazi a uso didattico sono illuminati naturalmente e migliorati grazie un nuovo sistema di oscuramento brise-soleil a lamelle che evita fenomeni di abbagliamento. L'illuminazione artificiale è basata su un sistema a soffitto con lampade LED lineari e proiettori orientabili ad alta resa cromatica.

(Agnese Bifulco)

Committente: Comune di Rozzano (MI)
Localizzazione Intervento: Scuola secondaria di primo grado "CURIEL", via Lambro 92, Rozzano (MI)
Nome del Progetto: nuovo Atelier di Robotica "Robohub" e Auditorium scolastico
Data: febbraio 2019
Progetto Generale - SBG architetti: arch. Sergio Gianoli, arch. Marco Tedesi
Coordinamento - SBG architetti: arch. Ivano Fiamma
Collaboratori - SBG architetti: arch. Margarita Petrova, arch. Andrea Frontini
Fotografo: Daniele Pavesi
Coordinatore della Sicurezza: Optima Soluzioni Ambientali s.n.c.
Impianti Elettrici: P.I. Ezio Cislaghi


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature