28-04-2020

Saif Ul Haque Sthapati Arcadia Education Project in South Kanarchor Bangladesh

Saif Ul Haque Sthapati,

Sandro di Carlo Darsa,

Bangladesh,

Scuola,

L'Arcadia Education Project, progettata dall'architetto Saif Ul Haque, è una struttura modulare realizzata nel South Kanarchor, Bangladesh, un territorio delicato e fragile attraversato dal fiume Dhaleshwari, allagato per lunghi periodi dell'anno. Il progetto premiato nel 2019 con l'Aga Khan for Architecture è un complesso costituito da una scuola materna, un ostello, una nursery e un centro di formazione. Una struttura anfibia che non sconvolge il territorio fluviale, ma che si adatta alle inondazioni stagionali, grazie a un progetto che usa in modo innovativo le tecniche di costruzione tradizionale e i materiali locali.



Saif Ul Haque Sthapati Arcadia Education Project in  South Kanarchor Bangladesh

Il progetto del centro di educazione Arcadia, realizzato dall'architetto Saif Ul Haque di Dhaka e dal suo team, è un interessante esempio di come si possa operare in un territorio delicato e fragile quale quello fluviale. Il sito prescelto è nel South Kanarchor, Bangladesh, ed è attraversato dal fiume Dhaleshwari. Un'area soggetta a pesanti inondazioni stagionali. Gli architetti non hanno usato tecniche costruttive che avrebbero alterato pesantemente lo stato dei luoghi, come ad esempio costruire terrapieni o alte palafitte. Soluzioni che nel periodo di siccità avrebbero fatta apparire la scuola lontana e molto in alto rispetto al suo contesto. Hanno invece preferito fare ricorso alle tecniche costruttive tradizionali e ai materiali locali, per usarli in modo innovativo e realizzare una struttura “anfibia” che si adatta al suo territorio. Un progetto che è stato notato dalla giuria dell'Aga Khan for Architecture e che lo ha inserito nella lista dei sei vincitori del premio da 1 milione di dollari stanziato per l'edizione 2019.

La struttura progettata dall'architetto Saif Ul Haque non sconvolge il delicato ecosistema fluviale, ma nel rispetto del suo contesto naturale, allagato per circa un terzo dell'anno, riesce ad adattarsi alla situazione: galleggiando sull'acqua oppure restando ben ferma sulla terra, a seconda delle condizioni stagionali e permettendo un uso ininterrotto della scuola nel corso dell'anno. L'edificio è composto da tre spazi principali e polivalenti (usati come aule, ufficio, spazio a cielo aperto, struttura per i servizi igienici), collegati da un corridoio comune. Per realizzarlo sono stati impiegati tre diversi tipi di bambù, materiale scelto per la disponibilità in loco e la durata nel tempo nonché per la sua leggerezza e il conseguente facile trasporto. Il bambù è stato sottoposto a trattamenti differenti a seconda dell'uso. Quello necessario ai pali di ancoraggio e al tetto, ad esempio, è stato trattato chimicamente per evitare che potesse marcire. Altri elementi sono stati, invece, sottoposti solo a trattamenti di impermeabilizzazione, sempre secondo tecniche locali. La giuria dell'Aga Khan Award ha apprezzato molto la capacità dell'architetto Saif Ul Haque di pensare fuori dagli schemi, ricorrendo a una tecnologia locale, ma allo stesso tempo fornendo una soluzione che, visto il continuo innalzamento del livello del mare, potrebbe diventare globale. Nella sua apparente semplicità, il progetto nasconde invece soluzioni innovative che hanno risolto questioni complesse come: l'ancoraggio della struttura per resistere alla corrente del fiume durante la fase di galleggiamento e il galleggiamento stesso, o ancora la gestione dei rifiuti. Il progetto è stato infine apprezzato per la virtuosa sinergia che si è creata tra i suoi principali attori: architetto, cliente e costruttore, nonchè per il suo alto valore sociale, promuove infatti lo sviluppo culturale e socioeconomico delle zone rurali e delle fasce più deboli della comunità.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of © Aga Khan Trust for Culture / Sandro di Carlo Darsa (photographer)

Project Name: Arcadia Education Project
Location: South Kanarchor, Bangladesh

Client: Maleka Welfare Trust, Dhaka, Bangladesh: Razia Alam, chairperson

Architect: Saif Ul Haque Sthapati, Dhaka, Bangladesh:
Saif Ul Haque (principal), Salma Parvin Khan (associate)
Azka Eshita, Fahmida Akter Lira, Shayer Shafiq Rahman, Flora Roseline Nelson, Naheen Nurrudin, Rifat E. Khoda, Istiaque Ahmed (study and design team working at different stages)
Mahadi Hasan (construction supervision)
Arijita Areen Chowdhury, Mohammed Inteza Shariar, Mohammed Ashikul Islam, Monisha Momtaz, Nasheen Jahan, Muntakim Haque, Atkia Sadia Rahman, Abhijit Mazumdar, (as-built drawings, project documentation and maintenance team at different times)

Construction: Pran Bollov Biswas, (head of construction team)
Engineer: Sadat Hossain

Project Data
Site area: 486 m2
Ground floor area: 274 m2
Cost: 50,800 USD
Date: November 2011 (Commission), December 2012 – December 2014 (design), December 2014 – February 2016 (Construction), March 2016 (Occupancy)


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature