29-07-2021

Prossima Apertura un progetto di rigenerazione urbana ad Aprilia

Orizzontale, ADLM Architetti,

Nicola Barbuto, Alessandro Vitali, Alessandro Imbriaco,

Aprilia (Latina) - Italy,

Piazze,

Prossima Apertura, è un progetto di rigenerazione urbana guidato dagli studi Orizzontale, NOEO e ADML Architetti, recentemente completato ad Aprilia, in Italia. Attraverso competenze e strategie complementari al progetto architettonico, il gruppo multidisciplinare ha sperimentato una metodologia replicabile e declinabile in altri luoghi, mettendo a punto quello che si può considerare il prototipo di un nuovo modo di progettare e intendere lo spazio pubblico.



Prossima Apertura un progetto di rigenerazione urbana ad Aprilia

Gli studi Orizzontale, NOEO e ADLM Architetti, hanno guidato il team di professionisti impegnato nel progetto multidisciplinare di rigenerazione urbana, recentemente realizzato nel quartiere Toscanini di Aprilia, in provincia di Latina. Nel gruppo sono stati coinvolti diversi professionisti: architetti, esperti della ricerca psicosociale, dell'arte e della comunicazione e anche cittadini attraverso pratiche di auto costruzione. Lo scopo era restituire al quartiere uno spazio pubblico, una piazza che, lasciata per lungo tempo incompiuta, aveva contribuito a diffondere la percezione di una generalizzata condizione di abbandono e di degrado per tutto il quartiere. Per i cittadini, tutto ha avuto inizio con una grande insegna montata su una struttura metallica da cantiere, posta sul confine dell'area oggetto di intervento e su cui campeggiava a caratteri cubitali la scritta "Prossima Apertura". Una strategia insolita che ha creato un landarmak provvisorio, ma anche un simbolo della trasformazione che presto ne sarebbe seguita. La scritta aveva anche un altro importante scopo, richiamare l'attenzione dei residenti e coinvolgerli nella trasformazione dello spazio pubblico. L'area interessata è costituita da un insieme di spazi del quartiere con al centro la piazza, una superficie di oltre 8.600 metri quadrati che si sviluppa tra gli edifici residenziali ed è delimitata a nord da via Toscanini, a sud dalla via Pontina SS148, a est da via Guardapasso e a ovest da viale Europa.

La piazza, mai conclusa, si presentava come un vuoto urbano posto a tre metri sotto la quota stradale e definito dagli abitanti del quartiere "la buca", termine dispregiativo che sottolineava la distanza, l'abbandono e la noncuranza con cui lo spazio era vissuto dagli stessi residenti. A questo stato di fatto si è opposto il progetto messo a punto dal gruppo multdisciplinare costituito in un primo momento dagli architetti di Orizzotale, dagli esperti di esplorazione psicosociale NOEO e dall’associazione di curatori di arte urbana Walls (poi sciolta), vincitori del “Concorso di idee per la riqualificazione di 10 periferie urbane” bandito nel 2016 dal MIBACT e dal Consiglio Nazionale degli Architetti. Successivamente, grazie a un nuovo finanziamento ottenuto dal comune di Aprilia nel 2018, il progetto si è ampliato all'intero quartiere con la realizzazione di un masterplan per definire le linee guida di sviluppo e l'inclusione anche del parco antistante alla piazza nelle opere di riqualificazione. Al gruppo dei professionisti si sono aggiunte nuove figure, come lo studio ADLM Architetti, per arrivare alla squadra attuale composta da diciassette professionisti di diverse discipline come architettura, urbanistica, psicologia sociale, comunicazione, arte urbana, fotografia e video. Attraverso laboratori artistici e di auto costruzione, performance e strategie di comunicazione, il team ha lavorato su un primo importante obiettivo del progetto: accorciare le distanze tra gli abitanti del quartiere e la buca, per restituire alla piazza il suo ruolo di luogo pubblico. Le diverse attività sono diventate azioni complementari al cantiere tradizionale e hanno permesso ai cittadini di essere parte attiva del processo di rigenerazione, di usare e rendere viva la piazza ancor prima che i lavori fossero conclusi. La nuova piazza si articola su tre livelli che ricuciono a livello urbanistico il salto di quota e consentono diverse attività, fino all'area libera di 2.400 mq che accoglie eventi e attività collettive. L'intervento si è esteso anche al vicino Parco Europa con la ridefinizione dei percorsi ciclopedonali di attraversamento. L'esperienza di Prossima Apertura è diventata un manifesto e un progetto pilota di un'idea di rigenerazione urbana esportabile e declinabile in altri contesti. Vincitrice del premio per la “Rigenerazione ambientale, economica e sociale” assegnato dall’INU a Urbanpromo 2020, “Prossima Apertura” è esposta al Padiglione Italia alla 17. Mostra Internazionale di Architettura de La Biennale di Venezia 2021.

(Agnese Bifulco)

Project Name: Prossima Apertura
Location: Piazza della Comunità Europea, Aprilia (Latina) - Italy
Project: Orizzontale (Margherita Manfra, Roberto Pantaleoni, Giuseppe Grant, Nasrin Mohiti Asli, Stefano Ragazzo) www.orizzontale.org / ADLM Architetti (Marco Di Giorgio, Maurizio Moretti, Mauro Zangrilli) www.adlmarchitetti.it
Date: (Contest) 2016, (project) 2018, (start) July 2019, (completion) April 2021
Psicologia e ricerca psico-sociale: NOEO (Giorgia Cioccetti, Antonio Chimienti, Samuele Cocci, Valentina Nannini)
Graphic art: Mimmo Rubino (Rub Kandy)
Photos: Nicola Barbuto (01-05), Alessandro Vitali (06 – 10), Alessandro Imbriaco (11-21)
Video Nicola Barbuto
Communication: Mara Zamuner


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature