23-10-2020

Palm Avenue di Architecture Discipline: ritrovare la natura a New Delhi

Architecture Discipline,

Jeetin Sharma,

New Delhi, India,

Architecture Discipline, pluripremiato studio d'architettura indiano, ha realizzato a Nuova Delhi una villa indipendente per una famiglia di cinque persone che, stanche del traffico e dell'inquinamento della metropoli, hanno cercato rifugio nel quartiere di Vasant Kunj ai piedi dei Monti Aravalli. La casa, dal basso impatto ambientale e con linee minimaliste e squadrate, si ispira a Villa Petit di Le Corbusier, essendo però rivestita con lunghi e regolari listelli di legno.



Palm Avenue di Architecture Discipline: ritrovare la natura a New Delhi

Architecture Discipline è un pluripremiato studio indiano attivo dal 2007 con sede a Nuova Delhi. Nel quartiere di Vasant Kunj ha realizzato una villa indipendente per una famiglia di cinque persone alla ricerca di un riparo dal caos di traffico, cemento e inquinamento che contraddistingue la metropoli. Il quartiere, già sede dell'Aeroporto Internazionale Indira Gandhi e residenza di diverse personalità di spicco, si trova in una posizione periferica vicino ai piedi dei Monti Aravalli e, a differenza di zone più centrali, concede a chi vi risiede la possibilità di un giardino. Palm Avenue è anche il nome della strada in cui sorge la villa progettata da Akshat Bhatt, fondatore di Architecture Discipline, assieme a Chandni Saxena.

La casa prende ispirazione dalle forme di Villa Petit, la nota opera di Le Corbusier, ripensansata però in chiave contemporanea ed ecologicamente sostenibile. Infatti, il progetto di Architecture Discipline in Palm Avenue è minimalista, dalle linee semplici e si presenta come un volume squadrato dalla forma allungata, coperto da lunghi listelli in legno posati in orizzontalmente. La continuità delle forme dell'abitazione è interrotta da uno sbalzo verticale rivestito in vetro posto sull'ultimo piano. Si tratta dell’accesso all'ampio terrazzo. In più un secondo volume di due piani sul retro dell'abitazione, separato dalla casa e di colore scuro, ospita una depandance al primo piano e il garage al piano terra.

Akshat Bhatt racconta al riguardo di Palm Avenue: "Il progetto, lontano da ogni forma di pretenziosità, si concentra sulla costruzione di un edificio con solide fondamenta, profondamente radicato nella ricca storia della famiglia, in grado di soddisfare le esigenze attuali e offrire moltissime opportunità future. Questa considerazione ha portato alla decisione di creare uno spazio progressivo, senza tempo e cha abbia ancora un senso tra vent'anni ".

Architecture Discipline ha infatti pensato Palm Avenue basandosi su quattro fondamentali elementi progettuali: luce naturale, aria pulita, un grande open space e interni lussuosi. Il tutto per rispecchiare al meglio le volontà e il carattere dei clienti. La luce naturale fluisce così in abbondanza sul grande open space a doppia altezza, grazie alle generose aperture disegnate su tre lati dell'abitazione e a un ampio lucernaio sul tetto.

Entrando, l'altezza del controsoffitto all'ingresso è volutamente ribassata a poco più di due metri. Un effetto spaziale che in pochi passi introduce a un luminoso salone alto quasi sette metri, arredato con raffinati materiali naturali. Nell'insieme i colori caldi del legno e il bianco delle pareti contrastano armoniosamente con i vibranti blu, gialli e grigi dei mobili, nonché con il nero delle finiture, dei travetti, delle colonne e dell'imponente libreria che occupa un'intera parete nella sala al primo piano.
Alzando lo sguardo si scorge un poggiolo che si affaccia sul salone dal piano superiore, il quale mette in comunicazione visiva i diversi ambienti della casa, a loro volta collegati da una pittoresca scala a chiocciola ispirata al modernista francese Pierre Chareau.

Palm Avenue nasce divisa in due parti, una pubblica e l’altra privata, che si intersecano gradualmente senza una rigida divisione. In altre parole, creano un senso di inclusività che si estende dall'ambiente ai visitatori. Infine, una terza parte, molto importante per la famiglia, è il giardino, in cui crescono abbondanti le spezie necessarie alla cucina tradizionale, assieme a citronella e vari fiori stagionali.

Nei tre anni che hanno separato l'inizio del progetto alla conclusione dei lavori, Akshat Bhatt e Architecture Discipline raccontano di aver lavorato con cura alla riduzione degli sprechi, sia nella progettazione e costruzione, sia nel prevedendone l’utilizzo nei prossimi decenni.

Francesco Cibati

Typology: Residence
Client: Private
Site Area: 7,000 Sq.Ft.
Built Area: 6000 Sq. Ft.
Location: Gurugram, New Delhi, India
Principal Architect: Akshat Bhatt
Design Team: Chandni Saxena
Year: 2018
Electrical Contractors: Lirio Lopez
Structural Engineer: Isha Consultants Pvt. Ltd.
Photography: Jeetin Sharma

www.architecturediscipline.com


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature