13-11-2019

Design Museum Gent presenta mostra Lina Bo Bardi Giancarlo Palanti Studio d’Arte Palma 1948-1951

Lina Bo Bardi,

Ruy Teixeira, Daniele Iodice,

Gent, Belgio,

Mostre,

Il Design Museum Gent dedica una mostra a una delle figure più emblematiche dell'architettura del XX secolo: l'architetto italo-brasiliana Lina Bo Bardi. In particolare la mostra riguarda uno specifico aspetto della poliedrica attività di Lina Bo Bardi, i mobili che ha progettato tra il 1948 e il 1951 con l'architetto Giancarlo Palanti.



Design Museum Gent presenta mostra Lina Bo Bardi Giancarlo Palanti Studio d’Arte Palma 1948-1951

"Lina Bo Bardi Bardi Giancarlo Palanti. Lo Studio d'Arte Palma 1948-1951" è il titolo della mostra inaugurata recentemente al Design Museum Gent di Gand, Belgio. L'esposizione è organizzata dal museo belga in collaborazione con l’Instituto Bardi/Casa de Vidro di San Paolo in Brasile. Nel 2018, in occasione del Salone del Mobile di Milano, è stata ospitata dalla galleria milanese Nilufar fondata da Nina Yashar.
Lina Bo Bardi, italo-brasiliana, è stata: architetto, scrittrice, scenografa, illustratrice e designer di mobili; certamente una figura emblematica dell'architettura del XX secolo. A lei e a una parte specifica del suo lavoro è dedicata la mostra in corso fino al 16 febbraio 2020 al Design Museum Gent. La mostra è incentrata in particolare sui mobili che Lina Bo Bardi ha progettato tra il 1948 e il 1951 nell'Estúdio de Arte e Arquitetura Palma, fondato con l'architetto italiano Giancarlo Palanti. Gli studi condotti in preparazione della mostra hanno permesso anche di chiarire il ruolo dell'architetto Giancarlo Palanti nella progettazione dei mobili dell'Estúdio de Arte e Arquitetura Palma. Grazie alle ricerche svolte si è scoperto che alcuni pezzi, finora attribuiti esclusivamente a Lina Bo Bardi, sarebbero invece frutto di una stretta collaborazione tra i due architetti. La mostra è diventata quindi l'occasione per restituire merito anche al lavoro, in gran parte dimenticato, di questo architetto italiano.

Il progetto scenografico della mostra è stato affidato allo studio italiano Space Caviar, fondato dagli architetti Joseph Grima e Tamar Shafrir. Gli architetti hanno tratto ispirazione dal progetto di Lina Bo Bardi per la chiesa d’Espirito Santo do Cerrado in Brasile e hanno elaborato un progetto sofisticato e semplice. Gli arredi, per la maggior parte sedute e piani di appoggio, progettati da Lina Bo Bardi e Giancarlo Palanti, sono esposti su piattaforme costruite con semplici blocchi di laterizio a vista. Le diverse dimensioni delle piattaforme, anche in verticale, sono correlate all'arredo o al gruppo di arredi esposti e definiscono il percorso di visita.
Una serie di foto d'archivio completano la mostra invitando i visitatori a scoprire il mondo di Lina Bo Bardi. Il razionalismo e il modernismo che segnò la prima parte della sua attività professionale in Italia. A seguire il potere che esercitavano su di lei i paesaggi brasiliani, i materiali naturali e la cultura del paese che l'aveva accolta. Nel percorso espositivo è inserito anche il film "Precise Poetry" di Belinda Rukschcio che raccoglie una serie di interviste rilasciate da amici e colleghi dell'architetto italo-brasiliana alla vigilia del centenario dalla sua nascita. Attraverso le parole di quanti l'hanno conosciuta, gli aneddoti personali e gli aspetti socio-politici del suo lavoro, i visitatori possono immergersi nel mondo di Lina Bo Bardi. Un invito anche "fisico" perchè per assistere alla proiezione ci si siede su un celebre progetto dell'architetto: la Bowl Chair. La sedia progettata nel 1951 era stata realizzata da Lina Bo Bardi per la sua Casa de Vidro. È costituita da una seduta semisferica, sostenuta da una struttura metallica composta da un anello sorretto da quattro piedi. La seduta non è fissa ma può regolarsi in diverse direzioni per adattarsi alla posizione preferita dalla persona che la usa.

(Agnese Bifulco)

Title: Lina Bo Bardi - Giancarlo Palanti / Studio d’Arte Palma 1948 — 1951
Date: 25.10.2019 – 16.02.2020
Location: Design Museum Gent, Jan Breydelstraat 5, 9000 Gent – Belgium
Photo Furnitures: (8 – 11) Danile Iodice; (12 - 21) Ruy Texteira, courtesy: Nilufar Gallery, Milan
Courtesy of Design Museum Gent: Installations views (1, 4 – 7), Lina Bo Bardi Portraits (2 – 3).


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×