04-07-2018

KAAN Architecten Utopia Biblioteca Accademia Arti Performative a Aalst Belgio

KAAN Architecten,

Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti,

Aalst, Belgio,

Biblioteche, Academy, Scuola di danza,

Utopia, la Biblioteca e Accademia di Arti Performative recentemente completata dallo studio KAAN Architecten è un progetto complesso che ridisegna alcune parti del centro storico di Aalst, valorizzando il contesto urbano di riferimento e inglobando all'interno del nuovo edificio un palazzo storico della seconda metà dell'Ottocento.



KAAN Architecten Utopia Biblioteca Accademia Arti Performative a Aalst Belgio

Il nuovo edificio Biblioteca e Accademia di Arti Performative progettato dallo studio KAAN Architecten e recentemente completato nella città fiamminga di Aalst deve il suo nome alla nota opera di Thomas MoreUtopia”, la prima stampa di quel libro fu infatti realizzata proprio da un cittadino di Aalst, Dirk Martens.

Utopia” la nuova Biblioteca e Accademia di Arti Performative progettata da KAAN Architecten sembra incarnare perfettamente il significato celato nel titolo del libro di Thomas More e legato all'etimologia greca del termine. Quello che si presenta al visitatore è un “ottimo luogo” ma è anche un luogo insolito che provoca una sensazione di straniamento, un edificio che ne contiene un altro. Il progetto si inserisce infatti nel tessuto urbano di Aalst, tra le strade irregolari del centro storico. Interagendo con quel contesto urbano ne diventa un nuovo landmark che ingloba al suo interno anche un edificio storico.
Si tratta di una costruzione del 1880, la Pupillenschool, una scuola dove venivano educati i ragazzi destinati alla vita militare. L'edificio storico diventa parte del progetto di KAAN Architecten, e costituisce la soluzione d’angolo della nuova Biblioteca / Accademia. Gli architetti integrano la facciata della costruzione storica sia all’esterno che all’interno del nuovo edificio. All'interno la nuova struttura dei solai e delle scale in cemento di color grigio chiaro dialoga con gli elementi in laterizio della facciata storica, riprendendo il contrasto cromatico tra mattone e pietra grigia chiara che caratterizza il basamento e altri elementi della facciata dell'edificio storico.

Gli architetti hanno creato una connessione visiva continua tra la città e il nuovo edificio grazie alle alte e ampie vetrate della facciata. Le vetrate tagliano il volume in laterizio in più punti e mostrano sia il suo contenuto di libri che le sale prove e di balletto. Un posto d'onore è riservato alla grande libreria alta 11,50 m, visibile fin dalla strada attraverso la grande vetrata quadrata, che raccoglie tutti i libri donati dai cittadini di Aalst. L'entrata principale conduce a un ampio atrio, dove i visitatori sono rapiti dalla grandezza della struttura. Uno spazio arioso e luminoso dove si scorgono le librerie e i tavoli per la lettura disposti ai diversi livelli, che si affacciano verso il foyer e verso la facciata in mattoni dell'edificio storico. La scala con le sue rampe completamente a vista, contribuisce a conferire grandiosità all'insieme e a regalare un'esperienza di percezione dinamica dello spazio agli utenti. L'immagine che trasmette l'atrio al visitatore è quella di piani in cemento armato fluttuanti nello spazio e sorretti direttamente dai libri. Le librerie sono infatti addossate agli elementi strutturali in cemento armato in modo da nasconderli e lasciare a vista solo i solai aggettanti. All'esterno la copertura dell'edificio nuovo è nascosta, all'interno invece una rete metallica attenua la luce solare proveniente dai grandi lucernari e, bilanciandola con la luce artificiale, diffonde una atmosfera piacevole durante tutto il corso della giornata.

(Agnese Bifulco)

Utopia – Library and Academy for Performing Arts
Location: Aalst, Belgium
Studio: KAAN Architecten http://kaanarchitecten.com/
Architects: Kees Kaan, Vincent Panhuysen, Dikkie Scipio
Project team: Bas Barendse, Tjerk de Boer, Sebastiaan Buitenhuis, Sebastian van Damme, Paolo Faleschini, Raluca Firicel, Narine Gyulkhasyan, Joost Harteveld, Walter Hoogerwerf, Martina Margini, Giuseppe Mazzaglia, Kevin Park, Giulia Rapizza
Images courtesy of KAAN Architecte, photo by Delfino Sisto Legnani, Marco Cappelletti

Design phase: March 2016 - May 2018
Construction phase: August 2016 - May 2018

GFA: 8309 sqm + 235 sqm (bike parking)
Client: Autonoom Gemeentebedrijf Stadsontwikkeling Aalst (AGSA)
Main contractor: Groep Van Roey NV, Rijkevorsel (Belgium)
Advisor construction: UTIL Struktuurstudies, Schaarbeek (Belgium)
Advisor technical installations: Studiebureau R. Boydens NV, Brugge Sint-Michiels (Belgium)
Water & electrical installations: Studiebureau R. Boydens NV, Brugge Sint-Michiels (Belgium)
Fire control: ABT, Delft (Netherlands)
Acoustics: Tractebel Engineering SA, Brussels (Belgium)
Sustainability: Studiebureau R. Boydens NV, Brugge Sint-Michiels (Belgium)


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×