13-07-2017

Un rifugio per creativi di TYIN Tegnestue

Rintala Eggertson, Sami Rintala,

Pasi Alto,

Blog

Lo studio norvegese TYIN Tegnestue, in collaborazione con Sami Rintala di Rintala Eggertson Architects, ha realizzato un rifugio molto particolare sull'isola di Fleinvær, Norvegia.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Un rifugio per creativi di TYIN Tegnestue

Un rifugio per creativi di TYIN Tegnestue Lo studio norvegese TYIN Tegnestue, in collaborazione con Sami Rintala di Rintala Eggertson Architects, ha realizzato un rifugio molto particolare sull'isola di Fleinvær, Norvegia. Da un'idea del musicista Håvard Lund nasce un luogo ispirato dal contesto e dalla musica.


Quando un musicista jazz e compositore incontra architetti talentuosi e il setting è l'isola di Fleinvær nell'Atlantico settentrionale davanti alla costa norvegese, la città più vicina sulla terra ferma è Bodø, allora non può che nascere un'architettura davvero unica.
Tutto il progetto, un posto dove musicisti, artisti e altri creativi si possono ritirare nella natura “rock'n roll” dell'isolotto per lavorare, segue la metafora musicale, tanto che il committente Håvard Lund definisce gli architetti di TYIN Tegnestue membri della “band”, alla quale si aggiunge, su suggerimento dello studio TYIN, anche l'architetto finlandese Sami Rintala dello studio Rintala Eggertson Architects.
Una decisione motivata proprio perché la progettazione nella natura estrema, ma anche molto fragile, richiede la massima attenzione a ogni gesto progettuale, allo scopo di minimizzare l'impatto. Un campo dove l'architetto Sami Rintala ha lunga esperienza. Partendo da una scansione tridimensionale del sito con gli studenti di architettura del NTNU (Norwegian University of Science and Technology) si sono acquisite le informazioni necessarie per poter realizzare architetture reversibili, quindi dall'interferenza limitata. Tutto questo si è tradotto in sottili fondamenta in acciaio con curvatura di 15 gradi, consentendo un buon ancoraggio e adattamento al terreno.
Il progetto si presenta come un piccolo villaggio con una sauna sul mare, una piccola sala d'attesa sull'embarcadero, adattata a foresteria con bagni, e quattro piccoli volumi singoli, dove possono dormire dalle 2 alle 4 persone. Al centro la casetta per la mensa e una per i concerti con davanti un piccolo anfiteatro naturale. Leggermente più appartata la “reflection room”, basata sulla tipologia del deposito dei sami, il “njalla”. Questo riprende il concetto dell'impatto minimo sul terreno, ma è eseguito con un telaio in acciaio prefabbricato, in omaggio alle conoscenze ingegneristiche, ed è eretto su una colonna per regalare una vista mozzafiato sul paesaggio nordico.
Il rifugio di Fleinvær si presenta, per rimanere in ambito musicale, come un'opera corale con molte decisioni progettuali prese, in maniera partecipata, tra architetti, committente e volontari.

Christiane Bürklein

TYIN tegnestue Architects and Rintala Eggertsson Architects
Fordypningsrommet Fleinvaer
Location: Fleinvær, Gildeskål Kommune, Norway
Client: Håvard Lund
Project: Rent out artist residency
Building period: May 2013 - January 2017
Area: 123 m2
Photographs: © Pasi Aalto
Architects: Sami Rintala, Andreas G. Gjertsen, Yashar Hanstad, Dagur Eggertsson
Professionals: Hanmo (welding), Tømrer Stangvik (carpentry), Andrew Devine (carpentry), Ruben Stranger (carpentry), Harboe Leganger (engineer)
Students: Annika Persch Andersen, Simen Aas, Thea Hougsrud Andreassen, Edouard Bernard, Camille Boudeweel, Claudia Calvet Gomez, Steinar Hillersøy Dyvik, Sophie Galarneau, William Gibson, Henrik Pfeiffer, Elise Aunet Tyldum, Espen Strandmyr Eide, Aurora Schønfeldt Larsen, Kim Stroh, Erik Hadin, Anna van der Zwaag, Sara Lipinska, Harald Seljesæter, Tuva Andersen, Julia Kolacz, Mats Heggernæs, Anne-Margrethe Lothe, Ulrikke Schønfeldt, Anette Morvik Roberstad, Fredrik Asplin, Jan Fredrik Holmestrand, Alberto Reques, Sara Kamilla Wik, Edwina Brisbane, Adrian Aressønn Norwich, James Dugdale, Marek Lepiochin, Odin Ardach, Marie Norum, Tyra Mathilde Marsteng, Theodor Braatøy, Jana Mentges, Simone Marusi, Pilou Passard, Quentin Desveaux, Rahel Haas, Ninni Westerholm, Ambra Aliraj, Sebastià Mercadal, Ingrid Stenvik Larsen, Anna Maragno, Martin Boullay, Eirik Skårdalsmo, Even Egholm Fuglestad, Matilde Sundquist, Silva Marie Eikaas, Elisabeth Zachries, Benoît Perrier, Martin Barrère, Julie Huseby, Agathe Ledou, Ossian Quigley Berg .Roger Escorihuela, Emmanuel Banda
Workshop teachers: Sami Rintala, Andreas G. Gjertsen, Yashar Hanstad, Dagur Eggertssonm Carla Carvalho, Pasi Aalto, Kata Palicz

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy