15-11-2007

Water towers - Jo Crepain. Anversa, 1996

Belgio,

Housing, Residenze,

Vetro,

Recupero/Restauro,

Una vecchia torre per la raccolta dell'acqua si trasforma in una bizzarra abitazione.



Water towers - Jo Crepain. Anversa, 1996 "By cool rationality Crepain has exploited limited space to the maximum; and clearly alluding to the early Modernists, he has created spaces that are both austere and lyrical, transfigured by light and constant connection with the exterior", ha scritto Penny McGuire su The Architectural Review.
Il basamento della torre è costituito da un blocco massiccio di cemento che ancora l'edificio al suolo e che allo stesso tempo lo apre verso il giardino attraverso due pareti vetrate. All'interno, le quattro grandi colonne preesistenti sono state lasciate a vista. I pavimenti sono di cemento, le porte e i serramenti di alluminio anodizzato opaco. Varcato l'ingresso si trova una sala centrale che conduce alla cucina e alla zona pranzo, protette dall'esterno da un rivestimento traslucido opaco; alle spalle, un ambiente a doppia altezza ospita lo studio.
La casa sale poi per altri quattro piani, attraverso i quali si articolano gli altri ambienti: tutti della stessa dimensione, sono collegati da una teoria di scale in acciaio zincato. Tre spigoli della torre -quelli orientati verso la strada- sono rivestiti in vetro sabbiato, mentre il quarto, aperto verso il verde, ha una pelle in vetro trasparente.

Foto di Sven Everaert, Coolens & Deleuil

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×