26-12-2018

Wall Architects: Village center a Sanhe (Cina)

Wall Architects of XAUAT,

TrimontImag (Wang Dong) ,

Commissionato dal comitato di villaggio, il village center di Sanhe, in Cina, dello studio Wall Architects è la sede simbolica per una rinascita spirituale del villaggio. Il giovanissimo studio Wall Architects progetta una struttura leggera e indefinita in cemento e mattoni a vista o intonacati.



Wall Architects: Village center a Sanhe (Cina) Fondato nel 2017, il giovane studio cinese Wall Architects ha progettato un nuovo centro civico nel villaggio di Sanhe, nella contea di Fuping, nella provincia dello Shaanxi, in Cina. Osservato dal punto di vista della cultura occidentale, quello di Wall Architects è un progetto di difficile definizione perché è uno spazio pubblico comunitario, in cui il commercio ha un peso e una presenza limitati, e in cui predomina la ricerca dell’identità storica di Sanhe.
Con questo edificio gli architetti di Wall Architects hanno iniziato un viaggio di esplorazione indietro nel tempo, per rintracciare l’essenza del vivere nel territorio dello Shaanxi, ciò che tocca le tradizioni sociali ma anche la cultura materiale, come le tecniche costruttive che da sempre appartengono a questo luogo.
Vista da qui appare lontanissima la Cina più avanzata e spregiudicata, in grado di assorbire le altre culture e farle proprie con maggior profitto, senza distinzione tra mercato e spiritualità, tra Oriente e Occidente, tra dinamismo euforico e cruda realtà.
La storia dei contadini dello Shaanxi è fatta invece di grande realtà, una realtà dura, umile, dimessa e sospesa, dove la storica ricchezza di materie prime non ha impedito in passato una perdita di valori e di identità del luogo.
Oggi che la ricerca spirituale e il patrimonio culturale anche nella nuova Cina diventano sempre più importanti, il villaggio come realtà pubblica e orgogliosamente comunitaria ha un valore riconosciuto. Il completamento di questo progetto per un nuovo centro civico è anche finalizzato a rilanciare la connessione tra tradizione spirituale e cultura materiale. La chiave di questo rilancio è l’architettura rurale, un’architettura della tradizione, quindi vicina alla storia, ma rinnovata negli spazi allestiti. Questo progetto nasce per soddisfare i bisogni materiali e spirituali fondamentali dei residenti rurali e, allo stesso tempo, traccia una nuova via per la costruzione di opere pubbliche.
La scelta di realizzare un centro civico è scaturita dal comitato di villaggio di Sanhe, ovvero da quell’organo che è espressione della democrazia locale. Il villaggio è il quinto livello di suddivisione amministrativa in Cina e il comitato di villaggio è una sorta di organo amministrativo, di tipo informale, che ha il compito di attuare politiche e decisioni approvate dalle autorità centrali e locali superiori. I loro membri sono eletti direttamente dai residenti del villaggio e nell’esercizio delle loro funzioni si occupano di svariati aspetti della vita dei residenti, tra cui la sicurezza pubblica, la pianificazione familiare, la salute, la cultura, l’educazione.
Ecco perché il village center di Sanhe è diventato una sorta di metafora di un nuovo “villaggio", che comprende, come cellule aggregate, residenze per anziani, un centro sanitario rurale, spazi espositivi che raccontano la storia del villaggio, un centro informazioni, in parte dedicato all'industria rurale, un centro di attività culturali, una sala per la lettura e lo studio a cui si annettono gli ambienti di ristorazione. Il nuovo complesso si trova all’esterno del nucleo storico di Sanhe, circondato dalla campagna, quasi a rappresentare appunto un nuovo nucleo di fondazione, un nuovo villaggio che enfatizzi le funzioni di quello tradizionale in spazi più adeguati.
Il centro civico si articola su due piani con un forte sviluppo orizzontale. Il primo livello è un unico blocco di pianta rettangolare alleggerito dalle numerose finestre e da due percorsi passanti trattati come piccole corti verdi per donare respiro tra le parti. Il secondo livello invece occupa solo un piccolo blocco che svetta al centro come una sorta di torretta, mentre il resto dello spazio è utilizzato come terrazzo. 
La cruda evidenza della struttura in cemento è mitigata dall’intersezione dei setti murari in mattone a vista, un mattone tradizionale, grezzo e dalle mille sfumature, oppure dipinto di bianco. Tutta la poesia dei nuovi spazi per la spiritualità del villaggio si esprime nei leggeri tagli di luce tra i mattoni traforati che separano gli spazi e le funzioni o nelle prospettive mirabilmente disegnate tra un ambiente e l’altro. Antico mondo e attualità si incontrano in un nuovo centro culturale, lavorativo, espositivo, come se questa fosse una piazza pubblica al centro del villaggio, indefinita, un foglio bianco, ricco di potenzialità espressive.

Mara Corradi

Architects: Wall Architects of XAUAT
Lead Architects:  Wu Rui, Li Shaochong, Wang Maozhen
Client: Sanhe village committee
Location: Sanhe, Fuping, Shaanxi Province, China
Completion Year: 2018
Gross Built Area: 790 sqm
Project Team: Liu Chuang, Li Xuan,Zhao Wanjing,Hong Jinlong
Structural Engineer: Wang Xinge
MEP Engineer: Hu Rui, Cheng Xue
Design Consultant: Shi Xiaojun,Li Xinghui
Technical Consultant: Gao Li

Photos by: © TrimontImag (Wang Dong)           

www.yuan-architects.com

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×