23-12-2020

TEO Center for Culture, Art and Content di Lerman Architects a Tel Aviv

Lerman Architects,

Nimrod Levy, Amit Geron,

Tel Aviv, Israel,

TEO è il nome dell'ultimo progetto, dedicato a Theodor Herzl, realizzato da Asaf Lerman, celebre architetto israeliano già autore di alcuni degli edifici istituzionali più importanti del paese. Anche TEO è un'opera istituzionale, destinata alla fruzione pubblica. Si tratta infatti di un centro culturale polifunzionale che sorge sul fronte marino di Herzliya, poco a Nord di Tel Aviv. Il centro ospita mostre d'arte, ampi spazi di incontro e svago e una grande libreria, ma anche una scuola di danza, un conservatorio, laboratori di arte e modellazione ceramica, un centro ricreativo per anziani e tanto altro.



TEO Center for Culture, Art and Content di Lerman Architects a Tel Aviv

L'ultimo lavoro degli architetti israeliani guidati da Asaf Lerman, ultimato quest'anno, è un nuovo, imponente centro culturale a Nord di Tel Aviv, chiamato TEO – Theodor Herzl Center for Culture, Art, and Content, dedicato a Theodor Herzl, tra i padri fondatori del sionismo sul finire del XIX secolo.

Il centro progettato da Lerman Architects sorge sul fronte del Mar Mediterraneo nella località residenziale di Herzliya (anch'essa battezzata in omaggio a Herzl), contraddistinta dalla presenza di numerose sedi diplomatiche e delle residenze lussuose di molte famiglie dell'élite israeliana. In un contesto di ville private multipiano e palazzi dall'altezza considerevole, TEO Center si impone visivamente nel tessuto urbanistico grazie alla sua ampia estensione e alla sua altezza ridotta. Il centro, che sorge su un lotto quadrato di 50x50m, si sviluppa infatti su un solo piano, fatto salvo un unico blocco, posto su un lato del perimetro, a doppia altezza. Anche da un punto di vista sociale il centro svolge un ruolo molto importante, in quanto apre uno spazio esposto, destinato al pubblico, in una zona altrimenti esclusiva, priva di attrattive popolari e adornata solo dalle alte mura che circondano le proprietà private.

TEO Center svolgerà un ruolo essenziale per la comunità di Herzlyia grazie alle numerose funzioni che ospiterà al suo interno. Nei 2500 metri quadri calpestabili progettati da Lerman Architects troveranno posto infatti un conservatorio, una scuola di danza, diversi laboratori d'arte e ceramica, una galleria espositiva, un centro ricreativo per anziani e una caffetteria. Il blocco a doppia altezza ospiterà invece una grande biblioteca, dotata di un ampio terrazzo scoperto di 300 metri quadrati. Gli architetti guidati da Asaf Lerman raccontano come l'unicità del design "risieda nella coerenza di un preciso modulo geometrico applicato rigorosamente in tutto il progetto; cemento (moduli prefabbricati e gettati in opera), vetro testurizzato e metallo fluiscono senza soluzione di continuità dalle superfici esterne a quelle interne".

L'aspetto del centro, a causa delle forme squadrate e della matericità del cemento, in cui si vedono le texture lignee dei casseri, può dare a prima vista un'impressione brutalista e austera al Theodor Herzl Center for Culture, Art, and Content. L'esperienza di Lerman Architects è però di lunga data, essendo lo studio fondato nel 2006 e vantando la realizzazione di alcuni tra gli edifici istituzionali più importanti di Israele. Per questo non ci si deve ingannare: l'essenzialità è una cifra stilistica, stemperata sapientemente dall'uso negli arredi e nelle finiture di materiali più caldi, come ad esempio il legno, imprescindibile negli ambienti destinati alla scuola di musica.

Per mantenere la sagoma del tetto snella e leggera, garantendo la totale impermeabilità e riduzione di ponti termici, è stata utilizzata una tecnologia d'avanguardia studiata appositamente. Il clima temperato del Mediterraneo svolge poi gran parte del lavoro nell'efficienza energetica e nella climatizzazione.

Un elemento scenico fondamentale è, infine, il patio interno che mette a disposizione i suoi quasi 300 metri quadrati a chi cerca quiete in un luogo etereo di forte ispirazione. Qui un'unica quercia già matura fa capolino dal terreno, assorbendo e rifrangendo al contempo la luce diretta del sole, creando una composizione visiva che, da qualsiasi punto, unisce le forme organiche della natura a quelle geometriche progettate dall'uomo.

Francesco Cibati

Client: Herzliya development company Ltd.
Completion year: September 2019
Built area: 2500 m2
Location: Herzliya, Israel
Principal architect: Asaf Lerman
Project architects: Danielle Nagila, Nimrod Schenkelbach, Itai Bachor
Photo credit: Amit Geron, Nimrod Levy
www.a-lerman.co.il


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature