05-12-2006

Stadio olimpico. Pechino. Herzog e de Meuron. 2006

Herzog & de Meuron,

Pechino, Cina,

Sport & Wellness,

Cemento, Metallo,

Lo stadio che ospiterà le Olimpiadi del 2008 è un'avveniristica architettura "intrecciata", costruita su progetto degli svizzeri Herzog e de Meuron.



Stadio olimpico. Pechino. Herzog e de Meuron. 2006
I 91mila posti a sedere sono collocati in una struttura circolare, la cui particolare copertura a reticolo ha fatto sì che i cinesi ribattezzassero lo stadio "nido d'uccello".
Il progetto è risultato vincitore del concorso internazionale bandito nel 2002, proprio grazie all' originale soluzione proposta, ispirata alla trama di un nido e formata da una miriade di ramoscelli e di intrecci.
A rendere ancora più complesso questo progetto è il fatto che la "maglia" non è solo involucro e copertura, ma ospita anche le scale ed è facciata. A farla da protagonista, tra i materiali, è soprattutto il cemento di cui sono costituiti i vari ramoscelli del nido; tra l'uno e l'altro, una serie di "cuscini" gonfiabili fa sì che dall'esterno lo stadio restituisca un'immagine ovattata. Oltre alla forte valenza estetica di questo intreccio, va sottolineata la funzione strutturale degli elementi in metallo che, incontrandosi ed intrecciandosi, si sostengono a vicenda. Anche se l'impressione è quella di una disposizione casuale e quasi naturale, naturalmente i punti d'incontro dei vari elementi e la direzione che assumono all'interno del nido, sono frutto di precisi calcoli.
Le particolari funzioni di questo stadio, che sarà il principale teatro delle Olimpiadi del 2008, hanno suggerito di renderlo completamente chiudibile. Infatti, in corrispondenza della zona centrale, il tetto è una membrana trasparente, attraverso la quale passa la luce proveniente dall'esterno. La restante parte della struttura è coperta da uno strato traslucido che protegge dagli agenti atmosferi e da un secondo strato che assicura l'isolamento acustico.

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×