04-05-2007

Stadio Municipale. Braga (Portogallo). Souto De Moura. 2004

Eduardo Souto de Moura,

Braga, Portogallo,

Tempo Libero, Sport & Wellness,

Cemento,

Dei 7 nuovi stadi che il Portogallo ha costruito in occasione dei Campionati Europei del 2004, quello di Braga è stato definito il più spettacolare, e designato dalla Uefa come una delle opere più interessanti nel panorama delle strutture sportive.



Stadio Municipale. Braga (Portogallo). Souto De Moura. 2004 Progettato dal portoghese Edoardo Souto de Moura, lo Stadio Municipale di Braga ha infatti una caratteristica che lo distingue da tutti gli altri: è quasi un tuttuno con il paesaggio che lo circonda, dato che è sorto dove un tempo esisteva una cava, (la cava di granito di Dume) precisamente sul fianco del Monte Castro. Si tratta del primo progetto architettonicamente rilevante realizzato nell'area delle cave dismesse, in questa zona del Portogallo ricca di granito.
La sua struttura in cemento armato definisce con linee sobrie le due tribune. Tre gallerie circolari attraversano la gradinata, permettendone un agevole attraversamento. L'assenza di altre tribune sugli altri due lati rende lo stadio più aperto verso l'esterno rispetto alle strutture analoghe, e consente un piacevole scambio visivo con il paesaggio circostante.
Altra peculiarità è la copertura del campo di calcio, formata da una serie di cavi (con una luce di 220 metri) che si estendono tra le due tribune, creando una vera trama.

Il risultato è una struttura sospesa, che regala un tocco di leggerezza al complesso in cemento armato e, soprattutto di notte, sembra dissolversi, lasciando intravedere il cielo e la montagna in cui lo stadio è inserito.
L'immagine è anche quella di una scultura arcaica, e in effetti l'architetto sembra essersi ispirato agli antichi ponti Inca del Perù, realizzati in corda. E' soprattutto di notte, quando è illuminato, che lo stadio restitiosce il suo aspetto più suggestivo, enfatizzando le caratteristiche tridimensionali. Obiettivo dell'architetto e dei committenti è stato quello di creare un punto di riferimento nel paesaggio costruito di questa regione, attraverso un opera in grado di esercitare una certa forza attrattiva non solo per le attività che avrebbe ospitato, ma per la particolare geometria e per le peculiarità della struttura. Non a caso, in alcuni punti delle tribune, una serie di aperture e soluzioni studiate ad hoc consentono di godere di spettacolari scorci sull'architettura e sul pasesaggio. In questo stadio, inoltre, gli spettatori possono godere di un'ottima visuale sul campo, proprio perchè tutti i posti a sedere sono concentrati nelle due ripide tribune che si sviluppano lungo i lati maggiori del lotto.

Con questo progetto, innovativo per gli apsetti formali e per le scelte costruttive, l'architetto Eduardo Souto de Moura ha vinto il 47mo premio FAD de Arquitectura 2005.

Laura Della Badia

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×