1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Schneider + Schumacher

Schneider + Schumacher


Biografia

Fondato nel 1988, lo studio di architettura tedesco Schneider + Schumacher ha la sede principale a Francoforte sul Meno e conta altri due uffici a Vienna e a Tientsin.
Titolari dello studio sono i fondatori Till Schneider (Coblenza, 1959) e Michael Schumacher (Krefeld, 1957), entrambi laureati in architettura all'Università di Kaiserslautern. Hanno in seguito proseguito gli studi ottenendo un diploma post-laurea alla Städelschule di Francoforte nel corso diretto da Sir Peter Cook.

Lo studio si occupa principalmente di grandi complessi di nuova costruzione, masterplan, ammodernamento e ristrutturazione di edifici storici, seguendo tutte le fasi del lavoro, dalla progettazione alla supervisione in loco, dalla pianificazione generale fino ai dettagli.
Tra gli obiettivi dichiarati dello studio si segnala un "approccio olistico che promuova la discussione sulle città e la loro architettura (...) pianificando città e paesaggi altamente vivibili per il futuro".
La maggior parte dei progetti dello studio Schneider + Schumacher sono stati realizzati in Germania e in particolare a Francoforte sul Meno.
La prima opera che li ha imposti a livello internazionale è stata l'Infobox presso Leipziger Platz a Berlino (1995). Un'importante struttura temporanea, smantellata nel 2001, che aveva l'obiettivo di documentare i lavori di costruzione intorno alla Potsdamer Platz. Pensata per i visitatori, questi potevano seguire l'avanzamento dei cantieri e guardare i modelli di edifici futuri.

Con la sua peculiare forma a cuboide (62,5×15×15 mt.) e il riconoscibile color rosso, nel periodo in cui Berlino era il più grande cantiere d'Europa, questo piccolo edificio ha legato la sua immagine alla ricostruzione della città. Costruito in 3 mesi, il padiglione era rivestito con lastre di acciaio verniciato di rosso e sollevato a circa otto metri dal livello del suolo. L'interno comprendeva tre piani, con sale per esposizioni e conferenze e una caffetteria. Il tetto piano fungeva anche da terrazza panoramica, mentre scale esterne conducevano nell'edificio e sulla terrazza. É stato il  primo nuovo edificio nell'area di Potsdamer Platz vicino all'ex muro di Berlino.

La serie di interventi che lo studio ha attuato dalla fine degli anni Novanta nel quartiere di Westhafen, l'ex porto interno sulla riva destra del Meno, ha segnato un punto di svolta sul landmark della città e sull'intero tessuto urbano di Francoforte. Queste opere includono, tra gli altri, il complesso amministrativo Westhafen Tower, grattacielo a forma cilindrica che segna uno dei principali ingressi in città; gli edifici per uffici Westhafen House, Bridge Building e Westhafen Pier.
Quest'ultimo complesso ha rappresentato la Germania alla 10ª Biennale di Venezia del 2006 e si caratterizza per la sua posizione, collocata tra il fiume e una preesistente centrale elettrica a carbone. La strategia di progettazione è stata determinata dall'ambiente industriale, in quanto è stato necessario mantenere l'accesso al rifornimento di carbone sul sito. La linea del nastro trasportatore per la fornitura di carbone (isolato dal rumore) "attraversa l'edificio, determinando l'altezza del basamento dell'edificio per uffici. Utilizzata come struttura di parcheggio a tre piani, questa base offre spazio per negozi e ristoranti". Le imponenti facciate in alluminio anodizzato hanno una caratteristica forma verticale a zig-zag e offrono un'eccellente vista dagli uffici sul fiume.
Inoltre tra ogni edificio una generosa terrazza offre un notevole panorama sempre sul fiume. L'aspetto generale dell'edificio ricorda "un oggetto tecnico, che sembra il soffietto di una macchina fotografica antica, che si adatta in modo naturale alla sagoma della centrale elettrica".

Importante e noto l'ampliamento del Museo Städel di Francoforte (2008-2012). Si tratta del più antico museo della Germania situato all’interno dell'edificio neo-rinascimentale progettato da Oskar Sommer (1840-1894) e fondato nel 1815 dal banchiere di Francoforte da cui prende il nome. L'intervento si distingue soprattutto per la nuova estensione sotterranea di oltre 4 mila mq., interrata e collocata come una verde collina nello Städelgarten. I suoi 195 lucernari circolari coprono il prato e illuminano la sala espositiva sotterranea con luce naturale. Da segnalare anche l'ecostenibilità e il consumo minimo di energia che contraddistingue questo edificio, nonché la nuova collocazione di alcuni ambienti interni (gli uffici amministrativi, l'auditorium Metzler, la biblioteca) che hanno migliorato l'assetto, la funzionalità e l'accesso alla struttura.

Tra i progetti più importanti realizzati a Francoforte sul Meno si segnala inoltre il restauro dell'ex consolato generale degli Stati Uniti nella Siesmayerstraße (2007); la ristrutturazione dello storico Instituto Cervantes (2008) e della SilverTower / Silberturm (2011), ex sede della Dresdner Bank.

Lo studio ha ricevuto numerosi prestigiosi riconoscimenti. Tra i più recenti segnaliamo l'American Architecture Prize 2016 (sezione "Cultural Architecture") per l'ampliamento dello Städel Museum;  l'International Architecture Award 2017 per il Campus Bridge Mainz; l'International Design Awards 2018 per il Padiglione di Francoforte.
 
Schneider + Schumacher opere e progetti famosi
 
- International Accelerator Center FAIR (Facility for Antiproton and Ion Research), Darmstadt (Germania), 2022 (previsto)
- Shenzhen Qianahi Justice Centre, Shenzhen (Cina), 2020 (previsto)
- Riqualificazione della banchina nel porto doganale di Magonza (Germania), 2019 - in corso
- Allianz Campus, Berlino (Germania), 2019 - in corso
- Frankfurt Station Hotel, Francoforte sul Meno (Germania), 2018
- Frankfurt Pavilion, Francoforte sul Meno (Germania), 2018
- Centro studi e conferenze MBS, Mannheim (Germania), 2017
- Riprogettazione degli spazi esterni del complesso di uffici “Die Welle” ("The Wave"), Francoforte sul Meno (Germania), 2016
- Campus Bridge Mainz, (Germania), 2015
- Ölhafen Bridge, Raunheim (Germania), 2013
- Chiesa sull’autostrada A45, Wilnsdorf (Germania), 2013
- Ampliamento del Museo Städel, Francoforte sul Meno (Germania), 2012
- Ristrutturazione della SilverTower / Silberturm, Francoforte sul Meno (Germania), 2011
- Ristrutturazione dell'Instituto Cervantes, Francoforte sul Meno (Germania), 2008
- Edificio per uffici Siesmayerstraße (ex consolato americano), Francoforte sul Meno (Germania), 2007
- Westhafen Marina, Francoforte sul Meno (Germania), 2006
- Westhafen Pier, Francoforte sul Meno (Germania), 2004
- Westhafen Tower, Francoforte sul Meno (Germania), 2003
- Westhafen Bridge Building, Francoforte sul Meno (Germania), 2003
- Westhafen House, Francoforte sul Meno (Germania), 2003
- Edificio dirigenziale BRAUN, Kronberg im Taunus (Germania), 2000
- Infobox, Leipziger Platz, Berlino (Germania), 1994 (smantellato 2001)
 
Sito ufficiale
 
www.schneider-schumacher.com

Correlati: schneider+schumacher


Correlati

20-11-2019

Milano BookCity 2019 libri d'architettura

Dal 13 al 17 novembre nella città di Milano si è svolta Bookcity, la grande festa...

More...

19-11-2019

Sketch Architects Hindmans Road House Londra

La nuova casa al n.30 di Hindmans Road a East Dulwich, nel quartiere di Southwark, zona sud-est di...

More...

18-11-2019

Mizzi Studio The Royal Parks Kiosks Londra

I Royal Parks Kiosks sono piccole strutture in legno che arricchiscono l'esperienza dei cittadini e...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×