27-11-2002

Richard Meier, La chiesa dell'anno 2000, Roma

Richard Meier,

Roma,

Bar, Chiese & Cimiteri,

Committente: Il Papa, capo della chiesa Cattolica.
Progettista: Richard Meier, un architetto Ebreo.
Progetto: Una chiesa per i 2000 anni dalla nascita di Gesù.



Richard Meier, La chiesa dell'anno 2000, Roma Forse più che l'edificio stesso, colpisce la situazione, quasi assurda, di un architetto ebraico che progetta la più importante chiesa cattolica per l'anniversario del 2000.

Non sarà questo il simbolo di quello che ci auguriamo per un futuro imminente?
Il papa ha proposto una nuova chiesa per la gente, ma con l'incarico all'architetto Meier (dopo una celebre gara internazionale), ha introdotto anche i valori che la gente deve assumere: quelli dell'accettazione e delle libere opportunità senza discriminazione di religione, razza e sesso.

L'architettura, essendo un mestiere universale, può generare occasioni in cui le barriere della diversità e le divisioni in categorie non contano più. Introducendo così, una varietà di concetti etici ed estetici, un architetto può oggi arricchire un tema di progettazione con una propria cultura e tradizione.

Infatti, cosi è nella chiesa del 2000. L'architetto Richard Meier ha potuto esprimere al meglio i principi che lo hanno accompagnato nella pratica dell'architettura durante gli ultimi anni. Secondo Meier, l'architettura viene concepita come "arte sociale", deve creare aggregazione e partecipazione, sviluppando incontri altamente comunicativi fra i fedeli. Da qui nasce l'obiettivo principale dei progettisti: creare una nuova costruzione, punto di attrazione e riferimento in una zona residenziale, isolata dal tessuto urbano di Roma.

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×