1. Home
  2. Architetti
  3. Interviste
  4. Richard Meier

Richard Meier


Biografia

Peek: Sotto l'aspetto della ricerca artistica, ho notato che di notte le sue costruzioni assumono una qualità pittorica , un senso astratto di finestre danzanti nel paesaggio, e in recenti progetti l'astrazione è maggiore, la luce diventa come calore e suoni che emanano dall'interno.
Ci potrebbe parlare della trasformazione della luce?

Richard Meier: La luce è molto importante per me, è qualcosa di cui mi preoccupo costantemente.
Quello che è interessante della luce è che per quanto tu la conosca, ti sorprende sempre, assume aspetti che non sono mai prevedibili o anticipabili. Penso che parte dell'emozione del fare architettura sta proprio nelle sorprese che scuotono questo nostro credere di sapere quello che si sta facendo.
E penso che la più grande sorpresa sia vedere i giochi che la luce crea dentro le forme in modi che neanche immaginavi possibili e che sono determinati dal periodo del giorno, dell'anno, dalla diversa qualità della luce che cambia durante l'arco del giorno; è qualcosa che mi dà sempre un grande piacere e che a volte si può anche tentare di cogliere su una pellicola, ma non ci si riesce mai veramente, perché la luce ti mostra sempre un unico aspetto che cambia così repentinamente che solo in quel preciso istante puoi esclamare "Ma guarda che cosa incredibile!"

Intervista

Peek: Sotto l'aspetto della ricerca artistica, ho notato che di notte le sue costruzioni assumono una qualità pittorica , un senso astratto di finestre danzanti nel paesaggio, e in recenti progetti l'astrazione è maggiore, la luce diventa come calore e suoni che emanano dall'interno.
Ci potrebbe parlare della trasformazione della luce?

Richard Meier: La luce è molto importante per me, è qualcosa di cui mi preoccupo costantemente.
Quello che è interessante della luce è che per quanto tu la conosca, ti sorprende sempre, assume aspetti che non sono mai prevedibili o anticipabili. Penso che parte dell'emozione del fare architettura sta proprio nelle sorprese che scuotono questo nostro credere di sapere quello che si sta facendo.
E penso che la più grande sorpresa sia vedere i giochi che la luce crea dentro le forme in modi che neanche immaginavi possibili e che sono determinati dal periodo del giorno, dell'anno, dalla diversa qualità della luce che cambia durante l'arco del giorno; è qualcosa che mi dà sempre un grande piacere e che a volte si può anche tentare di cogliere su una pellicola, ma non ci si riesce mai veramente, perché la luce ti mostra sempre un unico aspetto che cambia così repentinamente che solo in quel preciso istante puoi esclamare "Ma guarda che cosa incredibile!"

Correlati: Richard Meier


Correlati

03-06-2020

PuccioCollodoro Architetti interior design Gran Cafè Torino a Palermo

A Palermo, in un importante edificio storico degli anni Venti del 1900 che sorge nei pressi della...

More...

02-06-2020

DROM trasforma una piazza monotona in un vivace spazio pubblico - Azatlyk Square

La nuova piazza Azatlyk di Naberezhnye Chelny, Russia, recentemente completata, è uno spazio...

More...

01-06-2020

Mario Cucinella Architects Nuovo Polo scolastico Campus KID San Lazzaro di Savena

Il progetto del Nuovo Polo scolastico Campus KID di San Lazzaro di Savena, realizzato dallo studio...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature