10-11-2003

Ricardo Legorreta Arquitectos
Biblioteca Magna Solidaridad di Monterrey, Messico, 1994

Monterrey, Messico,

Paesaggio, Sport & Wellness, Biblioteche,

Nel dopoguerra, anche in Messico si è notevolmente diffuso l'International Style, che ha consentito di mettere da parte le caratteristiche principali dell'architettura tradizionale, quali l'utilizzo di massicce pareti portanti e di spazi raccolti.



Ricardo Legorreta Arquitectos<br> Biblioteca Magna Solidaridad di Monterrey, Messico, 1994
Nei suoi edifici, gli elementi che richiamano la tradizione ispanica sono le mura, che definiscono il gioco dei volumi e conferiscono unità al progetto.

Ispirata anche agli edifici precolombiani basati sull'articolazione di semplici volumi, l'architettura di Legorreta si esprime attraverso l'impiego di geometrie solide, regolari e delicatamente armonizzate nel paesaggio.
Il progettista, infatti, concepisce il paesaggio come parte integrante dell'architettura, intesa non come mera espressione estetica o strumentale dell'idea di base, ma come qualcosa di più profondo che si radica nella cultura e nel mondo emotivo di un popolo.

Per questo motivo, l'obiettivo primario dell'architetto messicano resta quello di progettare opere che piacciano alle persone che le abiteranno, offrendo loro spazialità da sperimentare e, soprattutto, emozioni.

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×