20-04-2020

Piuarch Campus Human Technopole nuovo palazzo della ricerca per ex area Expo Milano

Piuarch (Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario),

Milano,

Uffici, Università,

Premio,

Lo studio d'architettura Piuarch, fondato da Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario, ha vinto il concorso internazionale di progettazione indetto da Fondazione Human Technopole e Arexpo per l’ex area Expo di Milano, dove sarà realizzato il Campus Human Technopole. Un nuovo palazzo della ricerca, dieci piani di altezza per 35.000 metri quadri con laboratori e tecnologie d'avanguardia a disposizione degli scienziati e da completare in tre anni.



Piuarch Campus Human Technopole nuovo palazzo della ricerca per ex area Expo Milano

Lo scenario mondiale determinato dal covid-19 è l'esempio più lampante di quanto la ricerca scientifica sia importante e imprescindibile per il benessere e la salute dei cittadini. Di conseguenza appare chiaro come sia fondamentale che scienziati e ricercatori possano avere a disposizione laboratori, spazi e tecnologie all'avanguardia per poter operare in sicurezza e affrontare le sfide future. In quest'ottica è stato recentemente presentato a Milano il risultato del concorso internazionale di progettazione indetto da Fondazione Human Technopole e Arexpo per il nuovo edificio di Human Technopole, l'istituto italiano di ricerca per le scienze della vita che sorgerà nel cuore di MIND Milano Innovation District, l’ex area Expo di Milano.
La sede principale e cuore delle attività scientifiche del Campus Human Technopole porterà la firma dello studio italiano Piuarch, fondato dagli architetti Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario.

Il nuovo Campus Human Technopole, occuperà una superficie di circa 55.000 mq, e comprenderà anche strutture già presenti nell'ex area expo di Milano, come Palazzo Italia, l'iconico edificio progettato dagli architetti Michele Molè e Susanna Tradati dello studio Nemesi&Partners per Expo Milano 2015, il Padiglione Nord e il Padiglione Sud. L'intera area del campus è stata pensata proprio in continuità con gli spazi circostanti il Decumano e il Cardo, gli assi viari dell'impianto planimetrico dell'Expo 2015, preservando il rapporto visivo con Palazzo Italia. Il nuovo edificio sarà il centro principale delle attività scientifiche del campus. Dieci piani di altezza per 35.000 metri quadrati di superficie complessiva, di cui oltre 16.500 metri quadri dedicati esclusivamente a laboratori per la ricerca scientifica e 3.000 metri quadri di terrazze e coperture verdi. Sarà costituito da due volumi funzionali e flessibili che si svilupperanno intorno a uno spazio centrale definito “common ground”. Si tratta infatti del cuore dell'intera costruzione, sia per la sua collocazione spaziale nell'edificio, ma soprattutto per la sua funzione di snodo fondamentale per le attività che si distribuiranno tra i laboratori e gli uffici nei due diversi volumi funzionali. A pianoterra il common ground sarà in parte aperto e in parte vetrato, per poi proseguire a tutta altezza fino al tetto, creando un luogo inondato di luce naturale con passerelle e rampe di interconnessione tra i diversi livelli.
I piani dal primo al nono saranno dedicati agli uffici amministrativi e ai centri di ricerca con laboratori di biochimica e biologia molecolare, strumentazioni scientifiche d'avanguardia e postazioni di lavoro per ricercatori. Il decimo e ultimo piano sarà dedicato agli spazi comuni come zone di ristoro, sale riunioni di rappresentanza e aule per eventi e attività formative, comprenderà inoltre gli uffici dirigenziali e le terrazze da cui accedere alla copertura verde, elemento iconico di tutto l'edificio. Costituita da falde asimmetriche e da una sequenza di terrazze verdi esposte a sud, la copertura ha diversi vantaggi: la presenza del verde e dell'impianto fotovoltaico, una gestione corretta del deflusso delle acque meteoriche, le viste panoramiche su Milano che permettono all'edificio di stabilire un dialogo visivo costante con la città.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Piuarch

Winner: Piuarch
Founding partners: Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini and Monica Tricario
Project: Human Technopole Headquarters
Location: Milano Innovation District – MIND - Milano Italy

Numbers – areas, height, division by function
Total new building area: 35,000 sq.m.
Laboratories and support areas 16,500 sq.m.
Offices 5,800 sq.m.
Common areas, distribution and services 6,700 sq.m.
Canteen and cafeteria 1,000 sq.m.
Technical rooms, storage and parking 5,000 sq.m.
Terraces and greenery covered areas: 3,000 sq.m.

Architectural Design: Piuarch
Structural Design: 3TI Italia
Systems Design: Seingim
Infrastructure Design: J+S
Urban Design: Archimi
Medical Labs Consultant: Massimo Acerboni, engineer
Landscape Design Consultant: Cornelius Gavril


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature