05-09-2002

Philippe Starck, Ian Schrager's Hotels

Philippe Starck,

Londra,

Hotel, Ristoranti, Ville, Bar, Sport & Wellness,

Mostra,

Consapevole della mobilità della vita contemporanea e di come gli hotel siano sempre più considerati luoghi di culto, Ian Schrager, l'imprenditore che a New York ha creato locali come il mitico Studio 54 o il Palladium, si è rivolto a Philippe Starck per sperimentare, all'interno dei suoi alberghi, le nuove tendenze dell'abitare temporaneo



Philippe Starck, Ian Schrager's Hotels Negli Hotel la contemporanea presenza di spazi pubblici e ambienti privati e la necessita di confrontarsi con la standardizzazione e la personalizzazione degli spazi rappresentano un campo di straordinario interesse per la ricerca progettuale di Stark, il quale ha creato nuovi archetipi dell'accoglienza che sono dei veri e propri antidoti al minimalismo e al rigore del vivere cosmopolita.
Diverse sono le trovate del "genio" francese per creare spazi inconsueti e suggestivi: Nel ristorante Asia De Cuba, all'interno del Hotel Mondrian di Los Angeles (1996), è possibile mangiare sulla terrazza circondati da una serie di vasi di terracotta enormi con piante di ficus e Buganvillea.

Il nuovo lusso è dato dalla combinazione di ambienti differenziati che offrono al visitatore suggestive esperienze sensoriali tra colori acidi ed oggetti impensabili, come nell' Hotel St Martins Lane di Londra, del 1999, dove all'ingresso, ad accogliere i clienti, sono stati sistemati dei giganti denti dorati che in realtà sono degli sgabelli ed uno schermo retroilluminato che mostra l'interno di una boccia di pesci rossi.

Nel Hotel Sanderson di Londra (2000), realizzato all'interno di un edificio anni '50, l'ingresso, sobrio ed essenziale all'esterno, da accesso ad un mondo a parte: una grande hall con colori acidi e pastello combinati insieme, sensuali poltrone a forma di labbra, una sala da biliardo completamente viola, i microscopici e alti tavolini del bar, tutto contribuisce alla continua sorpresa dell'ospite.
Nelle stanze da letto Starck propende per soluzioni generalmente più sobrie, preferendo ambienti dalle tonalità neutre e dagli arredi minimalisti, talvolta scaldati da giochi di luce o spazi old fashion come nell' Hotel Delano di Miami (1995) dove una mano di colore bianco ricopre tutti i complementi uniformandoli.

L'eclettismo, l'ironia, la continua sorpresa data dall'uso della luce e del colore, l'originale fruibilità degli spazi comuni ed il calore delle atmosfere surreali sono gli ingredienti usati da Starck per rendere il pernottamento negli alberghi di Schrager un'esperienza da ricordare.

Flores Zanchi

Links:
www.ianschragerhotels.com/home.html
www.philippe-starck.com/index01.html

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×