04-05-2007

Peter Lorenz. Sottolfaro. Trieste. 2004

Peter Lorenz,

Trieste,

Housing, Condomini,

Vetro, Acciaio,

Un progetto coraggioso e provocatorio, per questo da molti non compreso e discusso: Sottolfaro è un complesso di 6 appartamenti, realizzato a Trieste ai piedi del Faro della Vittoria, l'imponente opera dell'architetto triestino Arduino Berlam che fa anche da monumento commemorativo per i caduti della Prima Guerra Mondiale.



Peter Lorenz. Sottolfaro. Trieste. 2004 Discostandosi chiaramente dall'architettura del luogo, giocando con l'asimmetria e con l'accostamento di volumi, Sottolfaro è stata giudicato con scetticismo e per molti cittadini è rimasta un'architettura non capita. L'edificio si sviluppa su un lotto prospiciente il mare, precisamente sul colle di Gretta, e sembra che ne sia ipnotizzato, perché dalle sue stanze non si può fare a meno di osservare l'enorme distesa di acqua.
Particolarità di questo progetto è infatti il modo totalmente diverso in cui sono stati concepiti e realizzati i suoi due volti. Quello che guarda verso il golfo è solare, aperto, luminoso; l'altro, a nord, ha pochissime aperture, per proteggere gli appartamenti dal vento, che proviene quasi sempre da questa direzione. Dalla strada principale, quella che si sviluppa a nord, il complesso sembra scomparire, visto che non ci si accorge affatto della sua presenza, se non fosse per la struttura in vetro che accoglie l'ascensore.
Le due "anime", però, convivono, componendo un edificio dalla personalità decisa e dotato di un forte individualismo rispetto al contesto. Senza fare alcuna concessione alla decorazione, le sue facciate in vetro, quelle verso sud, preferiscono giocare sull'asimmetria e su una continua variazione delle dimensioni, visto che l'edificio si sviluppa in una serie di terrazze, più o meno lunghe, che guardano verso il mare.
Pur nella sua sobrietà, nella nitidezza e linearità del proprio disegno, Sottolfaro è una voce di contemporaneità nel paesaggio costruito triestino. La trasparenza, insieme alla linearità, vi gioca un ruolo fondamentale, connotando il complesso con un incredibile leggerezza. Fondamentale, per questo risultato, l'uso del vetro e del metallo, anche se il cemento vi gioca ugalmente un ruolo essenziale e, nella tonalità chiara scelta da Lorenz, riprende i colori del luogo e dell'architettura in pietra calcarea.
Lorenz, architetto austriaco di Innsbruck, ha così dato vita ad uno dei pochi esempi di architettura contemporanea a Trieste, senza creare un edificio-icona, ma parlando il linguaggio dell'eleganza e del rigore formale.

Laura Della Badia

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature