28-03-2007

Paul Andreu. Museo Marittimo di Osaka. 2001

Paul Andreu,

Osaka, Giappone,

Musei,

Vetro, Acciaio,

Nelle opere di Paul Andreu, architetto parigino conosciuto soprattutto per i megaprogetti degli aeroporti, teatri e stadi, la tecnologia più avanzata si incontra con un'attenta ricerca sullo spirito del luogo.



Paul Andreu. Museo Marittimo di Osaka. 2001 Le linee sono pure ed essenziali, in accordo con lo spirito della tradizione giapponese, ma ciò che maggiormente affascina è la sua forma chiusa che, insieme alla posizione sull'acqua, suscita un forte desiderio di scoprirne gli interni.
La costruzione, particolarmente complessa e delicata, ha richiesto tre anni di lavori. Tra l'altro, bisognava scegliere anche un tipo di vetro che respingesse il calore e nello stesso tempo fosse una garanzia contro l'alto rischio sismico di Osaka.

Obiettivo di Paul Andreu era quello di creare una cupola galleggiante isolata dal resto della città e che risplendesse nel buio della notte. Ed proprio così: di giorno il corpo è più scuro, mentre di notte restituisce un'immagine smaterializzata di sé.

Laura Della Badia

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×