18-05-2016

Murray Kerr (Denizen Works): casa 7 sull’isola di Tiree

Denizen Works,

© David Barbour,

Scozia,

Ville, Housing,

Progettare per i propri genitori e con vincoli di tutela architettonica: nasce così il progetto della casa 7 di Murray Kerr (Denizen Works) sull’isola di Tiree. La casa 7 di Murray Kerr si inserisce nel paesaggio isolano scozzese rifacendosi alla sua tradizione architettonica.



Murray Kerr (Denizen Works): casa 7 sull’isola di Tiree

Tra i primi progetti di Murray Kerr, fondatore nel 2011 dello studio londinese Denizen Works, c’è la casa 7, un’abitazione con guest house sorta dall’abbattimento di un cottage sull’isola di Tiree in Scozia. Oltre alle difficoltà connaturate a un progetto di cui i propri genitori sono i committenti, nel caso della house n. 7 per Murray Kerr la questione era più spinosa perchè il rudere del cottage era sottoposto a un vincolo di tutela, in quanto architettura storicamente significativa. Ma come spesso accade la natura del paesaggio e la storia del luogo sono stati i grandi archivi materici e figurativi da cui trarre le fila di un progetto complesso, le cui esigenze si fronteggiavano con le condizioni specifiche del sito. L’isola di Tiree, la più occidentale delle Ebridi, un arcipelago al largo della costa occidentale della Scozia, è accessibile dalla terra ferma solo con traghetti da Oban o per via aerea dall’aeroporto di Glosgow, con inevitabili complicazioni logistiche ed economiche nel campo dell’edilizia. Riferirsi come immaginario a ciò che si trova sull’isola, alla sua tradizione costruttiva e compositiva, ma anche alle tipologie e alle forme degli arredi, che per anni consolidandosi hanno costituito la forza di questa piccola località, è stata la linea guida. Il progetto è riuscito a conservare la memoria del vecchio cottage in una struttura estremamente vicina alla sensibilità odierna dell’abitare. 

Gli spessi e bassi muri di pietra, testimonianza dell’antica costruzione, suggeriscono una concezione della casa come rifugio, un riparo dai forti venti provenienti dalla costa sulla quale si estende il sito. Se nessun tipo di protezione naturale, nemmeno la vegetazione, esiste per fare da scudo alle sferzate dell’Atlantico del Nord, Murray Kerr imita i fabbricati dal tipico aspetto di minute roccaforti, con non più di un paio di piani sopra terra e ampliati nel piano interrato. Così dopo aver recuperato le pietre dal basamento rustico abbattuto, il progetto riscrive il profilo vernacolare del cottage che unisce in un solo segno copertura e pareti del primo livello. A rimarcarlo, i due tradizionali camini ai fronti opposti che emergono in modo pronunciato dalla base della copertura, donando alla casa un’immagine vagamente zoomorfa. La frattura tra storico e nuovo, sottolineata dalla vernice bianca a contrasto con la membrana bituminosa nera, è ricucita invece dal ritmo e dal taglio delle aperture. A questo corpo principale, che su due piani ospita la guest house con due camere da letto, si aggiunge un secondo corpo che allude per forma e materiali agli annessi agricoli tipici dell’isola. Muri longitudinali e copertura si uniscono in un solo rivestimento di metallo ondulato che sembra disegnato anch’esso per portar via la forza dei venti provenienti dalla costa. Poche grandi aperture con serramenti in legno dipinto di nero accolgono invece l’ingresso della luce, direttamente sulla grande stanza di soggiorno e cucina, e sono disposte in modo che in qualsiasi punto la casa si possa fregiare di una diversa prospettiva sul paesaggio costiero.


Zona living e guest house sono collegate da un terzo corpo di distribuzione, coperto da un tetto vetrato e ospitante ambienti di lavanderia e di servizio, dal quale si scende infine alla camera da letto padronale sita nel seminterrato del volume che ospita la cucina. Essa è protetta su tre lati dal terreno mentre verso sud si apre su un piccolo giardino, a sua volta riparato dietro un basso recinto di pietre.

Mara Corradi

Architects: Denizen Works
Client: Private
Location: Heanish, Isle of Tiree, Scotland 
Structural Engineers: CRA Engineers
Project Architect: Murray Kerr
Design Team: Murray Kerr, David Anderson, David Thomson, Jon Law
Client: Private
Funding: Private
Quantity surveyor: M+B QS
Main contractor: John MacKinnon Builders
Gross useable floor space: 170 sqm
Lot size: mq 200m2
Tender date: October 2011
Start on site date: January 2012
Contract duration: 18 months
Completion of work: August 2013
Structure in: Glu-Lam/timber frame
Facades in: Stone/corrugated cement/corrugated steel
Indoor surfaces: Timber floors and hand polished concrete floors
Floors: Shingle and cobble sets
Photographs: © David Barbour
Website: www.denizenworks.com

Don't Move, Improve! Award Winner 2016
House No.7 voted one of the Buildings of the Century - Scotstyle 2016
Mies Van Der Rohe Award 2015 - Nomination
Stephen Lawrence Prize Winner 2014
RIAS Award Winner 2014
RIBA National Award Winner
Winner of Grand Designs Home of the Year 2014


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature