26-11-2013

Librerie di architettura nel mondo

Klein Dytham architecture,

Londra, USA,

Bar, Biblioteche,

Award, Premio,

All'interno degli spazi delle librerie il viaggiatore, che è in ognuno di noi, può trovare tutte le suggestioni del suo “viaggio”, in particolare in luoghi in cui si miscelano architetture contemporanee e moderniste. E' difficile selezionare le librerie più architettoniche, tuttavia il nostro itinerario privilegia i seguenti spazi.



Librerie di architettura nel mondo

City Lights Book - San Francisco
City Lights, il cui nome è un chiaro omaggio al film di Charlie Chaplin è stata fondata nel 1953 da Peter Martin e dallo scrittore beat Lawrence Ferlinghetti insieme alla omonima casa editrice. Ha avuto una forte influenza non solo sulla poesia americana, ma anche sulla coscienza americana. Situata nel cuore del quartiere italiano di North Beach, sulla Columbus Avenue, City Lights è molto più di una semplice libreria. Essere stata il centro della rivoluzione letteraria della Beat Generation e uno dei principali luoghi di ritrovo degli scrittori del movimento ha reso questo luogo un vero e proprio “landmark” della città, simbolo di interesse storico nazionale. Meta quotidiana di turisti da tutto il mondo è riuscita a mantenere un equilibrio tra la fama internazionale e il desiderio di rimanere simbolo di una cultura alternativa, indipendente e progressista.

Libreria Il Pendulo - Città del Messico
Il piacere dei libri e il piacere di una passeggiata nella natura. Un vero spazio dell'anima dove convivono libri e piante, che nascono e crescono proprio in mezzo ai libri.
Il decoro, le ringhiere, la passamaneria, tutto è dominato dal colore verde, e la libreria acquista l'aspetto e il fascino di una serra, di un colto giardino d'altri tempi. Situata nel quartiere Polanco rappresenta una delle mete migliori per combattere il caldo nella più grande città del mondo. Anche se ha solo una piccola sezione di lingua inglese, la sua architettura aperta, popolata di alberi, è la fuga ideale per trascorrere un pomeriggio, il tutto all'insegna della popolarità come il suo ottimo caffè da degustare al suo interno.

Livraria da Vila - San Paolo del Brasile
Livraria da Vila, progettata dallo studio di Isaj Weinfeil Architects, è uno spazio unico a San Paolo. ll progetto Livraria da Vila bookstore ha vinto, nel 2008, il Premio Yellow Pencil in D & AD Awards tenutosi a Londra, lo Spark Premio - Spark Awards tenutasi a San Francisco, e una menzione d'onore al World Architecture Festival, di Barcellona. Focus della progettazione è stato quello di rendere il locale pubblico un luogo in cui fosse valorizzato al massimo il prodotto contenuto, il merchandising all'interno dello store, e le sue vendite. Sono state cercate soluzioni di interior che permettessero ai clienti di usufruire della libreria il più comodamente possibile.

El Ateneo Grand Splendid - Buenos Aires
E' la libreria più grande dell'America Latina e la più antica dell'Argentina. Lo spazio che occupa era quello dell'antico teatro e cinema inaugurato nel 1919 con il nome di El Ateneo Grand Splendid. L'architettura dell'edificio è piena di fascino e l'intervento di ristrutturazione e riconversione dell'architetto Fernando Manzone lo rispetta integralmente. Al suo interno si possono ammirare i tre piani con le luci e i colori originali appartenenti al teatro fin dai tempi della sua inaugurazione. Una volta delimita lo spazio adibito alla Caffetteria e agli eventi culturali. Duemila metri quadrati pieni di libri nel quale si può leggere seduti comodamente nelle poltrone collocate in tutto lo spazio o al contrario approfittare dell'atmosfera della piccola biblioteca situata nei palchi, il tutto in piena strada Corrientes.  

Daikanyama T – Site - Tokio
E' l'architetto britannico Mark Dytham, che ha progettato la libreria insieme alla tedesca Astrid Klein. L'edificio che lo studio Klein Dytham architecture ha progettato e realizzato per Tsutaya, importante catena giapponese di librerie e media-store, sorge in un quartiere commerciale di Tokyo a bassa densità abitativa, vicino ad alcuni edifici progettati dall'architetto Fumihiko Maki, vincitore del premio Pritzker nel 1993. Il complesso è costituito da tre corpi di fabbrica alti 2-3 piani, e arretrati rispetto alla strada. Nella distribuzione planimetrica dei padiglioni, gli architetti hanno tenuto conto e cercato di salvaguardare gli alberi più belli pre esistenti nello spazio, creando percorsi di collegamento all'esterno attraverso il giardino e all'interno attraverso due ponti di acciaio inox lucido che riflettono l'ambiente naturale circostante.  

VVG Something – Taipei
Taipei è una destinazione molto popolare per il cibo e lo shopping, ma ultimamente le librerie sono diventate un'attrazione popolare, come la meravigliosa libreria VVG Something che si trova in una stradina sperduta, di fronte a un ristorante dall’arredamento etnico che è della stessa proprietaria. I suoi 50 mq sono un piccolo contenitore di storie e di oggetti con una grazia semplice, da vecchio mondo. La proprietaria Grace Wang, inizialmente, usava questo spazio come magazzino per il suo ristorante. Amante di libri e di viaggi, ogni volta che andava all’estero acquistava souvenir, libri, riviste, oggetti di ogni tipo e li impilava in questo ripostiglio. E' nata così questa fantastica libreria- emporio all'interno della quale c’è un piccolo angolo dove è possibile sorseggiare un caffè servito in tazze giapponesi, sfogliando un libro di design o di cucina francese.

E a proposito di storie di luoghi della imprenditoria libraria che soffre, ma che cerca, con la solidarietà di chi ha a cuore la cultura, di restare a galla, nel corso del 2013 è nata l'idea di chiedere donazioni, anche piccole, a lettori e clienti affezionati, utilizzando il crowdfunding. Accade negli Stati Uniti d'America ed è una storia di tentativi contro la crisi. Questo coinvolgimento però piace ai donatori che hanno così la sensazione di intervenire per una causa benefica, salvaguardando un tesoro raro.

Cintya Concari


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×