07-08-2014

Il recupero architettonico secondo Massimo Galeotti

Massimo Galeotti,

Francesco Castagna,

Treviso,

Sport & Wellness,

Legno,

Un progetto di recupero architettonico che esalta le porzioni antiche dell'edificio contrastandole con il legno, ripensando in chiave panoramica le sue aperture e facendo grande attenzione al tessuto storico urbano in cui è inserito.



Il recupero architettonico secondo Massimo Galeotti

Massimo Galeotti, architetto Trevigiano, ha curato il recupero architettonico di un edificio nel quartiere storico di Porto Fiera. Per inquadrare l'antico in chiave contemporanea ha utilizzato doghe in legno, con cui ha rivestito le pareti verticali e un ampliamento apportato in uno spigolo della casa, al fine di esaltarne la stereometria.

Posto di fronte dell'antica chiesa di Sant'Ambrogio, l'edificio è stato ripensato anche in chiave panoramica: nuove aperture sono state realizzate per migliorare la suggestiva vista che dall'interno si ha sulla chiesa e sul quartiere circostante.

Nel progetto degli interni si è voluto salvare quanto possibile della struttura antica: vecchie travi e la struttura del tetto, un tempo nascosta e ora riportata in vista.

Francesco Cibati

Architetto: Massimo Galeotti
Luogo: Porto Fiera, Treviso, Italia
Anno: 2013
Fotografi: Francesco Castagna, Roberto Volpin

www.massimogaleotti.com


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×